illuminazione

Come gestire l’illuminazione in uno still-life

Scopriamo come gestire l’illuminazione in uno still-life in esterno, bilanciando tra luce naturale e flash.

Gestire l’illuminazione: due metodi

Quando vogliamo staccare il soggetto dallo sfondo, i fattori più importanti da controllare sono messa a fuoco e illuminazione. Abbiamo due possibili modi di gestire queste due variabili. Possiamo cambiare il diaframma o il tempo di posa.

In questo caso, lo still-life è illuminato da uno Speedlight su stativo, dotato di ombrello diffusore e montato alla sinistra della fotocamera.

Come primo esercizio varieremo solo l’impostazione del diaframma, per scurire lo sfondo. Schiariremo quindi il soggetto con il flash, per staccare i frutti e dare loro importanza. Con il secondo metodo, invece, proveremo a ottenere lo stesso risultato modificando però solo il tempo di posa.

Tutti e due i metodi presentano vantaggi e svantaggi. Il secondo è spesso più efficace. Tuttavia richiede l’uso della funzione Auto FP, quindi fotocamera, flash e comando wireless devono essere capaci di sincronizzazione sui tempi più veloci. Evitiamo in entrambi i casi di andare a toccare gli ISO. Questi, infatti, agiscono sull’esposizione generale, sia sulla luce ambientale sia su quella del flash, e non permettono di discriminare tra le due. Inoltre, scattando in esterni di giorno, avremo probabilmente luce a sufficienza per tenere un valore ISO basso.

Proviamo e scopriamo quale metodo sarà il migliore per le nostre esigenze…

Bilanciamo la luce controllando l’apertura

illuminazione

1 – Esponiamo per l’ambiente

Impostiamo la modalità manuale ed esponiamo per la luce ambientale della scena. In questo caso, l’esposizione era pari a f/5, 1/250 di secondo (la massima velocità di sincronizzazione della fotocamera in uso) e ISO 100.

2 – Sottoesponiamo

Ora sottoesponiamo di circa 1 stop agendo sul diaframma. Qui significa passare a f/7.1. Non tocchiamo nessun’altra impostazione (nel caso dell’esempio, tempo di posa e ISO restano invariati: 1/250 di secondo e ISO 100).

3 – Aggiungiamo il flash

Montiamo il flash a sinistra della fotocamera, puntiamolo sul soggetto, impostiamo la modalità manuale e aumentiamo l’intensità del lampo finché il soggetto non è perfettamente esposto. Impediamo alla luce del lampo di raggiungere il fondale.

Bilanciamo la luce cambiando i tempi

illuminazione

1 – Esponiamo per l’ambiente

Come prima, impostiamo la modalità manuale ed esponiamo per la sola luce ambientale sulla scena. Ovviamente, le impostazioni dell’esempio sono le stesse: diaframma f/5, tempo 1/250 di secondo e ISO 100.

2 – Sottoesponiamo

Sottoesponiamo la luce ambientale accorciando il tempo di scatto di 1 stop. In questo caso, il tempo è passato da 1/250 a 1/500 di secondo, con l’effetto di scurire l’intera inquadratura.

3 – Aggiungiamo il flash

Impostiamo la modalità Auto FP del flash e regoliamo la potenza finché non otteniamo una buona esposizione. Facciamo attenzione a non sovraesporre il soggetto e, ancora una volta, assicuriamoci che la luce non raggiunga lo sfondo illuminandolo.


Latest from LATESTHIGHLIGHTS

0 0,00
Go to Top