ale_dido ale_dido

Dopo il liceo scientifico studio fotografia allo IED e lavoro come assistente freelance presso lo studio milanese Baobab. Terminato lo IED frequento un corso di digital publishing design promosso dalla Regione Lombardia e partecipo alla progettazione di un portale web presentato al Salone del Libro di Torino nel 2002. Dal 2004 al 2008 lavoro come fotografo nel campo del turismo e come matrimonialista in Messico (Playa del Carmen) e in Sardegna (Orosei). Nel 2013 pubblico il romanzo Trauma di Stato per Autodafè Edizioni e dodici racconti per la collana Narrativo Presente della stessa casa editrice. Nel 2017 pubblico Stella di periferia, il mio secondo romanzo, per Nulla Die Edizioni. Espongo due fotografie di un reportage su via Padova (Milano) alla Triennale della fotografia italiana presso il palazzo Zenobio a Venezia. Dal 2018 al 2020 collaboro col brand di abbigliamento Slowear come fotografo di eventi e di interni a Milano. Nel 2019 espongo Sulla tua pelle, un progetto fotografico sulle cicatrici e la loro storia, presso lo spazio espositivo OnOff a Milano. Nel 2020 pubblico il mio primo libro di fotografia On your skin per 89 Books Nel 2021 partecipo al progetto Cùcù di Oliviero Toscani, un “museo-galleria a cielo aperto” sui manifesti stradali digital frame dislocati per Milano, esponendo una fotografia sul tema “lockdown in pandemia”. Realizzo la copertina del libro Adios Amigos! L’incredibile epopea underground dello Spazio Ligera di Riccardo Bernini e Federico Riccardo Chendi. In occasione del Milano Photofestival espongo per la seconda volta Sulla tua pelle presso Spazio Raw a Milano. Nel 2022 apro La bottega del ritratto a Vimodrone, nello stesso spazio in cui mio nonno aveva uno studio di fotografia nel 1957. L’idea è quella di valorizzare il ritratto stampato come testimonianza della propria identità e come ricordo per i posteri. Partecipo alla mostra collettiva El Barrio Espolon (Milano, Roma, Napoli) promossa da Perimetro ed Espolon Tequila con una fotografia che ritrare il writer Dep 1. Pubblicazioni: Il Fotografo (2023), Flewid (2022), Perimetro Nairobi (numero speciale 2021), Image Mag (2017), Volo Magazine (2016), Fluffer (2015), Riders (2014), Cronaca Vera (2014), New Gentlemen’s Club (2010), Caffelatte Magazine (2003)

PAESEItalia

SITOlabottegadelritratto.it/

FACEBOOKfacebook.com/bottega.del.ritratto/

INSTAGRAMinstagram.com › bottega_del_ritratto

ale_dido - Ritratti

Tamburi Neri

Realizzare un ritratto fotografico è un’esperienza intensa sia per il fotografo che per il soggetto. Si tratta di entrare in relazione con l’altra persona in un periodo di tempo estremamente limitato, nel quale ci si mette in gioco abbandonando la propria “confort zone” per dare qualcosa di sé all’altro. Il soggetto cede una parte della propria vulnerabilità, lasciandosi guidare per mostrare sé stesso senza barriere. Il fotografo ha la responsabilità di mettere la propria competenza al suo servizio, per restituirgli l’immagine della sua unicità. Deve conquistarne la fiducia e far sì che non si ponga nella condizione di “subire” l’azione del fotografare. È il soggetto che guarda il fotografo non il contrario. L’azione del guardare, semplice ma allo stesso tempo profonda, è rivolta nell’obiettivo ma può proseguire mentalmente verso se stessi o verso i propri cari. Il rapporto che si crea tra il fotografo e il soggetto è uno scambio di sincerità reciproca.

Il ritratto fotografico rappresenta la possibilità di testimoniare il nostro passaggio sulla terra, di lasciare una traccia nel mondo. Ciò che oggi può sembrare un’opportunità scontata, prima della scoperta della fotografia era invece una prerogativa della nobiltà, che poteva permettersi di commissionare un dipinto realizzato a mano. La fotografia estende invece a chiunque questo privilegio. La nostra unicità è rappresentata prima di tutto dal nostro volto, dalle nostre caratteristiche fisiche. Non esistono persone uguali, nemmeno i gemelli lo sono. Si tratta di una peculiarità straordinaria che vale la pena di essere preservata anche quando non ci saremo più. Il nostro ritratto stampato verrà conservato dai figli, dai nipoti, dai pronipoti e dirà: «Io sono passato di qui, io sono esistito prima di voi».

Vimodrone

30/10/2023

Ritratto

a7 RIII

Foto 1 di 38

Lascia un commento

qui