Kurt Ammann Youth – L’età dell’Innocenza, a cura di Biba Giacchetti, apre al pubblico fino al 1° dicembre a Milano.

4 Novembre 2021 di Elisabetta Agrati Elisabetta Agrati

Kurt Ammann Youth – L’età dell’Innocenza è la mostra che Milano dedica al celebre fotografo svizzero. A cura di Biba Giacchetti e con la collaborazione di Fausto Fabiano, può essere visitata gratuitamente fino al 1° dicembre 2021 presso lo Spazio Eventi di Palazzo Pirelli.

Kurt Ammann e la Straight Photography

Tra i massimi esponenti della grande fotografia d’autore elvetica, Kurt Ammann è anche uno dei rappresentanti della Straight Photography. Una tendenza nata agli inizi del Novecento in contrapposizione al pittorialismo, che getterà le basi per lo sviluppo del fotoreportage e della fotografia documentaristica.

Kurt Ammann
Kurt Ammann, Ortbuhl (Berna), 1958

Nei suoi scatti emergono, infatti, uno stile netto ed essenziale, l’eleganza formale, il rigore compositivo. Tutti aspetti che si possono ritrovare, tra gli altri, in Werner Bishop, Jacob Tuggener, Robert Frank, René Burri, suoi mentori e amici.

Youth – L’età dell’Innocenza

La mostra di Milano presenta una selezione totalmente inedita del lavoro di Kurt Ammann. Dedicate al tema della giovinezza, le immagini attraversano varie decadi e spaziano dalla Svizzera al Giappone, dal Brasile alla Turchia, dall’Italia alla Corea e al Ghana.

Racconta Biba Giacchetti: «È una mostra sottile e profonda che, attraverso la bellezza gentile delle immagini, vuole approfondire l’importanza di questo passaggio dell’esistenza a cui si consegna il futuro del mondo».

Kurt Ammann
Kurt Ammann, Grigioni, 1948

«Una riflessione sulla gioventù che auspica una tutela della sua fragilità e invita al rispetto che essa merita. Un piccolo plauso alla capacità di sorprenderci, come sanno fare gli straordinari ragazzi di oggi che combattono per il clima con un attivismo incredibilmente saggio e promettente».

«È a loro che vogliamo dedicare questa mostra. Ci piacerebbe che conoscessero le immagini di Kurt Ammann, nella certezza che potrebbero riconoscere, nel suo sguardo antico e ancora tanto giovane, la stessa forza e la stessa pulsione che li anima: il vento gentile, talvolta impetuoso, sempre innocente della giovinezza».

Info

L’esposizione è promossa dal Consolato generale di Svizzera a Milano in collaborazione con il Consiglio regionale della Lombardia.

Apertura al pubblico su prenotazione. Dal lunedì a giovedì ore 9.30-13.30 e 14.30-17.30. Venerdì ore 9.30-13.30.

Info e prenotazioni:
Tel. 02 67482777
Email urp@consiglio.regione.lombardia.it

Lascia un commento