7 Settembre 2021 di Elisabetta Agrati Elisabetta Agrati

Va in scena il 10, 11 e 12 settembre a Savignano sul Rubicone (FC) SI FEST, festival di fotografia giunto alla 30esima edizione. Tema scelto per quest’anno dal direttore artistico Denis Curti è FUTURA. I domani della fotografia. FUTURA al femminile, come tanta fotografia di oggi e di domani. Ma anche FUTURA senza distinzione di genere, alla latina, come il plurale delle cose destinate a esistere.

Questa edizione si propone, dunque, come una riflessione sul presente, partendo dal nostro passato e cercando di dare una fisionomia al futuro.

Le mostre di SI FEST

Tante mostre, che potranno essere visitate anche nei weekend del 18-19 e 25-26 settembre. Same But Different è la riflessione sulla natura e sull’impatto dell’uomo su di essa di Arno Rafael Minkkinen, maestro dell’autoritratto. POLARNIGHT è il progetto fotografico di Esther Horvath realizzato durante la più grande spedizione artica di tutti i tempi.

SI FEST

© Elena Givone, Seet Pa Nya, DREAMS

Mario Vidor, presente alla prima edizione di SI FEST nel 1992, ripropone le poetiche immagini di Riflessi sull’acqua. Di grande impatto è DREAMS, fotoreportage di Elena Givone che tocca le favelas di Florianópolis e il carcere minorile di Salvador de Bahia, l’arido Mali e gli orfanotrofi in Myanmar, le zone più povere in Sri Lanka e Ucraina e le macerie di Aleppo.

Sguardo femminile

Da non perdere anche Percorsi al femminile. Uno sguardo sul domani, mostra curata da Alessia Locatelli in collaborazione con la Biennale della Fotografia Femminile di Mantova. Federica Belli, Francesca Cesari, Aida Silvestri, Francesca Todde e Sofia Uslenghi si interrogano su temi strategici per un mondo diverso e possibile. La natura e il paesaggio, il lascito generazionale, la migrazione forzata e l’umanità futura che si troverà a gestire le sorti del pianeta.

SI FEST

© Francesca Cesari, In the Room, Percorsi al femminile. Uno sguardo sul domani

I premiati della scorsa edizione

In mostra a SI FEST anche i vincitori dei premi dell’anno scorso. Giulia Gatti con Su mia madre tira vento si è aggiudicata il Premio Pesaresi 2020 con un progetto realizzato in America Latina sull’archetipo della madre. Il progetto di Maria Cristina Comparato Della presenza ha vinto invece il Premio Portfolio Italia – Gran Premio Fujifilm 2020, grazie al suo percorso dalla scoperta della malattia all’integrazione di una nuova quotidianità.

Lorenzo Zoppolato è il vincitore con Le immagini di Morel del riconoscimento sostenuto da Gruppo Ivas e famiglia Colonna, il Premio Portfolio Werther Colonna 2020. Alla mostra di questo suo diario di viaggio in Patagonia alla ricerca delle radici del realismo magico si aggiunge anche la presentazione della pubblicazione per Emuse realizzata con il supporto del Premio.

A SI FEST la open call RESET

In programma poi la mostra con i progetti vincitori della open call RESET. Il Sistema Festival Fotografia racconta la società contemporanea, indetta nell’ambito del bando “Strategia Fotografia 2020”. La call, dedicata al tema della rigenerazione urbana, è stata lanciata da Sistema Festival Fotografia, la rete dei cinque maggiori festival di fotografia italiani: Fotografia Europea di Reggio Emilia, Cortona On The Move, SI FEST, Fotografia Etica di Lodi e Photolux di Lucca.

Maggiori informazioni: www.sifest.it

Lascia un commento