7 Settembre 2021 di Redazione Redazione

Dalle immagini HDR alle fusioni di più esposizioni, impariamo a lavorare sui nostri scatti in esterni aumentando la gamma dinamica. Per fotografie perfette anche in condizioni… impossibili!

Gamma dinamica: unire più esposizioni

gamma dinamica

Limmagine qui sopra è stata esposta alle due di notte, con le stelle al massimo della loro luminosità. Non c’era modo, ovviamente, di catturare anche la scogliera sprofondata nel buio. Né di illuminare con torce i faraglioni troppo distanti.

gamma dinamica

L’unica soluzione, in questi casi, è realizzare due esposizioni diverse. Per il primo piano, per avere una buona qualità, usiamo ISO relativamente bassi e apriamo l’otturatore per minuti. È incredibile cosa possa rivelare un’esposizione così lunga.

Per il cielo possiamo alzare la sensibilità intorno a ISO 4.000 ed esporre per 30 secondi. Non di più, altrimenti cominceremo a registrare il movimento delle stelle come brutte scie bianche decisamente poco fotogeniche.

Fusione in Photoshop

Apriamo i due file RAW in Photoshop o Lightroom e apportiamo le correzioni base, mantenendo lo stesso bilanciamento del bianco. Mascheriamo il cielo nell’immagine con il primo piano correttamente esposto e copiamo tutto come nuovo livello nell’immagine con il cielo corretto.

Ottimizzazione automatica della luce

La funzione di Ottimizzazione automatica della luce è disponibile come opzione di menu in tutte le fotocamere correnti Canon. Utilizza regolazioni selettive delle curve per alterare luci e ombre. L’impostazione predefinita ha intensità Standard, ma possiamo scegliere di ridurla.

gamma dinamica

Possiamo anche usare l’impostazione più forte. È utile per aprire le zone più scure, ma tende a impastare un po’ troppo le luci alte, anche perché non offre un completo controllo sull’effetto.

 

Leggi anche
Gamma dinamica: le tecniche per aumentarla #1

Lascia un commento