Memoria e passione
Alpe di Siusi, 1979 © Luigi Ghirri

I Capolavori della Collezione Bertero riaprono al pubblico!

A partire da lunedì 18 maggio, CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia ha riaperto le sale di via delle Rosine 18 per tornare a vivere di persona, e in sicurezza, le fotografie di Memoria e Passione. Da Capa a Ghirri. Capolavori dalla Collezione Bertero.

La mostra

Con Memoria e Passione. Da Capa a GhirriCapolavori dalla Collezione Bertero, aperta fino al 30 agosto, CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia si anima attraverso le storie e i racconti celati nelle immagini più significative della Collezione Bertero, raccolta unica in Italia per originalità dell’impostazione e qualità delle fotografie presenti. Curata da Walter Guadagnini, direttore di CAMERA, con la collaborazione di Barbara Bergaglio e Monica Poggi, la mostra racconta il nostro passato e le radici del nostro presente, oltre all’evoluzione della fotografia italiana e internazionale dagli anni Trenta fino alla fine del XX secolo. Ma la mostra è anche, e soprattutto, l’omaggio alla splendida storia di un collezionista, Guido Bertero, che, a partire dalla fine degli anni Novanta ad oggi ha raccolto oltre duemila stampe con una passione unica. Tra le immagini che compongono la collezione, i curatori ne hanno scelte più di trecento, realizzate da circa cinquanta autori tra i quali alcuni dei protagonisti della storia della fotografia italiana e mondiale della seconda metà del Novecento: Bruno Barbey, Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Robert Capa, Lisetta Carmi, Henri Cartier-Bresson, Mario Cattaneo, Carla Cerati, Mario Cresci, Mario De Biasi, Mario Dondero, Alfred Eisenstaedt, Luigi Ghirri, Mario Giacomelli, Jan Groover, Mimmo Jodice, William Klein, Herbert List, Duane Michals, Ugo Mulas, Ruth Orkin, Federico Patellani, Ferdinando Scianna, Franco Vimercati e Michele Zaza.

La mostra è accompagnata da un volume pubblicato da Umberto Allemandi editore, introdotto da Walter Guadagnini, con la riproduzione di più di 250 immagini.

Tutte le novità

Riaprendo le porte al suo pubblico, CAMERA lo fa nella tutela della sicurezza di collaboratori e fruitori. Ecco perché sono state adottate nuove modalità di prenotazione onlinemisure di sicurezza necessarie per accogliere al meglio i visitatori e nuove audio visite.

Prenotazione online

Nel rispetto delle prescrizioni in vigore, CAMERA ha predisposto modalità di visita che consentano di evitare assembramenti di persone e di mantenere la distanza di sicurezza. La prenotazione, che consente un accesso prioritario, è facoltativa e non obbligatoria. È attiva sin d’ora la casella e-mail prenotazioni@camera.to a cui chiediamo di indicare nome e cognome, numero di partecipanti (massimo 4), giorno di visita e fascia oraria desiderata (es. 11-12, 12-13, ecc.). E’ necessario scrivere entro il giorno precedente la visita e verrà sempre dato riscontro nel più breve tempo possibile.
La ricezione della conferma, compatibilmente con le disponibilità di posti, è necessaria per ottenere l’accesso prioritario. Non verranno accolte prenotazioni telefoniche.

Audio visite

Per continuare ad accompagnare il visitatore anche in tempi di distanziamento fisico, CAMERA ha pensato e realizzato un sistema di audio visite per offrire una nuova versione della classica visita guidata: grazie ad un semplice QRcode, ciascuno potrà scegliere di ascoltare l’introduzione del direttore e i contenuti audio per singola sala costruendo, così, una fruizione personale e modulare della mostra. Sarà sufficiente inquadrare con la propria fotocamera del cellulare il QRcode per ascoltare i file audio. Il servizio, offerto in collaborazione con ARTECO, sarà gratuito.

Misure di sicurezza e orari

Per CAMERA la sicurezza rappresenta oggi più che mai la priorità. Le mostre potranno essere fruite con percorsi monodirezionali di ingresso/uscita chiaramente segnalati. Nello spazio, pannelli informativi daranno le indicazioni per mantenere le distanze di sicurezza e le giuste precauzioni. All’interno del centro espositivo sarà obbligatorio l’uso della mascherina e, se prescritto dalle autorità competenti, a ogni visitatore verrà controllata la temperatura corporea all’ingresso della Fondazione.
Al bookshop verranno distribuiti guanti monouso per sfogliare i volumi esposti mentre il gel disinfettante sarà a disposizione in vari punti dello spazio espositivo. Verranno, infine, assicurate procedure di igienizzazione ripetute nel corso della giornata e di sanificazione periodica.

CAMERA sarà aperta con il consueto orario: lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle 11.00 alle 19.00, giovedì dalle 11.00 alle 21.00. Per festeggiare la possibilità di tornare a visitare le mostre, anche due aperture straordinarie, dalle 11.00 alle 19.00: martedì 19 maggio e martedì 2 giugno, Festa della Repubblica Italiana.

Attività online

In questa fase, CAMERA sceglie di prosegue anche con lo spazio virtuale di racconto e condivisione di #CAMERAonair attraverso video, immagini, storie, curiosità pubblicate sui nostri canali social – Instagram, Facebook e Vimeo.

Si arricchisce settimana dopo settimana con un ottimo successo di follower il programma dei FOTO-TALK, A CASA DELL’ARTISTA – le dirette Instagram del giovedì alle 18.30 in collaborazione con Lavazza, dove si sono alternati “al microfono” di Instagram, insieme al curatore di CAMERA Giangavino Pazzola e alla curatrice e registrar Monica Poggi, i fotografi Lorenzo VitturiPaolo Ventura, Silvia Camporesi, Francesco Jodice, Jacopo BenassiNicola Lo Calzo, Federico Clavarino e dove il prossimo ospite sarà Linda Fregni Nagler (28 maggio).
Continuano i FOTO-PODCAST, le audio rubriche del sabato che ci intrattengono con audio in versione podcast di estratti tratti da preziosi libri fotografici del nostro bookshop, e i laboratori online per i più piccoli di CAMERA KIDS, una domenica al mese in collaborazione con ARTECO.
Ritorna anche la rubrica FOTO-NOTE, un’occasione di studio a distanza grazie ai contributi video del direttore di CAMERA Walter Guadagnini che, dal suo studio di casa, ci racconta alcuni dei passaggi salienti della storia della fotografia italiana e internazionale.
Infine, prosegue la rubrica FOTO-STORIE, il contest di fotografia e scrittura che ogni lunedì lancia una nuova sfida di creatività per comporre un piccolo grande racconto a partire da un’immagine dell’Archivio Storico Eni pubblicata sui nostri canali social.

Per approfondire le attività di CAMERA e per ulteriori dettagli sulla mostra “Memoria e Passione. Da Capa a Ghirri. I capolavori della Collezione Bertero”, visita il sito ufficiale.


Latest from Mostre

0 0,00
Go to Top