1 Giugno 2021 di Redazione Redazione

Lo specialista Damien Demolder ci svela 15 regole d’oro per la street photography. Siete pronti a fotografare come veri professionisti? Si parte!

1 – Una fotocamera piccola piccola

Qualsiasi macchina fotografica può essere usata per la street photography. Quindi non lasciamoci convincere da nessuno che occorra per forza un certo modello. D’altra parte, è comunque vero che alcuni tipi di fotocamere semplificano la vita. E permettono di ottenere immagini altrimenti molto difficili. Anche se è possibile realizzare scatti di strada anche con le medio formato, non si può certo dire che siano la prima scelta consigliabile. Gli apparecchi grandi attirano l’attenzione e sono pesanti da portarsi dietro tutto il giorno.

street photography

Corpi e ottiche di dimensioni contenute sono preferibili. Si fanno notare meno e possono infilarsi anche in tasca, così da lasciare a casa la borsa. Quando siamo sul campo, non vogliamo (e non dobbiamo) sembrare fotografi e le fotocamere più piccole si nascondono con una mano. Anche se qualcuno le vede, poi, difficilmente sono considerate “professionali”. Cerchiamo di assomigliare a turisti, o comunque a semplici fotografi occasionali. Così, nessuno baderà troppo a noi!

2 – Usiamo obiettivi che riflettano ciò che vedono i nostri occhi

La scelta dell’ottica è cruciale nella street photography, come del resto in ogni genere fotografico. Molta gente si infervora parecchio sulle lunghezze focali “migliori” o “classiche” per la fotografia di strada, come se ci fosse una legge in materia.

L’unica regola invece è sapere quanto vogliamo avvicinarci alle persone che fotografiamo. E poi trovare la focale che includa la quantità di sfondo che vogliamo. In realtà, è semplice. Poiché l’impatto più forte viene spesso creato quando si scatta vicino ai soggetti, le lunghezze focali da “normale” a grandangolari sono le più usate, perché funzionano bene (diciamo un 50 mm equivalente, o un 24 mm per un effetto più teatrale).

Se vogliamo che l’osservatore si senta “dentro” la scena, dobbiamo dargli un angolo di campo in cui possa identificarsi. Di nuovo, una lunghezza standard crea precisamente quell’angolo.

3 – Street photography a colori? Perché no!

Sembra quasi esserci una regola che impone il bianco e nero alla fotografia di strada. Non c’è niente di male, ma solo se è quello che vogliamo, se ci abbiamo pensato e abbiamo davvero deciso che è il trattamento migliore per la situazione.

La maggior parte di noi vede il mondo a colori. Quindi un’immagine a colori è un riflesso sincero di quanto abbiamo osservato. Il colore è più realistico e l’osservatore ha più facilità a relazionarsi con una scena a colori. Si parla spesso in toni reverenziali della purezza del bianco e nero. Ma in realtà si tratta di una rappresentazione falsata. Il bianco e nero non rende automaticamente le immagini più serie o suggestive.

Leggi anche 15 regole d’oro per la street photography #2

 

Forse ti interessano anche 12 trucchi per fotografare la primavera

Lascia un commento