3 Marzo 2021 di Redazione Redazione

Migliora la composizione delle tue foto grazie ai consigli del professionista Nigel Forster. Impara a scattare in modo creativo, uscendo dagli schemi. Oggi scopriamo come scegliere il miglior punto di scatto, per immagini di forte impatto.

Composizione #5: il punto di scatto

Quando esploriamo e sperimentiamo, non esiste giusto o sbagliato e non c’è una corretta posizione di scatto. Le variabili sono moltissime e possono portare a risultati più o meno forti.

Proviamo sempre a cambiare il punto di vista per ottenere una serie di composizioni interessanti. Anche un piccolo spostamento può fare molta differenza nell’impatto dell’immagine finale. Cerchiamo di identificare un elemento o un soggetto prossimo a noi ed esploriamolo con la fotocamera. Sbrigliamo la fantasia e assegniamoci il compito di trarne dieci immagini uniche. Resteremo sorpresi da quello che potremo realizzare se riusciamo ad aprirci alle opportunità di una visione creativa!

Possiamo inquadrare il soggetto dall’alto o dal basso, spostarci a destra o a sinistra per cambiare l’angolazione. Adottare il formato verticale, puntare la fotocamera direttamente verso il cielo o verso il terreno. Avvicinarci o allontanarci

Anche nella scelta del punto di vista, dunque, la chiave è la sperimentazione. Non chiudiamoci mai su una posizione, un obiettivo, una tecnica compositiva.

Punto di vista basso e linee diagonali

composizione

© Nigel Forster

Come nello scatto qui sopra, un punto di vista basso sposta il baricentro dell’attenzione sul primo piano. Inoltre, semplifica la composizione, riducendo l’estensione del campo medio e stagliando il primo piano direttamente contro lo sfondo, e comprime la prospettiva.

Proviamo altezze di scatto differenti e valutiamo gli effetti di ognuna.

Le diagonali, invece, danno un impatto molto dinamico alle immagini: si prestano a qualsiasi soggetto, ma funzionano particolarmente bene con gli scatti di architetture. L’esempio del ponte di ferro (foto in alto) mostra come una diagonale forte possa diventare anche la protagonista di un’immagine.

 

Se ti sei perso la lezione precedente, dove abbiamo parlato del percorso visuale, clicca qui.

Lascia un commento