Se usiamo da poco una EOS, districarsi tra ottiche Canon e attacchi non è sempre facile. Scopriamo i principali tipi di innesto.

8 Marzo 2022 di Redazione Redazione

Se usiamo da poco una EOS, districarsi tra ottiche Canon e attacchi non è sempre facile. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza…

Ottiche Canon e attacchi: non sempre EF va bene

La linea Canon EOS comprende quattro diversi tipi di innesto. Due per fotocamere full-frame (EF ed RF) e due per fotocamere con sensore APS-C (EF-S ed EF-M). È possibile montare alcuni obiettivi progettati per un attacco su un altro (per esempio, gli obiettivi EF funzionano sui corpi macchina EF-S), mentre per altri è necessario un adattatore.

Ci sono anche modelli semplicemente incompatibili con alcune fotocamere (non c’è un adattatore che permetta di montare obiettivi EF-M su attacco RF).

Inoltre, non tutti gli attacchi sono uguali. L’attacco RF ha quattro contatti elettronici più dell’EF e non tutti sono già utilizzati dal sistema, che quindi ha ampio margine per l’introduzione di funzioni aggiuntive in futuro. L’ampio diametro degli attacchi EF ed RF assicura più versatilità in fase di progettazione e rende più semplice arrivare ad ampie massime aperture di diaframma, come f/1.2.

I diversi tipi di attacco

ottiche Canon

EF MOUNT
Reflex full-frame Canon EOS

Con l’ampia copertura di un sensore full-frame, il grande attacco EF ha distanza di flangia (dall’anello al sensore) di 44 mm.

RMOUNT
Mirrorless full-frame Canon EOS R

Ha lo stesso diametro di 54 mm dell’EF, ma senza blocco dello specchio il sensore è molto più vicino all’anello.

EF-S MOUNT
Reflex APS-C Canon EOS

L’EF-S ha lo stesso diametro e la stessa distanza di flangia dell’EF: così le reflex Canon APS-C possono accettare obiettivi sia EF-S, sia EF.

EF-M MOUNT
Mirrorless APS-C Canon EOS M

In linea con le forme compatte delle mirrorless EOS M, l’attacco più piccolo della gamma EOS ha diametro interno di 47 mm.

Leggi anche
Come scegliere l’ottica giusta? #1 

Ci sono 3 commenti

Lascia un commento

qui