8 Ottobre 2021 di redazionesf

Il professionista Gary Nunn ci svela alcuni trucchi della fotografia di matrimonio. Un genere fotografico che richiede grande preparazione e serietà per poter immortale il “giorno più bello” della vita di due persone!

Fotografia di matrimonio #4 Il ricevimento

Esaurite le formalità, inizia la festa. Ma non per noi che stiamo ancora lavorando! Catturata qualche immagine essenziale all’inizio della serata, però, avremo finito!

1 Balliamo?

Il primo ballo è un momento speciale per la coppia, la giornata giunge finalmente a un momento di calma prima che tutti comincino a scatenarsi. Mentre gli sposi ballano, cambiamo angolazione e cerchiamo di cogliere una varietà di immagini.

Possiamo scattare attraverso gli ospiti, avvicinarci per immortalare le loro espressioni, usare punti di vista alti e bassi per introdurre movimento. Cerchiamo, però, di non fotografarli per più di un paio di minuti, lasciamo che si godano il resto della canzone…

2 Luci video

Proviamo a usare luci video continue. Possono essere più semplici da usare e assicurano risultati più prevedibili rispetto agli Speedlight. La loro illuminazione più delicata dà un aspetto diverso agli scatti e per i soggetti sono meno fastidiose rispetto a un accecante lampo di flash.

3 – La torta

Prima del taglio della torta, realizziamo un singolo scatto di prova per controllare esposizione e composizione e verificare che, dal punto di vista scelto, non spuntino uscite di sicurezza o altre strane cose dietro gli sposi. Niente distrugge l’atmosfera di un’immagine del genere più del cartello della toilette bello evidente dietro la torta!

4 – Riflettiamo il flash

Moltissimi fotografi danno per scontato di poter sfruttare al meglio il flash riflettendo il lampo sul soffitto. Se l’ambiente ha un soffitto bianco e basso, in effetti, è vero. I locali dove si tengono celebrazioni e ricevimenti, però, spesso hanno soffitti alti, decorati, dipinti o a cassettoni di legno.

In questi casi dobbiamo sfruttare altre superfici circostanti e cercare una parete bianca o un qualche altro oggetto su cui riflettere il flash.

La calibrazione delle ottiche

Ci capita di chiederci perché ogni tanto manchiamo il fuoco? Alcuni scatti sono nitidi ma altri appena un po’ morbidi e non capiamo perché? Se stiamo usando un’ottica fissa luminosa (come un 50 mm f/1.4) può essere utile “calibrarla”.

Fotocamera e obiettivi sono il più delle volte prodotti in stabilimenti diversi e, appena usciti dalle rispettive scatole, non hanno il miglior rapporto del mondo. La calibrazione dell’obiettivo permette di affinare il fuoco per gli importanti ritratti scattati con profondità di campo ridotta.

Lettura esposimetrica Spot

Per la cerimonia, impostiamo la lettura esposimetrica Spot, in modo che la fotocamera possa effettuare la misurazione sui toni della pelle, per avere una perfetta illuminazione degli sposi. Il nostro scopo primario è documentare il momento delle persone che abbiamo di fronte. Esporle con chiarezza ci risparmierà molti problemi.

 

Leggi anche
Tutti i segreti della fotografia di matrimonio #1
Tutti i segreti della fotografia di matrimonio #2
Tutti i segreti della fotografia di matrimonio #3

Lascia un commento