© Massimo Sestini

Massimo Sestini querela il vice sindaco di Trieste: “la mia foto non può essere utilizzata contro i migranti”

Massimo Sestini querela il vice sindaco di Trieste

Massimo Sestini querela Polidori per l’utilizzo improprio dello scatto del famosissimo fotoreporter.
Sestini ha dichiarato a Repubblica “Io quella fotografia l’ho regalata al mondo, per cause umanitarie. Ho lavorato due anni per trovare un’immagine che raccontasse quei viaggi della speranza. Un politico non può usarla così, e soprattutto contro i migranti. E così io querelo e chiedo i danni. Questa volta tocca al vicesindaco di Trieste, quello che ha gettato i vestiti del clochard”.
Stiamo parlando ovviamente dello scatto che ha vinto il  “World press photo” nel 2014, e che vede dei migranti ripresi dall’alto, accalcati su un barcone in mezzo al mare. Ebbene questa fotografia, presente sul sito del fotografo con indicazione specifica del copyright, è stata “sottratta” dal sindaco Polidori ed utilizzata contro gli sbarchi.
Massimo Sestini ha immediatamente inviato una diffida al Vice sindaco, nella quale viene contestato il mancato rispetto del diritto di riproduzione, del diritto esclusivo di comunicazione al pubblico e di distribuzione, e di paternità morale della foto. Polidori è stato inoltre diffidato per violazione del diritto di elaborazione: avendo postato la fotografia su facebook ha aperto una catena senza fine permettendo la ricondivisione dello scatto da parte di migliaia di utenti. Inoltre il fotoreporter sottolinea come sia stato violato il diritto dell’autore a scegliere quando e come una fotografia debba o possa essere utilizzata.

 


Latest from Evidenza

0 0,00
Go to Top