Avatar Willy Sanson

Willy Sanson nasce a Grado nel gennaio del 1978. Cresce in lui il forte desiderio di viaggiare all’età di 29. Inizia, così, un frenetico studio dei paesi orientali che si concretizza con il primo, decisivo, viaggio nelle terre della Thailandia, del Laos e della Cambogia. Parte con uno zaino sulle spalle, una telecamera tra le mani e forse più sogni in testa che abiti nella borsa, per tre mesi e mezzo. L’interazione umana così intensa con le tribù locali, il desiderio spasmodico di andare oltre i confini del semplice “turista”, hanno scaturito in lui emozioni mai provate. Nell’istante esatto in cui è entrato in quel mondo, ha capito che non poteva non immortalarlo. L’anno successivo compra la prima vera macchina fotografica professionale. In seguito ha iniziato subito a studiare come autodidatta la tecnica fotografica in tutti i suoi aspetti, nelle sue sfumature. Nei successivi nove anni ha imparato a osservare, comprendere e scattare. Ad oggi, la fotografia e i viaggi in paesi ancora sconosciuti sono diventati il perno della sua vita, permettendogli di acquisire uno stile peculiare che lo ha portato negli anni ad ottenere numerosi riconoscimenti anche in ambito internazionale. Gli attimi che fino ad ora ha scattato corrispondono esattamente a quello che ha provato e che, con duro lavoro, ha ricercato. Nel 2017 espone le proprie opere in tre mostre di cui una nel Palazzo del Consiglio Regionale del
Friuli Venezia Giulia.
Sempre nel 2017 vince il premio Remarkable Artwork al SIPA Contest. Nel 2017 riceve un “Honorable mention” al International Photographer of the year al Ipoty.
Dal 2017 Willy non è più solo un fotoreporter ma fotografa anche matrimoni, gravidanze, newborn, bambini, feste ed eventi, assicurandosi che ogni fotografia diventi una tela da appendere al muro, un ricordo da imprimere nel cuore. Nel 2018 finalista al Travel Photographer of the Year del National Geographic.
Nel 2018 espone le proprie opere a Trieste presso Attualfoto.
Nel dicembre 2018 arriva finalista con la sua foto ‘’Akhu’’ al National Geographic. Nel 2019 espone le proprie opere alla biennale di ‘’Bassano fotografia’’ all’interno di palazzo Bonaguru accantono ad illustri nomi come Gianni Berengo Gardin.
Nel settembre 2021 espone le proprie presso il centro culturale arte contemporanea di Argenta in provincia di Ferrara.

PAESEItaly

ATTREZZATURACanon EOS 5D Mark III, Canon EOS 6D, Canon EF 16-35mm f/2.8L II USM, Canon EF 70-200mm f/2.8L IS II USM

SITOwillysanson.com

FACEBOOKfacebook.com

INSTAGRAMinstagram.com/willysanson/

Kumari

A Patan, in Nepal, un muro di folla circonda una creatura vestita di tramonto.
Una dea dimorerà  in lei fino al primo rosso cremisi che colorerà  i suoi sogni.
Pura, gesti misurati, sorrisi spenti, l’eterna lotta di una bambina contro il suo destino.
Il suo obiettivo fa breccia tra una spalla e un gomito catalizzando l’effimera luce d’autunno, il momento è propizio, ma non distingue più tra la fanciulla e la divinità .
A fissarlo sono gli occhi di chi non ha potuto scegliere di che vita esistere.

Nepal

9/9/2018

f/2.8

ISO 2500

F2.8

200.0 mm

1/60 sec.

I commenti sono chiusi.