5 Aprile 2021 di Redazione Redazione

Fotografare in bianco e nero non significa semplicemente togliere il colore dalle nostre immagini. Occorre pensare in bianco e nero e “aggiustare” composizione e impostazioni della fotocamera per arrivare al risultato perfetto. Seguiteci in questa rubrica e fotografare in bianco e nero diventerà un gioco da ragazzi!

Fotografare in bianco e nero #4

In questo nuovo appuntamento vediamo come convertire i nostri scatti in bianco e nero con efficacia.

Come abbiamo detto, infatti, è preferibile scattare a colori e convertire la foto in bianco e nero in un secondo momento. Apprezzeremo la maggiore flessibilità offerta dai software di fotoritocco rispetto alle modifiche in-camera, ricordandoci di partire dal file RAW per ottenere il risultato migliore.

Ecco, quindi, due tutorial dedicati ai più popolari programmi per l’editing delle immagini, Photoshop e LightroomNaturalmente c’è più di un modo per effettuare le conversioni in mono, ma le tecniche illustrate qui sono facili da imparare e padroneggiare.

Bianco e nero in Photoshop

Esistono diversi modi per convertire le immagini in Photoshop. Ma quella che regala risultati fantastici nel minor tempo possibile prevede l’utilizzo di un Livello di regolazione Mappa sfumatura. Non offre il massimo del controllo sul risultato, ma certamente non ne rimarremo delusi!

bianco e nero

1 – Applichiamo una Mappa sfumatura

Facciamo clic sull’icona Crea un nuovo livello di riempimento o regolazione. La troviamo in basso nel pannello dei Livelli, ha la forma di un cerchio mezzo bianco e mezzo nero. Quindi, selezioniamo Mappa sfumatura. Facciamo doppio clic sul gradiente e, in Editore sfumatura, scegliamo “Nero, Bianco” e facciamo clic su OK.

2 – Aumentiamo il contrasto

Se vogliamo aumentare il contrasto dell’immagine precedente, creiamo un Livello di regolazione Valori tonali. Quando apparirà la finestra di dialogo, impostiamo il cursore del nero su 10, quello del bianco su 245 e quello dei mezzi toni su 1,15. Concludiamo premendo OK.

3 – Usiamo Valori tonali per ridurre il contrasto

La conversione con Mappa sfumatura di solito produce immagini dall’alto contrasto. Se preferiamo ridurne un po’ l’impatto, affidiamoci a Valori tonali. Azzeriamo tutti i cambiamenti fatti nel Livello di regolazione Valori tonali nel passo 2. Spostiamo il cursore Valori tonali in Output su 25 per alleggerire i neri.

Bianco e nero in Lightroom

bianco e nero

Se abbiamo scattato in RAW, per la trasformazione delle nostre foto in bianco e nero affidiamoci a Lightroom o ad Adobe Camera Raw. Lavorare sulle informazioni “grezze” offre più spazio di manovra in fase di editing. Inoltre, i software ci forniscono ben otto canali colore per controllare con precisione come i colori verranno convertiti in scala di grigi.

1 – Procediamo con le regolazioni base

Prima di convertire un file in bianco e nero con Lightroom, è bene correggere il bilanciamento del bianco ed elaborare l’immagine come se fosse destinata a restare a colori. È importante farlo, perché avremo così un punto di partenza migliore per le operazioni che seguiranno.

2 – Convertiamo in mono

In cima al pannello Base, facciamo clic sulla scheda Bianco e nero. Passiamo alla sezione B & N Miscela Bianco e nero facendo scorrere il pannello stesso. Muovere i cursori verso sinistra scurisce il relativo canale, spostandoli sulla destra lo schiarisce. Per la nostra foto, regolando Giallo e Arancione su +18 abbiamo schiarito il fogliame, con Blu su -47 abbiamo scurito il cielo.

3 – Aumentiamo il contrasto

Le immagini monocromatiche possono sopportare un incremento del contrasto maggiore rispetto alla loro controparte a colori. Proviamo quindi ad alzarne il valore, senza esagerare, per fare emergere maggiormente texture e forme. Basta regolare la Curva di viraggio sull’opzione Contrasto Forte.

 

Leggi anche Fotografare in bianco e nero: tutti i segreti #3

Lascia un commento