Piccoli consigli per foto in bianco e nero a regola d’arte

Capire come il soggetto si tradurrà in monocromia è vitale per creare immagini di successo. Molte tecniche fotografiche, come la ricerca di una composizione pulita o la gestione della caduta della luce, rimangono le stesse a colori e in bianco e nero, ma non significa che possiamo semplicemente fotografare gli stessi soggetti e convertirli in monocromia. I soggetti il cui impatto nasce dal colore hanno ovviamente meno successo in bianco e nero. Anziché guardare il colore di una scena, dobbiamo cercare di immaginare come i toni, i dettagli e gli elementi grafici possano dare forza alla composizione. Ricordiamo però anche che l’immagine che catturiamo può essere un semplice punto di partenza: con facili modifiche, possiamo migliorare e alterare il rapporto fra i toni dell’immagine finale.

Scattare in bianco e nero: è necessario cercare un soggetto che si stacchi dallo sfondo

I fattori che possono influenzare il risultato sono molti, ma il più importante, la cosa da cercare sempre, è un soggetto, o una struttura, che si stacchi dallo sfondo. Insieme al soggetto, spesso sono le ombre a definire la struttura della composizione in bianco e nero, quindi prestiamo loro particolare attenzione. Cerchiamo dunque contrasti di luce e ombre che possano definire la composizione. Proviamo poi a includere elementi più delicati, come dettagli, toni, forme e texture per aggiungere profondità e interesse.

  • CATTURIAMO LA LUCE: per il successo di uno scatto in bianco e nero è essenziale capire come qualità e direzione della luce influenzeranno il risultato. Scattare controluce produrrà risultati teatrali, mentre una luce laterale aiuterà a definire sagome e forme.
  • CATTURIAMO LA SAGOMA: senza il colore, spesso è la sagoma di un oggetto a definirlo. Cerchiamo soggetti i cui contorni creino sagome definite contro lo sfondo. È più facile quando i contorni del soggetto contrastano con quelli di fondo.
  • TONI: Il b/n è perfetto per catturare gli elementi grafici, ma anche le sottili variazioni di tono. Impariamo come i diversi colori si traducono in toni più chiari o più scuri per riuscire a “vedere” in mono.
  • ATMOSFERA: dalle scene cupe e buie a quelle leggere e ariose, l’assenza di colore è ideale per enfatizzare le atmosfere. Possiamo sottolineare le emozioni applicando schermatura e bruciatura per schiarire o scurire specifiche aree dell’immagine.
  • TEXTURE: le texture, che siano quelle di frastagliate pareti rocciose o quelle delicate dei dettagli dei capelli, sono elementi chiave del bianco e nero. Possono esserne anche il soggetto, soprattutto se evidenziate da una luce di taglio.
  • CONTRASTO: il contrasto di luci alte intense e ombre scure aiuta a creare impatto. Anche se l’attenzione è attratta dalle zone più luminose, sono le ombre a definire il contrasto più intenso. È una tecnica che si applica bene ai soggetti più semplici.
  • FORMA: la forma è la sagoma del soggetto in tre dimensioni. Crea sottili variazioni di ombreggiatura, dai toni più chiari ai più scuri.
  • MOTIVI: motivi ripetuti, o pattern, sono eccellenti soggetti per il bianco e nero. Il segreto per catturarli è la semplicità, quindi avviciniamoci o montiamo focali più lunghe per stringere ed escludere le aree della scena che contengono distrazioni.


Latest from Digital Camera

0 0,00
Go to Top