La tecnica passo passo per realizzare un suggestivo ritratto al tramonto, sfruttando l’ora dorata e il flash.

1 Dicembre 2021 di Redazione Redazione

Ecco come realizzare un suggestivo ritratto al tramonto. Sfruttiamo l’ora dorata e il flash per ottenere un’esposizione equilibrata.

Allestire il set

Creiamo una luce drammatica con l’aiuto di un flash “modificato”.

ritratto

1 – Il sole

L’angolazione migliore per un ritratto di questo tipo di solito è proprio verso il sole. In genere, in questa direzione, quando il sole tocca l’orizzonte, il cielo assume i colori più vibranti. Anche quando il sole è nascosto dietro le nuvole, come in questo caso, è probabile che il cielo diventi spettacolare.

2 – Location

Pensiamo a una zona vicino a casa che possa prestarsi e consideriamo la direzione in cui cala il sole. Qui il campo di colza offre colori vibranti che stanno molto bene con quelli del cielo. Anche una spiaggia o un lago possono essere ottime scelte, soprattutto se il tramonto si riflette sull’acqua.

3 – Flash in esterni

Un’unità flash stand-alone è ideale perché ha una potenza sufficiente a bilanciare la luce del sole anche quando viene filtrata da grandi modificatori come softbox o ombrelli. Se non abbiamo un flash per esterni, anche uno Speedlite può funzionare bene.

4 – Modificatore e stativo

Modificatori come questo softbox sono in grado di ammorbidire la luce dura del nostro flash e la diffondono sul soggetto, schiarendolo in maniera attraente. I migliori sono ombrelli e softbox, ma se non ne abbiamo uno possiamo anche sparare il lampo attraverso il pannello diffusore di un riflettore 5-in-1.

5 – Comando remoto

Quando separiamo il flash dal corpo macchina, abbiamo bisogno di un modo per attivarlo. Può essere un secondo Speedlite, un cavetto di sincronizzazione o un trigger dedicato. Possiamo anche usare il flash a scomparsa della fotocamera e impostare l’unità remota in modalità slave ottico, in modo che si attivi nello stesso momento.

6 – Bilanciamento del bianco

Impostiamo il bilanciamento del bianco per esaltare i toni del tramonto. Proviamo con un’impostazione manuale, con un valore intorno a 8.400K. Se possibile, scattiamo in RAW, così da avere la possibilità di alterare il bilanciamento in post-produzione con risultati identici a quelli che otterremmo allo scatto.

Ritratto al tramonto: la tecnica passo passo

1Posizioniamo il flash

Montiamo il nostro flash dove vogliamo: su un lato del soggetto per una forte luce diretta che contrasti il controsole. Oppure possiamo scegliere una posizione un po’ anteriore, per un effetto più sfumato e omogeneo. 

2Esponiamo per l’ambiente

Prima di accendere il flash, troviamo l’esposizione che rende al meglio il cielo. Impostiamo la fotocamera in modalità manuale, con un tempo di 1/200 di secondo e ISO 100. Partiamo da un diaframma intorno a f/8, realizziamo uno scatto di prova e cambiamo fino a ottenere il cielo giusto. Per l’immagine di esempio, il diaframma era f/5.6.

3Accendiamo il flash

Accendiamo flash e trigger ed eseguiamo alcuni scatti per cercare l’inclinazione migliore del lampo. Regoliamo l’intensità della luce con il livello di potenza o spostando l’unità più o meno vicina al soggetto.

4“Stacchiamo” il soggetto del nostro ritratto

Non tocchiamo l’esposizione e regoliamo il flash fino a trovare l’equilibrio giusto per la scena. Proviamo a far posare il soggetto in modo che nasconda il sole, o con il sole che appena spunta da dietro per creare un suggestivo riverbero. 

ritratto

5Bilanciamo la luce

Man mano che il sole cala, anche i livelli di luce ambientale si abbassano, quindi può essere necessario sia alzare gli ISO per compensare, sia ridurre la potenza del flash per mantenerlo in equilibrio. Un trigger wireless compatibile è comodo per cambiare in remoto l’intensità del lampo.

6Distanza dal soggetto

La distanza tra flash e soggetto rende più o meno morbida la luce. Avvicinare il softbox porta una luce più morbida sul viso, perché la sorgente di luce diventa più grande. Inoltre, una sorgente vicina richiede anche meno potenza per illuminare bene il soggetto.

Leggi anche
Ritratti perfetti: la guida completa #1

Lascia un commento