Tag archive

CIFA

“Crediamo ai tuoi occhi”: il bando FIAF per fotografi emergenti

CREDIAMO AI TUOI OCCHI è il primo concorso italiano dedicato alla promozione editoriale di lavori fotografici di autori emergenti, che ti premia con una prestigiosa pubblicazione nella collana editoriale FIAF, giunto quest’anno alla sua13^ edizione.
Obiettivo di questa sezione è valorizzare il miglior progetto fotografico presentato conferendogli visibilità e diffusione. In palio la pubblicazione editoriale gratuita del lavoro vincitore in un volume della collana monografica FIAF, con dono di 50 copie al vincitore, e l’allestimento di una mostra presso il CIFA, il Centro Italiano della Fotografia d’Autore di Bibbiena. Premio per il lavoro 2° classificato la pubblicazione gratuita in versione e-book nella collana Portfolio della casa editrice emuse e l’allestimento di una mostra presso il CIFA. Altri 3 lavori selezionati riceveranno come premio l’allestimento di una mostra presso il CIFA.

CREDIAMO AI TUOI OCCHI: modalità di partecipazione

Il concorso è a tema libero e la partecipazione è aperta a tutti. Si può partecipare con un minimo di 30 immagini.
Le opere fotografiche dovranno essere inviate in file formato jpg con dimensioni lato più grande 30cm a 300dpi. Il lavoro deve essere accompagnato da un curriculum dell’autore e da un breve testo di presentazione che fornisca le indicazioni di lettura. Sezione dedicata al miglior libro fotografico d’autore in autoedizione, prevede come premio la pubblicazione gratuita di 100 copie del libro vincitore, di cui 30 verranno consegnate all’autore, e l’allestimento di una mostra presso il CIFA, il Centro Italiano della Fotografia d’Autore di Bibbiena. Altri 6 lavori selezionati riceveranno in premio l’allestimento di una mostra presso il CIFA. Possono partecipare a questa sezione i “libri fotografici d’autore in autoedizione” intesi come pubblicazioni con caratteristiche di libro (copertina, frontespizio, una qualche forma di legatura e un minimo di 24 pagine); progettati e impaginati a cura dell’autore, anche con l’ausilio di programmi di impaginazione standard; realizzati con procedimenti a stampa digitale o fotografica anche a carattere domestico, purché abbiano caratteristiche e qualità di libro; riproducibili in più copie nella identica forma e qualità del lavoro presentato (l’autore deve possedere la matrice fisica o elettronica già pronta per la ristampa). Non possono partecipare a questa sezione del concorso: album o fascicoli realizzati manualmente, con immagini incollate o comunque inserite manualmente; libri artigianali non riproducibili nella stessa forma e qualità della copia presentata; menabò di possibili libri.
Le pubblicazioni partecipanti al concorso devono avere le seguenti dimensioni: i formati quadrati devono avere formato massimo 30×30 cm, mentre i formati rettangolari devono avere come misura massima del lato lungo 40 cmInizio modulo

Termine presentazione opere: 19 luglio 2019
Qui la scheda di partecipazione:
www.centrofotografia.org/…/Scheda%20di%20partecipazione%202…
da inviare a segreteria@centrofotografia.org

Biennale Giovani Fotografi: Open Call fotografica dedicata ai giovani under 30

Open Call fotografica dedicata ai giovani: DIRITTI E CONFLITTI. Lavoro, casa, salute, istruzione: il ridimensionamento dello stato sociale

Il Club Fotografico AVIS Bibbiena, insieme al CIFA – Centro Italiano della Fotografia d’autore e alla FIAF – la Federazione Italiana Associazioni Fotografiche, ricorda che c’è ancora un mese di tempo, fino a domenica 15 luglio 2018, per partecipare al bando della 6° Biennale Giovani Fotografi, evento organizzato in occasione della 19° Edizione di FotoConfronti, manifestazione nazionale di fotografia che si terrà a Bibbiena (AR) il 22 e il 23 settembre 2018. La Biennale Giovani Fotografi è divisa in due sezioni differenti dedicate ai Giovani Autori e alle Scuole di Fotografia.

