15 Gennaio 2021 di Andrea Rota Nodari Andrea Rota Nodari

Tra le foto che i lettori inviano alla redazione, questa settimana vi proponiamo alcune immagini della serie Racconti hopperiani di Antonella Taurino. Come i grandi maestri riuniti nella mostra online Hopperiana (ne avevamo parlato qui), anche Antonella si è lasciata ispirare dalle atmosfere malinconiche che pervadono i dipinti di Edward Hopper, maestro del realismo americano della prima metà del Novecento. Durante i giorni del lockdown, la fotografa ha dato vita a una serie di storie di isolamento e abbandono: «Certe sensazioni nascono in un preciso istante senza che tu te ne renda conto e si insinuano veloci fino ad arrivare al tuo cuore, superare le barriere erette per difenderlo e prendere possesso di te fino allo sfinimento».

Ritratti hopperiani: la gestione della luce

Racconti hopperiani © Antonella Taurino

Questo primo piano è particolarmente espressivo: tristezza, angoscia e solitudine del soggetto risaltano evidenti. La luce fredda e tagliente spegne i colori e contribuisce alla definizione dell’atmosfera, mentre la nitidezza temperata rievoca le vecchie pellicole e inscrive l’immagine in un momento fuori dal tempo.

Per vedere altri scatti di Antonella Taurino, clicca qui. Se vuoi condividere le tue immagini con la redazione, iscriviti gratuitamente qui.

Lascia un commento