10 Dicembre 2020 di Elisabetta Agrati

Maurizio Galimberti è tra i protagonisti del Med Photo Fest 2020, evento organizzato dall’Associazione Culturale Mediterraneum che si svolgerà dal 12 dicembre al 31 gennaio tra Catania, Caltagirone e Siracusa. L’autore, celebre per la sua fotografia istantanea, presenterà La Carezza, rilettura in chiave contemporanea di alcune immagini femminili iconiche realizzate nella prima metà del Novecento dagli autori Paul Outerbridge e Man Ray. Realizzate con la fotocamera ibrida a sviluppo istantaneo instax SQUARE SQ20, le immagini si inseriscono nell’ambito dei progetti di divulgazione e di sensibilizzazione sulla prevenzione del tumore al seno e della campagna “Never Stop” promossi da Fujifilm, leading player nella mammografia digitale.

© Maurizio Galimberti

Maurizio Galimberti e il ready made

Le immagini della serie La Carezza sono state realizzate attraverso la tecnica del ready made che focalizza l’attenzione sul particolare, il volto, il corpo, gli occhi, evidenziandolo attraverso una fotografia istantanea. Il risultato sono scatti poetici che creano un legame tra le donne di ieri e di oggi e che enfatizzano il gesto quotidiano del prendersi cura di sé, dedicandoci alle attività che ci fanno stare bene. Spiega Luana Porfido, European Head of Corporate Communication and Integration Chief: «Fujifilm ha sempre avuto una particolare attenzione per la prevenzione e la sensibilizzazione del tumore al seno attraverso svariate iniziative. Siamo felici che il lavoro di Maurizio Galimberti trovi nel Med Photo Fest una nuova occasione per esser visto e apprezzato in un contesto culturale diverso. Le foto, infatti, sono state esposte a gennaio in anteprima nella Polidiagnostica di Voghera, ma è importante che possano parlare a un pubblico più vasto e ricordare che i controlli e la prevenzione sono uno strumento essenziale per il benessere di ogni donna».

© Maurizio Galimberti

Maurizio Galimberti, che sarà presente il 12 dicembre a Caltagirone all’inaugurazione del festival, ricorda: «È un’occasione per tornare in Sicilia, terra in cui ho realizzato la mia prima importante opera e che amo profondamente. Sono quindi molto felice che il lavoro La Carezza possa esser ospite del Med Photo Fest, una bella manifestazione che è cresciuta ed è attenta alla fotografia e offrirà l’opportunità a tanti di vedere questo lavoro dedicato alle donne».

Lascia un commento