6 Aprile 2021 di Redazione

In questa rubrica ti spieghiamo che cos’è il diaframma e come impostarlo. Controllare il diaframma, infatti, è cruciale per una buona esposizione, ma permette anche di giocare con sfocatura e nitidezza.

C’è un diaframma migliore?

Possiamo scegliere qualsiasi impostazione, ma alcune sono più indicate per determinati soggetti. Vediamo qualche esempio.

Diaframma ampio

diaframma

La profondità di campo ridotta offerta dai diaframmi della fascia da f/1.2 a f/4 rende più semplice sfocare primo piano e sfondo. Pone così le condizioni ideali per sognanti ritratti di persone e animali. La messa a fuoco, però, deve essere impeccabile, proprio perché la profondità di campo è limitata. I diaframmi ampi sono utili anche per fotografia d’azione e notturna. In poche parole, in tutti i casi in cui abbiamo bisogno di molta luce per accedere a tempi veloci.

Diaframma medio

diaframma

I diaframmi tra f/8 e f/11 rappresentano la tipica fascia media di un obiettivo. Tendono a produrre un buon equilibrio tra profondità di campo e tempi di scatto veloci. Di solito corrispondono anche al punto di migliore prestazione ottica e, rispetto a quelli più aperti, mascherano meglio eventuali errori di messa a fuoco. Sono un’ottima scelta per la fotografia “di tutti i giorni”. Dopo tutto, la massima del fotogiornalismo è proprio “f/8 ed essere lì”.

Diaframma chiuso

diaframma

Quando la profondità di campo è il fattore più importante, impostiamo i diaframmi da f/16 in poi. I diaframmi chiusi sono utili per la fotografia macro e close-up. In questi casi, infatti, la profondità di campo è limitata e ogni millimetro conta. Sono ideali anche per le ampie vedute e i paesaggi a perdita d’occhio, quando vogliamo che tutto sia nitido dal primo piano allo sfondo. Stiamo però attenti agli effetti della diffrazione.

 

Leggi anche Diaframma: tutto quello che devi sapere #1

Lascia un commento