Tema della biennale di quest’anno è “DIRITTI E CONFLITTI. Lavoro, casa, salute, istruzione: il ridimensionamento dello stato sociale“: In un momento storico in cui i diritti dei cittadini sono messi in crisi dalla loro sostenibilità economica, crescono le disuguaglianze sociali, generando conflitti che mettono a rischio il patto di convivenza civile. Viaggio nelle aree di crisi del welfare, fra incertezza del futuro, e sostegno familiare.

Scopo della Biennale è quello di fornire ai giovani fotografi italiani e alle scuole di fotografia una vetrina importante in cui mostrare i propri lavori e progetti. Il Centro Italiano della Fotografia d’Autore di Bibbiena e la manifestazione fotografica FotoConfronti costituiscono infatti ormai da anni un importante punto di riferimento per la fotografia italiana, un luogo di incontro e di scambio di esperienze che il Comitato Organizzativo della Biennale e la FIAF intendono mettere a disposizione di giovani emergenti che operano nel campo dell’arte fotografica.

I progetti vincitori verranno esposti in una mostra al CIFA Centro Italiano della Fotografia d’Autore (Via delle Monache 2, Bibbiena) che verrà inaugurata il 22 settembre e che rimarrà aperta fino all’11 novembre 2018.

A questo link tutti i dettagli e le modalità di partecipazione:

http://www.centrofotografia.org/informations/attivita/189

La Famiglia in Italia, il nuova grande progetto fotografico FIAF

La Famiglia in Italia, il nuova grande progetto fotografico FIAF: quasi 1300 scatti, un libro fotografico, una mostra nazionale aperta fino al 9 settembre

Inaugurazione sabato 16 giugno 2018, ore 17,30

La FIAF – Federazione Italiana Associazioni Fotografiche – associazione senza fini di lucro che si prefigge lo scopo di divulgare e sostenere la fotografia su tutto il territorio nazionale – annuncia la mostra fotografica del nuovo grande progetto nazionale “La Famiglia in Italiache verrà inaugurata sabato 16 giugno 2018 al CIFA, Centro Italiano della Fotografia d’Autore di Bibbiena (Via delle Monache 2), a partire dalle ore 17,30.
La mostra rimarrà poi aperta fino a domenica 9 settembre 2018.
All’inaugurazione parteciperanno la Vice Presidente della Regione Toscana ed Assessore alla Cultura Monica Barni e il Sindaco di Bibbiena Daniele Bernardini.

La famiglia in Italia: le trasformazioni nel corso del tempo

Lo scopo del progetto LA FAMIGLIA IN ITALIA è quello di documentare e interpretare la famiglia italiana contemporanea alla luce delle trasformazioni epocali che hanno riguardato i diversi ruoli dei suoi componenti, le identità sessuali, le esigenze economiche, il ruolo della donna, la presenza di immigrati e italiani di nuova generazione e molti altri aspetti che modificano continuamente un’idea di famiglia che per molti anni era apparsa congelata nelle sue statiche certezze.
Se l’articolo 29 della Costituzione Italiana afferma che la famiglia è una società naturale fondata sul matrimonio”, è lecito domandarsi l’attualità dell’affermazione: le trasformazioni sociali hanno messo in discussione sia l’esistenza di un’unica forma naturale di famiglia, sia il matrimonio come suo istituto fondativo per eccellenza. Dalle famiglie allargate fine alle coppie di fatto e le unioni civili, le nuove famiglie si presentano in maniera poliforme: Cosa è dunque oggi famiglia? Partendo da tale interrogativo, la ricognizione fotografica collettiva della FIAF ha inteso esplorare e rappresentare la famiglia italiana in tutte le sue declinazioni, tracciandone i nuovi confini. Ogni Autore ha affrontato la tematica del progetto partendo dalla propria esperienza personale, con uno sguardo intimo verso la realtà della propria condizione affettiva, oppure ha voluto aprirsi al racconto delle famiglie degli altri, senza alcuna preclusione linguistica.
Il progetto ha incoraggiato la ricerca della molteplicità e delle specificità familiari, chiarendo che per famiglia italiana si doveva intendere la famiglia che vive stabilmente in Italia, indipendentemente dalla nazionalità di origine dei suoi componenti. I campi di indagine hanno riguardato tematiche classiche come la nascita della coppia, le modalità di convivenza, il rapporto con l’esterno e gli equilibri interni, i figli o la loro mancanza, il rapporto tra fratelli, i rapporti con i genitori e con gli anziani, le risorse condivise (la casa, i mezzi di spostamento, etc.), gli spazi privati della famiglia e del singolo, le affinità, i vincoli, i rapporti tra padre/madre e figli, il ruolo dei nonni e degli zii, insieme a tematiche relativamente nuove quali l’omosessualità e la riproduzione assistita, la discriminazione, il ricorso alle terapie di sostegno, le famiglie allargate, quelle mono-genitoriali, le famiglie cosiddette “miste”, le comunità, le case famiglia e tutto quanto la sensibilità e la ricerca degli Autori fotografici potesse portare a scoprire nei mille universi dei nuclei famigliari contemporanei.
Le immagini prodotte mostrano complessità e articolazione di rapporti, affetto e solidarietà. La famiglia appare prevalentemente sana e robusta, frutto di scelte ponderate e resistente nelle difficoltà. Ma non mancano accenni a un lessico meno famigliare e più esistenziale, come quello del singolo per scelta, per necessità, per ritorno o per anzianità.

