11 Agosto 2021 di Andrea Rota Nodari Andrea Rota Nodari

Analisi dello scatto: scopriamo insieme come leggere un’immagine e quali sono gli elementi che ci permettono di affermare che quella foto “funziona”!

Analisi dello scatto #5

Iniziamo dall’immagine in alto, Syrphidae di Leonardo Capradossi. E vediamo quali sono gli elementi che la rendono così d’impatto.

Dettagli impressionanti

Leonardo ha ottenuto questo incredibile primo piano con la tecnica del focus stacking. Ha infatti unito più scatti realizzati con un obiettivo da microscopio montato su soffietto, ognuno con un punto di fuoco leggermente spostato rispetto al precedente.

Illuminazione

La luce è omogenea, diffusa e priva di contrasti e ombre troppo nette. È perfetta per il tono documentaristico di questa immagine. Lo sfondo nero, oltre a creare un piacevole contrasto con i toni gialli del soggetto, aggiunge impatto e contribuisce a dare evidenza al particolare della peluria chiara che ricopre l’insetto.

Leggere l’immagine #6

Vediamo ora lo scatto di Alessandro NegriTempo di nespole. Perché funziona?

analisi dello scatto

Tempo di nespole di Alessandro Negri

Impatto teatrale

Anche qui lo sfondo nero è prezioso per aggiungere eleganza e impatto all’immagine, che guadagna un fascino pittorico.

Pittura luminosa

Come si vede dal suo profilo sul nostro portale, Alessandro ama sperimentare con la tecnica della pittura luminosa applicata agli still life di frutta e verdura. I risultati parlano da soli. La luce fredda è controllata al millimetro. Schiarisce i dettagli del soggetto e crea intriganti riflessi senza arrivare a sfiorare lo sfondo che scivola nel buio.

Allestimento

Il disegno della composizione e la cura con cui sono stati scelti gli accessori portano il risultato a un livello superiore. Il tavolo e il cestino hanno tonalità neutre e omogenee che lasciano il ruolo di protagonisti ai verdi e ai gialli delle foglie e dei frutti. Ma allo stesso tempo aggiungono texture e interessanti motivi lineari.

Se vuoi condividere le tue immagini con la redazione, ed essere pubblicato sulla rivista, iscriviti gratuitamente qui.

Lascia un commento