Il ritratto del mostro di Loch Ness: uno dei “falsi” più famosi della fotografia

Il tabloid inglese Daily Mail pubblica un’immagine destinata a rivelarsi uno dei “falsi” più clamorosi della storia della fotografia: il ritratto del mostro che, secondo la leggenda, vive nelle acque di Loch Ness in Scozia. Lo scatto, che immortala la testa e il collo di un animale, fu realizzato dal ginecologo Robert Kenneth Wilson e per molti anni contribuì ad alimentare il mito di Nessie che, oggi come allora, attira curiosi, turisti e “cacciatori di mostri” sulle rive del lago. Solo negli anni Ottanta si riuscì a dimostrare che l’animale visibile nella fotografia era, in realtà, un sottomarino giocattolo al quale era stata attaccata una sagoma a forma di testa di serpente: lo strano marchingegno era opera di un amico di Wilson, Christian Spurling, a sua volta genero di Marmaduke Wetherell, il quale sosteneva di aver trovato delle impronte di Nessie, venendo poi smentito dal Daily Mail.