L’Andrea Doria cola a picco: È il 26 luglio del 1956

Il 26 luglio del 1956 L’Andrea Doria cola a piccoAlle 10:09 al largo dell’isola di Nantucket (300 chilometri a est di New York) si inabissa il vanto della marina mercantile italiana e il mito della navigazione transatlantica. In una notte di fitta nebbia, lo scontro con il mercantile svedese Stockholm provoca uno squarcio nella fiancata della gigantesca nave lunga 212 metri e dal peso di 29.000 tonnellate. Dopo un’agonia di oltre undici ore, affonda negli abissi trascinando con sé l’orgoglio di un’intera nazione. Inaugurata il 14 gennaio 1953, poteva ospitare fino a 1.241 persone e i suoi ambienti erano impreziositi da ornamenti e da fregi artistici. Considerata la più bella e la più lussuosa, oltre alle sale da ballo e da gioco, erano presenti tre piscine, una per ogni classe di passeggeri. L’episodio, vissuto con grande trepidazione dal mondo intero grazie a una copertura mass-mediatica senza precedenti, segna, anche simbolicamente, la definitiva affermazione dei voli aerei intercontinentali