4 Ottobre 2021 di Elisabetta Agrati Elisabetta Agrati

Fino al 7 novembre, Triennale Milano ospita la mostra 10 viaggi nell’architettura italiana. 110 immagini, realizzate da giovani fotografi, che offrono una panoramica sul patrimonio architettonico contemporaneo lungo dieci itinerari che attraversano la nostra penisola.

Il progetto è stato commissionato dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea (DGCC) del Ministero della Cultura, in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea e Triennale Milano. Una sinergia che è stata sottolineata, nel corso della presentazione della mostra, da Onofrio Cutaia, Direttore Generale della DGCC, così come da Lorenza Bravetta, responsabile del settore Fotografia di Triennale Milano, e da Giovanna Calvenzi, presidente del MuFoCo.

Obiettivo era implementare la piattaforma Atlante Architettura Contemporanea, realizzata nel 2018 dalla DGCC per mappare e divulgare presso un pubblico ampio la conoscenza delle architetture italiane dalla seconda metà del Novecento a oggi grazie al linguaggio fotografico.

architettura italiana

Allegra Martin, Ex uffici Torre del Mare Casa Tizzoni Marazzi, Bergeggi, SV, Mario Galvagni 1954 -1955, 2019 © 2021 DGCC – Ministero della Cultura

Ancora una volta ciò dimostra come architettura e fotografia sia due discipline strettamente correlate. Lo ho sottolineato Stefano Boeri, presidente di Triennale Milano: “La fotografia ha la capacità, e la potenza, di raccontare le architetture, soffermandosi tanto sul dettaglio quanto sulla visione d’insieme, sul rapporto e dialogo tra un edificio, il preesistente e l’ambiente circostante e sulle modalità di fruizione di chi quell’edificio lo vive quotidianamente”.

10 viaggi nell’architettura italiana

Tra il 2019 e il 2020 Roberto Boccaccino, Marina Caneve, Davide Cossu, Louis De Belle, Luca Girardini e Marco Zorzanello, Paolo Lindozzi, Allegra Martin, Simone Mizzotti, Flavia Rossi, Alberto Sinigaglia hanno prodotto un corpus di quasi 3.000 fotografie.

Matteo Balduzzi, Alessandra Cerroti e Luciano Antonino Scuderi, curatori della mostra, ne hanno selezionate poco più di cento che vanno a comporre questa esposizione-installazione di forte impatto visivo. Ideato dallo Studio Folder di Milano, l’allestimento prevede stampe di medio e grande formato su una mappa in rilievo della penisola che consente ai visitatori di ripercorrere fisicamente gli itinerari tracciati dai fotografi lungo il territorio italiano.

La lettura geografica e analitica suggerita dalla mappa è messa in dialogo con una proiezione di grande formato a parete. Una sorta di fondale in cui la totalità delle immagini è ordinata in brevi sequenze secondo criteri puramente formali e compositivi, a enfatizzarne il valore estetico e la polisemia.

architettura italiana

Davide Cossu, Casa dell’architetto, Campobasso, Anastasio Di Virgilio 1975 -1990, 2019 © 2021 DGCC – Ministero della Cultura

Il risultato è una panoramica dell’architettura italiana contemporanea «quasi oggettiva, uniforme», ha dichiarato Giovanna Calvenzi. «Questi dieci autori si sono confrontati con indicazioni molto precise da parte del Ministero. Pur avendo ciascuno una visione molto ricca, vi hanno in parte rinunciato per rispondere alle esigenze della committenza. Dimostrando una grande sensibilità».

Le fa eco Matteo Balduzzi che sottolinea come «ciò cui ogni autore ha dovuto rinunciare sia stato restituito nel senso collettivo di questo progetto».

Info

L’esposizione è ospitata negli spazi di Triennale Milano fino al 7 novembre 2021. Orari: da martedì a domenica ore 11-20 (ultimo ingresso alle 19.00).

La mostra è accompagnata dal catalogo, edito da Silvana Editoriale, che affianca alle immagini contributi critici e le annotazioni che i fotografi hanno prodotto durante o dopo le campagne fotografiche. Le opere fotografiche, al termine della mostra, confluiranno nelle collezioni del Museo di Fotografia Contemporanea arricchendo così il patrimonio culturale pubblico.

Maggiori informazioni: www.triennale.org

Lascia un commento