Un campo di tulipani subito prima del raccolto a Bergen, Paesi Bassi. © Stephen Wilkes

Il fotografo che cattura un’intera giornata in una singola foto

Le fotografie di Stephen Wilkes stanno facendo il giro del mondo.Il fotografo riesce a racchiudere un’intera giornata in un singolo scatto. I suoi straordinari panorami vengono creati scattando migliaia di fotografie in luoghi famosi e poi unendo digitalmente i migliori scatti in immagini che ritraggono ogni scena dall’alba al tramonto.
Il tempo diventa fluido, poiché centinaia di persone e animali diversi – e le loro storie – si fondono per creare singoli fotogrammi.
“Questo non è un time-lapse”, ha detto Wilkes in un’intervista telefonica alla Cnn dall’Islanda, dove ha fotografato lo scioglimento degli iceberg.
Wilkes ha lavorato al progetto, intitolato “Day to Night”, per circa 10 anni, fotografando punti di riferimento a Parigi, New York, Mosca e Venezia, nonché icone del mondo naturale, come il Grand Canyon, e il Parco Nazionale di Yellowstone. Le foto, che sono state recentemente pubblicate in un libro di grande formato, catturano una straordinaria raccolta di storie apparentemente congelate in singoli momenti. “Cerco di creare fotografie simili a finestre, che ti regalino un’esperienza quasi viscerale. Voglio davvero che ti senta come se fossi qui con me, a guardare questo. Voglio che tu veda quello che vedo io “, ha detto Wilkes.

Stephen Wilkes: cattura un’intera giornata in un unico scatto

Una volta terminato il lavoro sul luogo, inizia l’editing digitale. “Torno a casa e poi, in media, mi ci vuole circa un mese per scegliere i migliori 50 momenti di ogni giorno. Poi creo quella che viene chiamata una piastra principale, che è solo una scena senza soluzione di continuità. Ciò mi consente di prendere quei 50 momenti e fonderli nella piastra principale, in base al tempo ”
“È uno studio profondo in un mondo in cui l’atto di guardare è diventato un’esperienza umana in via di estinzione, perché siamo così fissati su questi dispositivi mobili che tutti abbiamo con noi ogni giorno, ogni minuto, ogni secondo. Una distrazione costante.”
“Per me, questa è un’antitesi di quell’esperienza. Quando le persone vengono a vedere il mio lavoro di persona, trascorrono del tempo “nella fotografia” e si perdono nelle storie che la stessa racconta. Questa è la grande gioia che provo da essa”.
Wilkes è aiutato dai computer in post-produzione, ma ci tiene a sottolineare che il suo lavoro sul posto viene eseguito alla vecchia maniera “Non c’è nulla di automatizzato in ciò che faccio, lavoro nel modo più tradizionale”, ha detto. “Immagina di puntare l’obiettivo 2000 volte a mano. È quello che faccio”, ha detto.
“Sto in piedi e cerco dalle 24 alle 36 ore. Mi fermo e guardo, guardo e guardo. È quasi come una meditazione.”

© 2019 Stephen Wilkes
© 2019 Stephen Wilkes

Latest from News

0 0,00
Go to Top