Il 29 gennaio lo spazio Mixtape Milano accoglie gli scatti di Fabio De Angelis dedicati alle donne e agli anni Settanta.

24 Gennaio 2022 di Elisabetta Agrati Elisabetta Agrati

Si intitola DONNE70 la mostra fotografica che riunisce gli scatti di Fabio De Angelis dedicati alle donne e al movimento femminista degli anni Settanta. Immagini realizzate in quegli anni e pubblicate su quotidiani e riviste che saranno ospitate domenica 29 gennaio nello spazio Mixtape Milano.

Il cambiamento animato dalle donne

Gli anni Settanta, decennio segnato al tempo stesso dalla crisi e dal cambiamento, videro le donne grandi protagoniste e motore di importanti trasformazioni. Furono loro, infatti, a raccogliere il testimone degli studenti, che avevano animato il Sessantotto, con le occupazioni delle Università e i cortei, e degli operai, con le manifestazioni sindacali e gli scioperi.

Fabio De Angelis
DONNE70 di Fabio De Angelis

Racconta Fabio De Angelis: «Con il reflusso delle lotte dovuto alle stragi, alla strategia della tensione, al terrorismo e alla comparsa sul mercato della droga dell’eroina, che devastò le vite di migliaia di adolescenti, la bandiera della trasformazione e del cambiamento fu prepotentemente impugnata dalle donne e dal movimento femminista».

«Milioni di donne, senza un fine prestabilito né un addestramento, si imbarcarono verso un nuovo pianeta. Un altro mondo dove i costumi, la famiglia, il sesso, i rapporti di coppia, la politica sarebbero stati liberati una volta per sempre da norme ottuse, da tabù, da steccati e paletti di una società ritenuta decisamente arretrata».

«Nasceva così una generazione di donne avide di equità, di richiesta di leggi per maggiori diritti; grazie anche al supporto e sostegno del Partito Radicale e della Sinistra. Una generazione di politici, intellettuali, donne e uomini che ho fotografato in quegli anni. Fotografie pubblicate su quotidiani, settimanali e riviste, che rivedranno la luce in occasione di questa mostra, dopo più di quaranta anni. Con la speranza di trasmettervi uno spaccato di quella realtà multiforme e sempre in movimento».

Fabio De Angelis

Nato a Roma nel 1950, all’età di vent’anni ha viaggiato nei paesi dell’Est Europa. Rientrato in Italia, si è recato per la prima volta al settimanale L’Espresso per presentare il materiale fotografico selezionato.

Dopo l’incontro con l’allora photo editor Franco Lefevre, ha iniziato la professione di fotografo. Ha collaborato come freelance con i settimanali L’EspressoPanoramaEpoca e L’Europeo.

Ha poi preso a lavorare anche come agente di importanti agenzie fotogiornalistiche internazionali, in qualità di loro rappresentante per l’Italia.

In un primo tempo ha collaborato con agenzie specializzate in scatti naturalistici, la francese Jacanà e l’inglese Oxford Scientific Film del gruppo Greenpeace International. Successivamente, ha lavorato per Sipa Press, una delle tre più grandi agenzie fotogiornalistiche internazionali. E per alcune delle più importanti agenzie di Milano, Omega e Masi, e infine per la Granata Press dell’amico Pino.

Fabio De Angelis ha, inoltre, proseguito con il suo lavoro di fotografo pubblicando su periodici e mensili.

Negli anni ha difeso il lavoro e i diritti dei fotografi come membro del direttivo GADEF (Gruppo Agenzie Distributori e Fotografi). E poi del direttivo della Tau Visual, la più importante associazione di fotografi italiani.

Info

La mostra DONNE70 è allestita nello spazio Mixtape Milano (coworking & studio fotografico) di Claudio Braccini il 29 gennaio dalle ore 15 alle 20.

In occasione della mostra, Mirabilia (la prima sottoscrizione tematica di caffè specialty italiano) accoglierà i visitatori come a casa, preparando il caffè in moka. I caffè selezionati fanno parte del Women’s Coffee Project, una iniziativa di valorizzazione del ruolo delle donne lungo tutta la filiera del caffè.

www.mixtapemilano.it

Lascia un commento