11 Maggio 2021 di Redazione Redazione

In questa rubrica ti sveliamo tutto quello che devi sapere sull’autofocus. Scopriamo, dunque, in che modo la fotocamera mette a fuoco. E come possiamo ottenere risultati più nitidi.

Autofocus: reflex vs mirrorless

Le reflex digitali montano un modulo autofocus dedicato che rileva il soggetto e guida il fuoco. Le mirrorless, e le reflex in modalità Live View, usano invece l’immagine registrata dal sensore…

Reflex

autofocus

1 – Specchio primario
La luce attraversa l’obiettivo, colpisce lo specchio e viene riflessa verso lo schermo di messa a fuoco.

2 – Specchio secondario
Una parte della luce attraversa lo specchio semi-trasparente e viene riflessa verso il modulo AF.

3 – Modulo AF
È dotato di sensori che corrispondono alla posizione dei punti AF visibili nel mirino.

4 – Mirino ottico
L’immagine è visualizzata sullo schermo di messa a fuoco. In Live View, la reflex funziona invece come una mirrorless.

Mirrorless

autofocus

1 – Niente specchio
Manca lo specchio: la luce passa dall’obiettivo al sensore.

2 – Live View
La fotocamera usa i dati del sensore per impostare la messa a fuoco.

3 – EVF
Il mirino elettronico è un piccolo schermo Live View che mostra la stessa immagine che vedremmo sul dorso.

4 – Batterie
La durata delle batterie può essere un problema perché il Live View usa molta più energia di un mirino ottico.

Autofocus: come attivarlo

Ci sono diversi modi per avviare il sistema.

1 – Pulsante di scatto
Il modo più classico di avviare il sistema di messa a fuoco automatica è quello di premere a metà il pulsante di scatto. Se la fotocamera è in modalità AF singolo, il fuoco rimane bloccato finché continuiamo a tenere premuto il pulsante.

2 – Pulsante sul dorso
Possiamo configurare uno o più pulsanti sul dorso di una reflex per attivare o disattivare il sistema. Poterlo avviare e fermare indipendentemente dallo scatto ci permette di passare da modalità continua a modalità singola con più efficacia.

3 – Touchscreen
Alcune fotocamere sono dotate di touchscreen. Possiamo toccare l’area che vogliamo nitida per metterla a fuoco. È utile anche per i video perché permette di ottenere cambi di fuoco “cinematografici” toccando soggetti diversi.

4 – Comando remoto
Un comando via cavo o wireless permette di avviare l’autofocus senza toccare il corpo macchina. Se la nostra fotocamera è dotata di Wi-Fi, possiamo anche usare l’app del produttore con dispositivi iOS o Android.

 

Leggi anche
Autofocus: tutto quello che devi sapere #1

Lascia un commento