La famiglia in Italia: grande lavoro di ricognizione fotografica

LA FAMIGLIA IN ITALIA non è però solo un’esposizione fotografica, bensì un più grande lavoro di ricognizione fotografica che comprende anche la pubblicazione di un catalogo della mostra nazionale di Bibbiena contenente tutte le opere esposte, la pubblicazione di un libro delle mostre locali contenente una selezione delle immagini esposte nelle mostre locali diffuse in tutto il territorio nazionale e 100 mostre locali che verranno inaugurate in contemporanea con la mostra di Bibbiena.
FUJIFILM ha scelto di supportare il progetto coinvolgendo 9 fotografi e offrendo loro la possibilità di interpretare il tema del LA FAMIGLIA IN ITALIA con attrezzatura FUJIFILM: Bruno Maddeddu, Enrico Genovesi, Carlo Panza, Renato Iurato, Davide Grossi, Filippo Venturi, Umberto Verdoliva, Vittorio Scheni e Nazzareno Berton con la loro esperienza hanno portato ai partecipanti nuove idee e spunti di riflessione.

Quando si attiva un progetto il momento dell’idea è quello più creativo, ma questa volta è stato facile. Il settantesimo compleanno della Federazione e il suo essere istituzione analoga a quella della famiglia era una constatazione fin troppo ovvia. Se la famiglia è solidarietà, reciproca assistenza e fratellanza, allora la FIAF è una famiglia formata da chi si è scelto e si riconferma, di anno in anno, quale membro affezionato della comunità – ha commentato Roberto Rossi, Presidente della FIAF – In questo nuovo progetto nazionale troviamo chi parla della famiglia multietnica, chi della mononucleare, chi pone l’accento sui figli, chi sugli anziani, chi vede la famiglia come un’entità in cui il tempo si manifesta con la moltiplicazione dei propri membri, chi patisce l’assenza o l’abbandono di chi si è amato. Ampio spazio viene dato alla famiglia composta da coppie di sesso differente, ma c’è una speciale attenzione verso le famiglie omosessuali. Credo che nessuno di noi pensi alla famiglia come un’entità perfetta, tutti i partecipanti a questo progetto hanno però guardato alla famiglia con un’attenzione, con un affetto, con un trasporto che ci fa comprendere come ancora la famiglia sia al centro dei nostri pensieri, come sia il luogo ove maggiormente si spendono le nostre energie affettive. È un posto in cui si dona incondizionatamente e parimenti si chiede, e si deve ottenere, amore e rispetto.”

La famiglia in Italia: programma della mostra

Date: da sabato 16 giugno a domenica 9 settembre 2018

Inaugurazione: sabato 16 giugno h 17,30

Dove: CIFA, Centro Italiano della Fotografia d’Autore di Bibbiena (AR), Via delle Monache 2

Orari da martedì a sabato 9,30 / 12,30 e 15,30 / 18,30 – domenica 10,00 / 12,30

Biglietto: ingresso gratuito

Sito: www.centrofotografia.org

Contatti: Tel. 0575 1653924 – Cell. 349 2335011

Per maggiori informazioni: www.fiaf.net/lafamigliainitalia

  • Main Sponsor: Fujifilm.
  • Sponsor: Photosi ,Cavaretta Assicurazioni.
  • Con il Patrocinio della Regione Toscana.

