In mostra Reliquiae, di Raffaello Bassotto

Reliquiae, di Raffaello Bassotto

Inaugura allo spazio NonostanteMarras la mostra Reliquiae del fotografo Raffaello Bassotto, a cura di Francesca Alfano Miglietti, che rimarrà aperta al pubblico fino al 13 novembre 2018. In mostra una serie di fotografie di reliquie che Raffaello Bassotto realizza tra il 2011 e il 2014, ognuna delle quali assume il valore di “memoria di una memoria”.

Reliquiae: in mostra le parti rimaste di un più vasto corpo fisico

Piccole ossa, cartilagini, frammenti di abiti, capelli, oggetti della passione, chiodi, corde, unghie, ciglia, organi interni, braccia, dita, arti, queste sono reliquie: le parti rimaste di un più vasto corpo fisico, frammenti di un insieme disperso, corrotto, avanzi di vite estinte sul piano biologico ma ancora vive nella dimensione simbolica e apotropaica del culto, della richiesta di cura, di aiuto, di intercessione con il registro umano. Sono proprio questi gli oggetti fotografati da Raffaello Bassotto, che ne studia da un lato il significato religioso e dall’altro il simbolo magico di cui sono portatori.  La grandiosità di umanità, speranza e sacrificio che si cela dietro a questi minuscoli pezzetti di passato ha suscitato in Raffaello Bassotto un interesse per tutto ciò che circonda le reliquie: le bacheche in cui sono custodite, i gioielli e i castoni. Le sue foto, come afferma Francesca Alfano Miglietti, “(…) sono dei viaggi poetici che ci portano oltre il momento raffigurato, spesso oltre la fotografia, una sorta di racconto, una specie di lamento sul corso del tempo. Ogni una fotografia è una traccia, e così preleva dal reale un istante, e lo trasforma in un’apparenza”.

Reliquiae: una riflessione sul tempo e sulla fine

Lavora con quello che trova, Raffaello Bassotto, quello che incontra, selezionando ciò che della cultura permane nel pensiero, nei modi, negli oggetti, nelle costruzioni, nella memoria estetica. Quello di Raffaello Bassotto è uno sguardo lento, uno sguardo che aiuta a capire, a indagare, ad avvicinarsi, che intesse un linguaggio capace fornire una nuova visione del paesaggio urbano e dell’architettura, così come di frammenti e di oggetti. Tracce di tempo, e tracce di luce… Alcuni soggetti, qualsiasi sia la loro natura, assumono una fattezza che ricorda il tempo umano, il percorso, la scoperta, la caduta… Bassotto riprende uno spazio costruito, nelle quali l’oggetto prevale sulla visione: Oggetti in posa, La fabbrica delle campane, La fabbrica del colore, Sul reale, Relique…, muri, oggetti costruiti,  nicchie, forme simboliche che suggeriscono la riflessione sul tempo e sulla fine.( Francesca Alfano Miglietti)

RELIQUIAE. RAFFAELLO BASSOTTO
a cura di Francesca Alfano Miglietti
Dal 17 ottobre al 13 novembre 2018
NONOSTANTE MARRAS
via Cola di Rienzo 8 – Milano
Orari: dal lunedì al sabato 10.00-19.00 | domenica 12.00-19.00
Info: tel.: 02 76280991 – mail: bottega@antoniomarras.it
Sito: www.antoniomarras.com