30 Settembre 2021 di redazionesf

Vogliamo ottenere una foto che sembri realizzata con una lunga esposizione e il filtro ND? Basta utilizzare il filtro Sfocatura radiale di Photoshop! Ecco come fare…

Simulare una lunga esposizione

Sfocatura radiale di Photoshop è uno dei tanti filtri che consentono di sfocare le nostre foto. Ciò che lo contraddistingue è però la possibilità di “direzionare” la sfocatura stessa. Come suggerisce il nome, lo strumento permette di rendere soffusa una zona, sfruttando cerchi concentrici che aumentano l’effetto da un punto centrale verso l’esterno.

Quest’ultima opzione, per esempio, può essere utilizzata per simulare l’aspetto delle nuvole in movimento, come se si spostassero lungo il cielo durante una lunga esposizione.

lunga esposizione

La stessa immagine prima dell’applicazione del filtro Sfocatura radiale

È difficile ottenere in post-produzione il risultato naturale garantito da un filtro ND “fisico” montato sull’obiettivo al momento dello scatto. Ma possiamo andarci molto vicini. Se abbiamo una vecchia foto di paesaggio scattata senza filtro o treppiede, niente ci vieta di provare ad applicare l’effetto con una combinazione di filtri, selezioni e mascheramenti che lo rendano il più possibile realistico.

Una “lunga esposizione” con Photoshop

1 – Metodo sfocatura

Il filtro ha due tipi di sfocatura. Rotazione funziona con un movimento circolare attorno al punto centrale. Zoom spinge la sfocatura verso l’esterno sempre dal centro. Rotazione è utile per aggiungere una sfocatura alle ruote, per esempio, in modo che i veicoli sembrino muoversi rapidamente.

Zoom serve sia per sfocare le nuvole in movimento, sia per creare una serie di effetti simili ai vortici. Proviamo a usarlo sullo sfondo di un ritratto per dargli dinamismo.

2 – Sfocatura selettiva

Il filtro Sfocatura radiale è molto utile quando lo si applica in modo selettivo ad alcune parti della foto. Prima di tutto bisogna creare un livello duplicato [Ctrl/Cmd+J], quindi selezionare l’area. Lo strumento Selezione rapida è perfetto per i cieli. Basta passarlo sopra l’area e fare [Alt+clic] per sottrarre in caso di errori.

Fatto questo, aggiungiamo una Maschera di livello per isolare il cielo. Infine, selezioniamo e mascheriamo il tutto prima di convertire in Oggetto avanzato.

3 – Oggetto avanzato

In Photoshop, facendo clic destro su un livello e scegliendo Converti in oggetto avanzato, è possibile collocare il livello stesso in una specie di “bolla protettiva”. Qualsiasi alterazione, infatti, viene applicata in modo non distruttivo. Possiamo ridimensionare, regolare i toni o applicare effetti, mantenendo il tutto modificabile.

Tutti i filtri verranno identificati come Filtri avanzati sotto il nome del livello. Per riconfigurarne le impostazioni, basta fare doppio clic su ciascuno.

lunga esposizione

4 – Qualità

Ci sono tre impostazioni tra cui scegliere la qualità della sfocatura. Bozza può lasciare un enorme e sgradevole rumore, finendo per distruggere i pixel. Ha però il pregio di avere un’elaborazione molto veloce. Va bene se vogliamo sperimentare diverse soluzioni (consigliamo comunque l’uso di un filtro avanzato). Una volta scelta la direzione e la forza dell’effetto, impostiamo Qualità su Migliore.

5 – Centro sfocatura

Questa funzione consente di impostare un punto centrale da cui si dipartirà l’effetto radiale. Basta spostare il cursore nel riquadro. Purtroppo non è sempre facile ottenere la giusta collocazione. Soprattutto perché la maggior parte delle immagini è rettangolare e non quadrata.

Se vogliamo ripristinare il punto centrale sul valore predefinito, teniamo premuto [Alt] e facciamo clic sul pulsante Annulla.

6 – Fattore

Come suggerisce il nome, questo cursore consente di controllare la forza dell’effetto sfocatura. Maggiore è il valore, più preponderante sarà il risultato. Come per le altre impostazioni nella finestra di Sfocatura radiale, di solito è necessario fare qualche prova prima di ottenere il giusto aspetto.

Un Fattore abbastanza basso come 18 consente di sfumare delicatamente le nuove, semplificandone così i dettagli.

Lascia un commento