2 Luglio 2021 di Redazione Redazione

Oggi vi sveliamo 6 trucchi per fotografare il cibo come veri professionisti!

Fotografare il cibo: 6 consigli

1 – I props

Uno dei segreti del successo è avere a disposizione un’ampia scelta di accessori (in gergo props) con cui completare e personalizzare lo styling di ogni scatto. Se la fotografia food ci appassiona, non possiamo fare a meno di costruirci una collezione di tazze, filtri da tè, tovagliette e tovaglioli, piatti, posate…

I professionisti finiscono per avere veri musei in casa! Setacciamo mercatini, negozi specializzati e rigattieri e non dimentichiamo che possiamo spendere poco proponendo di acquistare pezzi spaiati o sbeccati. Negli scatti potremo sempre nascondere le imperfezioni.

2 – Lasciare un po’ di margine

fotografare il cibo

La composizione dipende dagli elementi presenti nella scena e da ciò su cui vogliamo concentrare l’attenzione. Nell’immagine qui sopra, la crosta croccante e il suo motivo di incisioni dovevano essere protagonisti. Non stringiamo mai troppo i margini dell’inquadratura. Se lasciamo un po’ di spazio intorno al piatto, guadagniamo più opzioni per un eventuale ritaglio in post-produzione.

Se siamo troppo vicini, indietreggiamo e ricomponiamo. Qui l’inclinazione del pane assicura una visione più tridimensionale e, inoltre, permette di mostrare di più (e meglio) il prodotto, rispetto a un’inquadratura perfettamente frontale.

3 – La posa della giraffa

Poggiamo il soggetto a terra e scattiamo in piedi, con le gambe allargate ai lati del vassoio. È importante che il sensore sia perfettamente parallelo alla superficie del soggetto, per massimizzare la profondità di campo.

Se invece proviamo a inclinare leggermente la fotocamera, un lato della composizione sarà più vicino al sensore. È una buona soluzione per farlo apparire più grande e importante nell’immagine finale.

4 – L’esposimetro

Quando i livelli di luce sono troppo bassi per assicurare una buona esposizione, anziché sacrificare qualità e alzare il livello ISO all’eccesso, ricorriamo a treppiede e comando di scatto remoto. In questo modo possiamo esporre più a lungo senza doverci preoccupare di introdurre mosso o vibrazioni.

5 – Fotografare il cibo: l’importanza dello “styling”

A volte i piatti ci sembrano così belli che viene spontaneo fotografarli così come si presentano e li vediamo. Tuttavia conviene sempre sperimentare un po’ ed esplorare altre soluzioni stilistiche.

Nella foto in alto, il tocco della crema spalmata sul pane cambia del tutto l’impatto e la storia dell’immagine. L’effetto è stato ottenuto lisciando la crema con il dorso di un cucchiaio, per darle un aspetto più levigato e invitante di quello che si era inizialmente ottenuto con il coltello.

6 – Scatto continuo

Se vogliamo provare a catturare il momento in cui viene versato un liquido, usiamo la modalità di scatto continuo per catturare più immagini nel corso dell’azione. Così potremo poi scegliere la migliore con calma, senza essere costretti a centrare il movimento perfetto nel corso della sessione.

Scopri anche i consigli di Jean Philippe Baudey, specializzato in fotografia gastronomica

Lascia un commento