Abu Zeid Khaled Desouki/AFP/Getty Images

Giornalista egiziano liberato dal carcere dopo quasi sei anni

Il fotografo Mahmoud Abu Zeid è stato incarcerato nel 2013. Ora il pluripremiato fotoreporter è stato rilasciato dopo aver trascorso quasi sei anni dietro le sbarre.
Il fotografo, noto come Shawkan, dovrà subire controlli repressivi per i prossimi cinque anni e sarà costretto a passare la notte nella stazione di Polizia ma ha promesso, sopratutto a sé stesso che riprenderà il suo lavoro di fotoreporter.
Lo scorso anno Shawkan ha ricevuto il premio World Press Freedom dell’Unesco per il suo “coraggio, resistenza e impegno per la libertà di espressione“, sconvolgendo le autorità egiziane che lo hanno accusato di “atti terroristici e criminali“.
La carcerazione “è stata un’esperienza che non potrò mai dimenticare“, ha detto il fotografo. “È amaro ma permette di guardare la vita da una prospettiva diversa, una nuova prospettiva che non si può vedere se non da questo posto“.
La liberazione è avvenuta dopo che Il Comitato per la protezione dei giornalisti ha invitato le autorità egiziane “a porre fine al trattamento vergognoso usato nei confronti del fotoreporter eliminando qualsiasi condizione per il suo rilascio“.

Giornalista egiziano liberato dal carcere

Mahmoud Abu Zeid è stato incarcerato nell’agosto 2013 mentre riprendeva gli scontri tra le forze di sicurezza e i sostenitori del deposto presidente islamista, Mohamed Morsi, che si è
trasformato in un bagno di sangue in cui sono morti centinaia di manifestanti.
Siamo stati arrestati nei primi 30-40 minuti (dopo l’inizio degli scontri). Siamo stati privati ​​delle nostre attrezzature “, ha detto. “Gli altri sono stati rilasciati due ore dopo … Ho lasciato la mia casa per scattare foto e non sono tornato per cinque anni e mezzo“.
Abu Zeid è stato processato insieme a 739 imputati, la maggior parte dei quali accusati di aver ucciso la polizia e di aver danneggiato le proprietà.
A settembre un tribunale egiziano ha confermato la condanna a morte per 75 imputati e ha condannato Abu Zeid a una pena detentiva di cinque anni  con l’accusa di “omicidio e appartenenza a un’organizzazione terroristica“. Amnesty International ha dichiarato che è stato condannato “semplicemente per aver fatto il suo lavoro come fotoreporter e per aver documentato la brutalità della polizia che ha avuto luogo quel giorno“.