La retrospettiva di Mauro Galligani a Bibbiena

Bucarest 1989 - Piazza della Repubblica, il 24 dicembre, dopo una notte di combattimenti.

Conto alla rovescia per l’inaugurazione della mostra fotografica Alla luce dei fatti di Mauro Galligani, organizzata dal CIFA, Centro Italiano della Fotografia d’Autore di Bibbiena, l’associazione culturale costola della FIAF, la storica Federazione Italiana Associazioni Fotografiche. L’esposizione sarà aperta al pubblico da sabato 8 aprile a domenica 28 maggio 2017, con inaugurazione il giorno 8 aprile alle ore 17.30 e preceduta, alle ore 15.00, da un incontro con l’autore.


La mostra è una retrospettiva del lavoro di Mauro Galligani. Con oltre mille servizi realizzati in ogni parte del mondo, Galligani è uno dei fotogiornalisti più importanti del nostro dopoguerra e ha collaborato con alcune delle più importanti testate al mondo. Nelle 16 celle e nel corridoio del CIFA, la mostra si sviluppa per grandi temi, che suddivisi per aree geografiche, percorrono alcuni degli eventi politici, sociali e di costume che hanno fatto la storia tra gli anni’ 70 e i giorni nostri.
Mauro Galligani ama definirsi un giornalista che usa l’immagine fotografica per esprimersi: “Pur essendoci fotografi straordinariamente bravi, i miei modelli di riferimento vengono dal giornalismo scritto. Ciò che voglio sottolineare è che non sono mai andato a fotografare le bellezze o i drammi del mondo per fare l’eroe o per vincere un premio fotografico. Ho sempre cercato di svolgere il mio lavoro cogliendo fotograficamente aspetti e particolari della realtà davanti a cui mi trovavo, per dare la possibilità al lettore di rendersi conto di ciò che stava accadendo.”

Mauro Galligani

 

 

[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’Fotografia italiana’ unit=’list’]

Fino al 5 febbraio un mostra “Portfolio Italia 2016”

Fino a domenica 5 febbraio 2017 è possibile visitare la mostra “Portfolio Italia” esposta al CIFA di Bibbiena. In esposizione, oltre ai progetti finalisti di tutte le dieci tappe, il portfolio del vincitore Graziano Panfili “Di padre in figlio, “L’isola della salvezza” di Francesco Comello e “Chapiteau” di Teresa ViscegliaAlessandro Fruzzetti - Memoria a breve termine . la mostra è organizzata da  FIAF – Federazione Italiana Associazioni Fotografiche, associazione senza fini di lucro che si prefigge lo scopo di divulgare e sostenere la fotografia amatoriale su tutto il territorio nazionale, ricorda che è possibile visitare. Il portfolio “Di padre in figlio” sarà esposto nell’ambito di tutte le manifestazioni aderenti alla successiva edizione 2017 del Circuito Portfolio Italia. L’autore riceverà in premio una macchina fotografica Hasselblad del valore di 15.000 euro. Graziano Panfili - Di padre in figlioParticolare successo ha avuto questa edizione, alla quale hanno partecipato 616 Autori (71 in più rispetto al 2015) con 767 Portfolio. Sono state effettuate complessivamente 1.988 letture da 75 Lettori differenti (per un totale di 108 partecipazioni ai tavoli). Globalmente sono state fatte 663 ore di lettura e sono stati premiati 20 autori provenienti da 13 regioni differenti. Durante le 13 edizioni hanno aderito a “Portfolio Italia” 115 Festival e hanno altresì partecipato complessivamente 8.500 Autori con 10.512 Portfolio. In questi tredici anni sono state effettuate 22.898 Letture da parte di 356 Lettori differenti (per un totale di 1.072 partecipazioni ai tavoli) e globalmente sono state fatte più di 7.890 ore di lettura.

La mostra Portfolio Italia 2016 si svolge presso CIFA- Centro Italiano della Fotografia d’autore, Via delle Monache 2, Bibbiena (Arezzo) con orario  da martedì a sabato 9.30/12.30 e 15.30/18.30domenica 10.00/12.30.

[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’fotografia contemporanea’ unit=’list’]

0 0,00
Go to Top