16 Settembre 2021 di Elisabetta Agrati Elisabetta Agrati

Prende il via oggi la 16esima edizione di Photofestival, la più importante e ricca rassegna milanese di fotografia d’autore. E fino al 31 ottobre 2021 porterà 150 mostre a Milano ma anche nelle province di Monza e Brianza, Pavia, Lecco e Varese.

Alle mostre, in presenza e per la prima volta in virtuale, si affiancano incontri e iniziative per un festival diffuso che quest’anno ha scelto come filo conduttore “La natura e la città. Segni di un tempo nuovo”. Centrale sarà, dunque, la riflessione sui temi che questo difficile periodo ha portato in primo piano: il ritorno alla natura, il cambiamento degli stili di vita e la riconquista degli spazi urbani, con la crescita della coscienza dell’urgenza verde.

Un’edizione digitale

Roberto Mutti, direttore artistico del festival, ha dichiarato: «Questa sedicesima edizione di Photofestival ci inorgoglisce in modo particolare perché siamo riusciti a rispondere al desiderio fortemente espresso da tutti i protagonisti del mondo della fotografia di riprendersi la scena con mostre e iniziative vissute in prima persona, e abbiamo al contempo arricchito la manifestazione con la grande novità delle mostre in modalità virtuale».

Infatti, per raggiungere un pubblico più ampio, nasce Virtual Photofestival, la piattaforma digitale messa a punto con photoSHOWallⓇ. Dal sito milanophotofestival.it è possibile accedere alla galleria virtuale e godersi un viaggio a 360° che fornisce un estratto delle mostre allestite.

Le mostre di Milano Photofestival

Anche quest’anno il festival affianca grandi autori italiani e internazionali e giovani talenti. Sono presenti importanti fotografi contemporanei come Mario Testino, Maurizio Galimberti, Michael Dressel e Sandro Miller. E del passato quali Tina Modotti, Giovanni Verga e Nadar. Ma Photofestival scommette anche su autori emergenti come Kim Dupond Holdt e Claudio Comito.

Photofestival

Eva Herzigová, Rome, Vogue Paris, 2006 – Courtesy of 29 ARTS IN PROGRESS gallery © Mario Testino

Tra le mostre collettive segnaliamo The Horizon We Look At a cura di Fondazione 3M, in programma dall’11 al 22 ottobre a Palazzo Castiglioni, sui diciassette obiettivi del progetto di sviluppo sostenibile voluto dall’Onu. L’occhio del Milanese. I 90 anni del Circolo Fotografico Milanese, che celebra l’importante anniversario della pregevole istituzione milanese (dal 19 ottobre al 10 dicembre alla Galleria Credito Valtellinese). Muore giovane chi è caro agli dei, in programma alla Fondazione Mudima dal 6 ottobre al 12 novembre, che raccoglie le opere di grandi artiste morte giovani.

Photofestival

Muore giovane chi è caro agli dei

È, inoltre, previsto un ricco calendario di eventi con incontri, letture portfolio, webinar e altre attività.

A Ferdinando Scianna il Premio AIF

Milano Photofestival è anche l’occasione per il conferimento dei prestigiosi Premi AIF – Associazione Italiana Foto & Digital Imaging.

Il Premio AIF 2021 alla Carriera viene assegnato a Ferdinando Scianna, per la straordinaria capacità di indagare nei meandri del linguaggio fotografico dando vita a una ricerca coraggiosa, audace, spavalda, capace di portare l’immagine sui confini di un’espressività mai seriosa e ricca invece di vitalità.

A Camilla Ferrari viene assegnato il Premio AIF 2021 Nuova Fotografia. Questa la motivazione: “Per la serietà e la costanza con cui si sta affermando nel mondo del fotogiornalismo cercando sempre tematiche complesse e non scontate, affrontate con autentica partecipazione e uno stile caratterizzato da una decisa impronta personale”.

Il programma completo di Photofestival 2021 è disponibile online sul sito www.milanophotofestival.it

Lascia un commento