Alessandro Accordini Alessandro Accordini

Fotografo con poca luce, adoro il maltempo, preferisco il grigio, il bianco e il nero. Nei miei paesaggi immoti l’assenza del suono diventa la presenza del silenzio. E la figura umana è fragile, effimera, muta. “La solitudine è una tempesta silenziosa che spezza tutti i nostri rami morti; e tuttavia spinge le nostre radici viventi più a fondo nel cuore vivente della terra vivente.” Kahlil Gibran

ATTREZZATURAFujifilm XT5 + Yashica FX3 1984 con Hp5 35mmF1.4 56mmF1.2 50mm Helios44 F2 16/55 F2.8 10/24 F4

SITOin%20allestimento

FACEBOOKfacebook.com/alessandro.accordini.82/