28 Settembre 2021 di Redazione Redazione

Sentiamo sempre più spesso parlare di sensori full-frame. Ma di cosa si tratta esattamente? E perché abbandonare i sensori più piccoli a favore di quelli più grandi?

Non solo full-frame…

Esistono sensori di tutte le dimensioni, dai minuscoli chip degli smartphone al gigantesco medio formato da 150 MP della Phase One XF IQ4. Tre specifici formati, però, dominano il settore delle fotocamere reflex e mirrorless.

full-frame

Full-frame

Questi sensori hanno misure quasi identiche a quelle di un fotogramma di pellicola 35 mm. Le fotocamere full-frame sono in genere più grosse e pesanti rispetto a quelle con sensori più piccoli, così come gli obiettivi, che devono proiettare immagini più grandi.

APS-C

Il formato APS-C è basato sul fotogramma della pellicola in formato Advanced Photo System, lanciata con scarso successo alla fine degli anni ’90. In campo APS-C, ci sono leggere variazioni: Canon, per esempio, usa sensori leggermente più piccoli rispetto a quelli dei concorrenti.

Micro Quattro Terzi

Il sistema Micro Quattro Terzi è usato da Panasonic e Olympus. A differenza dei sensori APS-C e full-frame, che danno immagini in rapporto 3:2, come suggerisce il nome, il Micro Quattro Terzi ha un rapporto 4:3, che favorisce la progettazione di ottiche più piccole e leggere.

I vantaggi del full-frame

Qualità di immagine

Anche se la qualità di componenti, ottiche e post-produzione fa un’enorme differenza, in partenza un sensore più grande offre pixel più grandi (e spesso in numero maggiore) e garantisce immagini più pulite e ricche di dettaglio.

Qualità strutturale

I corpi macchina full-frame sono rivolti a professionisti e seri appassionati, quindi tendono a garantire un livello strutturale all’altezza delle necessità di un uso professionale, non diversamente dalle APS-C di fascia più alta.

Mirino

full-frame

Nel mirino vediamo un’immagine più grande, che può rendere più semplice la composizione. Non è sempre facile se portiamo gli occhiali. Potremmo avere difficoltà a vedere gli angoli senza muovere la testa.

Ritaglio

La possibilità di ritagliare le immagini full-frame e conservare buone qualità e definizione è un bel vantaggio. Gli scatti realizzati ad alti ISO, poi, possono essere rimpiccioliti via software senza conseguenze, per ridurre l’entità del rumore.

 

Leggi anche
Perché passare da APS-C a full-frame? #1

Lascia un commento