Impeccabile in quanto a resa dei dettagli, l’ottica fissa può essere la scelta giusta per i paesaggi. Ecco tutti i vantaggi.

20 Aprile 2022 di Redazione Redazione

L’ottica fissa può essere la scelta giusta per i paesaggi. È, infatti, impeccabile in quanto a resa dei dettagli.

L’ottica fissa nella fotografia paesaggistica

Tenendo conto della lunghezza focale fissa e della frequente assenza di funzioni extra come la stabilizzazione, è facile dimenticarsi che gli obiettivi fissi presentano molti vantaggi anche nell’ambito della fotografia di paesaggio. In particolare i modelli “normali”, dal grandangolo moderato al medio tele.

La maggior parte delle ottiche a focale fissa offre una massima apertura di diaframma più ampia rispetto a quella degli zoom che coprono lunghezze simili. Spesso, inoltre, è anche molto più piccola e leggera

Ci sono poi anche grandangoli fissi dotati di particolarità impensabili con i comuni zoom – basti pensare ai modelli Tilt&Shift.

Ridurre la profondità di campo

Un’ampia massima apertura di diaframma può non sembrare particolarmente rilevante per i paesaggi, che tendono a richiedere diaframmi più chiusi per tenere a fuoco tutta la scena. Tuttavia, avere la possibilità di ridurre la profondità di campo può dare un tocco di originalità alle immagini.

Il classico “cinquantino” f/1.8 è un’opzione ideale, ed economica, per i corpi macchina full-frame. Mentre il 35 mm f/1.8 riproduce un angolo di campo simile sui corpi con sensore APS-C. Cerchiamo un elemento di primo piano forte su cui mettere a fuoco, apriamo il diaframma su f/2 o f/2.8 e lasciamo che lo sfondo venga registrato come un’eterea sfocatura. 

Se optiamo invece per un grandangolo a focale fissa, abbiamo bisogno di un soggetto davvero molto vicino, ma l’effetto può essere ancora più spettacolare. I diaframmi più ampi permettono anche di accedere a tempi più veloci, per congelare qualsiasi movimento e, per esempio, catturare con incredibile dettaglio le singole gocce d’acqua che compongono gli spruzzi di onde o cascate.

ottica fissa

Altri vantaggi dell’ottica fissa

Oltre a ridotta profondità di campo e ottima resa dei dettagli in movimento, i diaframmi ampi sono ideali anche per scattare alla sera, o comunque in luce ridotta. Anche se non intendiamo usarli, infatti, assicurano un mirino o un’anteprima Live View più luminosi e aiutano a comporre e mettere a fuoco più facilmente.

Esclusa la possibilità di zoomare avanti e indietro, infine, l’ottica fissa ci costringe a concentrarci di più sul punto di vista. Dobbiamo spostarci fisicamente per cambiare la composizione e, automaticamente, ci troviamo a dedicarle molta più attenzione.

Leggi anche
5 obiettivi per i paesaggi: lo zoom standard, spesso sottovalutato

Lascia un commento

qui