10 regole per la composizione perfetta #1

La composizione di uno scatto è una parte fondamentale della fotografia, perché ti permette di valorizzare il soggetto che stai fotografando e di invogliare chi guarda l’immagine a soffermarsi sulla scena. In questa nuova rubrica ti suggeriamo le 10 regole per la composizione perfetta: naturalmente, non dovrai utilizzarle tutte insieme; prova a sperimentare, ben presto imparerai a riconoscere quale è più utile in un determinato scatto (senza dimenticare che, a volte, le regole possono essere violate). In questa prima parte, scopriamo insieme le prime 5 regole!

1 – Semplifica la scena

Quando guardi una scena a occhio nudo, il tuo cervello localizza velocemente il centro d’interesse. Ma la fotocamera non è in grado di distinguerlo: lei cattura tutto quello che c’è davanti all’obiettivo, e questo può portare a una foto confusa e disordinata che non ha un vero centro d’interesse. Quello che devi fare è scegliere il tuo soggetto e poi selezionare una lunghezza focale o un punto di ripresa che lo facciano diventare il centro d’attenzione dell’inquadratura. Non sempre puoi escludere dalla composizione altri elementi, quindi cerca di tenerli sullo sfondo o di farli diventare parte della storia.

2 – Fotogrammi pieni

Se stai fotografando una scena ampia, può essere difficile capire quanto dovrebbe essere grande il tuo soggetto nell’inquadratura e quanto dovresti zoomare per stringere su di esso. Infatti, lasciare troppo spazio vuoto in una scena è l’errore di composizione più diffuso. Rende il soggetto più piccolo di quanto dovrebbe essere e può anche confondere chi osserva su quale sia il vero soggetto dell’immagine. Per evitare questi problemi, dovresti zoomare o avvicinarti al soggetto scelto per riempire il fotogramma. Il primo dei due metodi, la zoomata, appiattisce la prospettiva della foto e rende più facile controllare o escludere i soggetti sullo sfondo, ma l’avvicinarsi può darti un controllo sui soggetti molto più interessante.

3 – Aspect ratio: le proporzioni dell’inquadratura

È facile prendere il vizio di scattare tenendo sempre la fotocamera in orizzontale. Piuttosto, prova a ruotarla per avere una foto verticale, cambia la tua posizione o la regolazione dello zoom per sperimentare e trovare un nuovo stile. Spesso puoi migliorare il risultato ritagliando la foto in un secondo momento, sia con i tagli verticali sia con quelli orizzontali. Forse sarebbe davvero troppo pretendere che tutti i soggetti reali di un’inquadratura si armonizzassero alla perfezione con le proporzioni del tuo sensore! Prova a ritagliare con una proporzione diversa, per esempio 16:9, per ottenere un effetto panoramico, o in formato quadrato per emulare le pellicole 6×6 delle fotocamere medio formato.

4 – Evita il centro

Quando sei alle prime armi, la tentazione di mettere al centro dell’inquadratura i soggetti in ogni scatto è fortissima. Ciò però produce spesso fotografie che risultano statiche e noiose. Uno dei modi per evitare questo “errore” è quello di applicare la regola dei terzi, sia in orizzontale sia in verticale, e di provare a posizionare il tuo soggetto sull’intersezione di due di queste linee immaginarie. Ma questo tipo di approccio è stato un po’ sopravvalutato. Piuttosto, prova a spostare il tuo soggetto dal centro e cerca di fare in modo che possa essere bilanciato da altri elementi della scena, incluse zone di colori contrastanti o aree luminose. Non esistono regole semplici o veloci per ottenere questo tipo di bilanciamento visuale, ma imparerai presto a fidarti del tuo istinto e a capire subito quando un’inquadratura ti permetterà di ottenere una fotografia interessante.

Analizziamo lo scatto qui sopra: 1) Non diventare schiavo della regola dei terzi, ma prova a decentrare i tuoi soggetti. 2) Cerca nella scena elementi che possano bilanciare l’immagine, come in questo caso il luminoso ingresso della grotta. 3) In questa foto puoi vedere come lo spazio a destra (quello verso cui guarda lo speleologo) abbia semplificato l’immagine.

5 – Linee che guidano

Una fotografia mal composta lascia gli osservatori indecisi su dove concentrarsi e il loro sguardo potrebbe vagare senza meta nella scena non trovando un chiaro punto d’attenzione. Per questo è importante utilizzare le linee presenti nell’inquadratura per controllare il modo in cui gli occhi della gente si sposteranno all’interno della fotografia. Le linee convergenti danno un forte senso della prospettiva e della profondità tridimensionale, trascinandoti dentro la foto. Le linee curve possono guidarti in un percorso dentro l’inquadratura fino a trovare il soggetto principale. Le linee ci sono dappertutto, sotto forma di muri, steccati, edifici e cavi del telefono, e a volte possono anche essere suggerite dalla direzione in cui sta guardando un soggetto fuori centro.

Analizziamo lo scatto qui sopra: 1) Quando foto come questa sono caratterizzate da una linea d’entrata così decisa, per i tuoi occhi diventa impossibile non seguirla! 2) I paletti in questa foto aggiungono valore creando un effetto convergente che ti “risucchia” dentro l’immagine. 3) La recinzione guida l’occhio direttamente al punto principale dell’immagine, la piccola figura in lontananza.


Latest from LATESTHIGHLIGHTS

0 0,00
Go to Top