Sony
Le dimensioni contenute del barilotto e il peso di soli 373 g sono ideali per accoppiare l’obiettivo con le mirrorless Alpha full-frame di Sony.

Sony FE 20mm 1.8G. Perfetto compagno dei fotografi paesaggisti e di interni

Un atteso ultragrandangolo fisso per le mirrorless E-Mount va ad aggiungersi alla sempre più ampia disponibilità di ottiche premium “G” targate Sony. I progettisti del marchio giapponese hanno ascoltato i feedback e i consigli dei clienti fornendo loro ciò che desideravano: un obiettivo versatile, compatto e leggero – ovviamente senza alcun compromesso per quel che riguarda le performance.

Prove sul campo, superate a pieni voti!

Il nuovo Sony 20 mm f/1.8 non è luminoso quanto altri modelli G f/1.4, ma la differenza in termini di stop non è così sostanziale e, sui corpi macchina della gamma Alpha, regala vantaggi dal punto di vista del peso (solo 373 g) e della maneggevolezza. Noi abbiamo montato l’ottica di Sony su una A7R IV e abbiamo osservato come l’accoppiata obiettivo + fotocamera offra un perfetto bilanciamento, con una ergonomia impeccabile sia quando si fotografano ampie vedute all’aperto e indoor, sia laddove si monti il tutto su un gimbal per riprese video. Il FE 20mm 1.8G, nome in codice SEL20F18G, è dunque un perfetto compagno di avventure per i fotografi di paesaggio (è resistente a polvere e umidità, vanta un efficace rivestimento in fluoro dell’elemento anteriore contro gocce e impronte, e ha una filettatura di soli 67 mm che consente di montare filtri circolari non particolarmente costosi), così come per chi deve scattare in interni e per i videomaker.

 

L’ottica offre un range di aperture che va da f/1.8 a f/22, con un diaframma costituito da 9 lamelle capace di produrre un bokeh piacevole e naturale, grazie all’apertura pressoché circolare. Lo schema ottico avanzato (con due elementi asferici avanzati e tre vetri ED asferici) elimina i riflessi sagittali assicurando una riproduzione dei punti luce impeccabile anche ai bordi del frame – un’ottima notizia per i fotografi che amano immortalare la volta celeste. La distanza minima di messa a fuoco, solo 20 cm, e il rapporto di ingrandimento massimo di 0,22x quando si imposta la messa a fuoco manuale consentono di includere nell’inquadratura elementi in primo piano particolarmente ravvicinati, per composizioni davvero spettacolari.

Nei nostri test sul campo, il 20 mm di pre-produzione fornitoci dall’azienda ha prodotto un’ottima nitidezza in tutta l’inquadratura anche alle aperture più larghe. Il sistema AF (pilotato da due motori lineari XD – sigla che sta per extreme dynamic – di ultima generazione) si è rivelato preciso e veloce, anche in condizioni di luce scarsa. Inoltre, è particolarmente silenzioso, caratteristica importante per i videomaker. Gli altri controlli a nostra disposizione sono l’anello della messa a fuoco, il classico interruttore AF/MF per l’attivazione o lo spegnimento dell’autofocus, e il grosso pulsante personalizzabile sotto la lettera G (decideremo noi quale funzione assegnargli direttamente dai menu della fotocamera) – tutti sistemati in comoda posizione. Compreso nel prezzo, troviamo il paraluce ALC-SH162, il tappo frontale, quello posteriore e una pratica custodia morbida per il trasporto.