Oggi parliamo di lunghezza focale. La scelta dell’obiettivo, infatti, ha un impatto decisivo sulla composizione.

13 Gennaio 2022 di Redazione Redazione

Nel nostro breve corso di fotografia oggi parliamo di lunghezza focale. La scelta dell’obiettivo, infatti, ha un impatto decisivo sulla composizione.

Lunghezza focale

Ottiche grandangolari

lunghezza focale

Le focali più corte riescono a includere una porzione più ampia di scena nell’inquadratura. L’angolo di campo di un obiettivo è infatti determinato dalla lunghezza focale. I grandangoli hanno focali intorno a 24 mm o meno e permettono di ottenere ampie vedute, quindi sono ideali per i paesaggi o le architetture.

Allo stesso tempo, esagerano la prospettiva e creano distorsioni quando vengono usati molto vicino a un soggetto, quindi non sono indicati per i ritratti in primo piano perché donano davvero poco ai lineamenti (naturalmente, questo discorso non vale quando ricerchiamo effetti particolari per una deliberata scelta estetica).

Ottiche tele 

lunghezza focale

I teleobiettivi, contraddistinti da focali superiori agli 85 mm, producono un angolo di campo ristretto e così permettono di stringere su dettagli distanti o concentrare l’attenzione su piccole porzioni della scena.

Inoltre, i tele hanno profondità di campo molto limitata e rendono più semplice sfocare lo sfondo con un diaframma aperto. Questo effetto li rende molto indicati per i ritratti: non facciamo l’errore di considerarli appannaggio esclusivo di fotografi sportivi e naturalistici.

Fisso o zoom?

Gli obiettivi si dividono in zoom e fissi. I primi offrono in un unico corpo una gamma di lunghezze focali, per esempio 18-55 mm o 70-200 mm. I secondi offrono una singola focale fissa, come 50 mm o 85 mm (un classico della fotografia ritrattistica).

Gli obiettivi fissi peccano in versatilità, ma compensano con massime aperture di diaframma più luminose e maggiore nitidezza. I diaframmi ampi permettono di scattare con meno luce e producono una profondità di campo minima, creando quella piacevole sfocatura dello sfondo conosciuta come bokeh.

Leggi anche
Breve corso di fotografia #1: capire l’esposizione
Breve corso di fotografia #2: controllare l’esposizione

Lascia un commento