Tag archive

festival - page 5

Cortona On The Move: il programma workshop dell’edizione 2016


 CORTONA, 14 LUGLIO – 2 OTTOBRE 2016


Cortona OTM in collaborazione con Leica Akademie mette a disposizione la sua esperienza per la formazione degli amanti del settore e organizza workshop con fotografi e professionisti di livello internazionale. I corsi sono aperti a tutti fino a esaurimento posti.

 

Ecco nel dettaglio la lista dei docenti protagonisti della sesta edizione:


 


 


 


  • Eolo Perfido – Ritratto di viaggio – 16 e 17 luglio 2016 

    L’organizzazione del festival aiuterà coloro che vogliono partecipare a trovare alloggi convenienti tra le strutture convenzionate. I workshop si effettueranno presso Centro Convegni Sant’Agostino, Via Guelfa 40 52044 Cortona (AR).

    Maggiori informazioni sul sito www.cortonaonthemove.com

 

Fujifilm è sponsor di FotoLeggendo 2016

Fujifilm sponsor di FotoLeggendo

Alla dodicesima edizione di Fotoleggendo, Fujifilm Italia sarà presente con tutta la sua filosofia, i suoi prodotti e la mostra “Tell it like it is” di David Alan Harvey

Roma dal 9 giugno al 2 luglio 2016 – Giorni inaugurali: 10-11- 12 giugno

FotoLeggendo – www.fotoleggendo.it


Fujifilm non arresta la ricerca di spazi in cui si celebra il linguaggio delle immagini e si presentano eventi per affermare l’importanza comunicativa della fotografia, nelle sue molteplici espressioni. Sarà sponsor di FotoLeggendo che per la dodicesima edizione veste il tema delle “Contaminazioni”. Il programma si presenta ricco di “Incontri con gli Autori”, “Proiezioni”, “Street Art”, “Letture portfolio” e “35 Mostre” e si snoda tra il dentro e fuori, tra mura e l’esterno, tra strade – luoghi di vita comune – e posti canonici per l’arte, tutto per coinvolgere un pubblico sempre più vasto.15_002A

Nomi noti, firme autorevoli in esposizione il sostegno di Fujifilm Italia che oltre a essere presente con il suo staff, la sua tecnologia e la Serie X da provare nei giorni 11 e 12 giugno, presenta in prima assoluta in Italia la mostra di David Alan Harvey “Tell it like it is”, la cui inaugurazione avverrà il 10 giugno ore 18:00 presso Officine Fotografiche, via Libetta, 1 a Roma, in cui sarà presente lo stesso autore.

Inoltre, il 12 giugno alle 19:00 ci sarà l’incontro con l’autore che racconterà il suo lavoro e risponderà alle domande del pubblico. La mostra resterà esposta fino al 2 luglio. 32_001_OKA

Harvey descrive così “Tell it like it is”: “Nel 1967 avevo 23 anni, stavo per laurearmi in giornalismo all’Università del Missouri, e mi ero da poco sposato. Il mio primo figlio Bryan aveva solo 7 mesi. Non avevo denaro, come fotografo ero sconosciuto e non avevo alcun mentore. Al tempo negli Stati Uniti due erano i principali temi che scuotevano la società, la guerra del Vietnam e il movimento per i diritti civili. I fotografi così detti “impegnati” erano tipicamente focalizzati sull’uno o l’altro. Il mio amico Charles Hofheimer mi propose di fare assieme un libro sulla vita di una famiglia nera. Lui stava lavorando con un’organizzazione locale impegnata nel migliorare le condizioni di vita delle famiglie nere che abitavano i quartieri disagiati di Norfolk, in Virginia. Saltai diretto sull’idea. Invece che fotografare quello che era conosciuto come il ghetto di Berkley a Norfolk, decidemmo di fare un photo essay su una sola famiglia disposta a collaborare. James Liggins e sua moglie Callie ci aprirono le loro porte. Avevano sette figli di età comprese tra i 2 e i 15 anni. I Liggins vivevano in un piccolo appartamento in un caseggiato di 5 piani. Per circa un mese io spesi tutto il mio tempo con loro. Direi che mi presero letteralmente con loro. Spesso Callie faceva per me il letto sul divano nel soggiorno e così io mi immersi totalmente nella storia. Avevo una camera oscura nelle vicinanze, a casa della famiglia Hofheimer: facevo fotografie, sviluppavo, stampavo e vivevo la storia.
L’estate finì. Dovevo tornare al college. Il mio compagno di stanza del liceo, Masaaki Okada, accettò di fare il design e Charles fece l’editing. Non vidi layout e selezione fino a che il libro non fu finito e io ricevetti una copia di Tell it like it is in Missouri. Il libro aveva un prezzo di 2 dollari e i soldi erano destinati alla Norfolk Ministerial Association per essere usati per cibo e vestiti per le famiglie disagiate.
Verso la fine del 2014 ebbi modo di riconnettermi con i Liggins. Non avevo solo perso i contatti ma entrambi, Charlie ed io, nemmeno ricordavamo i loro nomi. Erano passati 48 anni, la vita con le nostre famiglie e tutte le altre cose. Avevo girato il mondo per scattare più di 40 storie per National Geographic ed ero entrato alla Magnum. Insomma questo progetto fu sepolto e dimenticato fino ad ora. Grazie al Norfolk Virginan Pilot che fece una storia su di me in cerca della famiglia Liggins, fui in grado di ritrovarli. Adesso io e i Liggins siamo amici. Esattamente come lo eravamo quando loro con gentilezza mi aprirono le porte nel 1967.”

Per maggiori informazioni sul programma e iniziative di FotoLeggendo, visitare http://www.fotoleggendo.it/edizione2016

IF! Italians Festival – Il primo contenuto è la mostra fotografica “All That Eye Can See” di Guido Morozzi

Stampa
La mostra fotografica ‘All That Eye Can See”
apre la serie di appuntamenti della terza edizione di IF! Italians Festival 


Un omaggio di Guido Morozzi alla creatività e alla città di Milano 
Guido Morozzi, Graphic Designer, Art Director e appassionato di fotografia di strada, con i suoi scatti apre la serie di appuntamenti della terza edizione di IF! Italians Festival, festival italiano della creatività, mettendo in mostra il rapporto tra ‘creatività urbana’ e cittadini milanesi. 
Il 50% del ricavato dalla vendita delle foto d’autore in mostra sarà devoluto a Emergency. 
Location: Piano B Square, Via Sannio 26, 20137 Milano
Durata: dal 16 al 30 giugno 2016
Orari: dalle 10:00 alle 18:30
Ingresso Libero – Info: elena.vimercati@pianob.it
Acquisto foto d’autore: www.guidomorozzi.com
  
In occasione del lancio della terza edizione di IF! Italians Festival, organizzato e promosso dall’Art Directors Club Italiano e daASSOCOM/PR HUB in partnership con Google, che si svolgerà dal 6 all’8 ottobre presso il Teatro Parenti, si aprono gli appuntamenti milanesi con il mondo della creatività italiana e internazionale, che esploreranno quest’anno il tema “No show, no business”.Yellow Is The New Yellow
Primo contenuto del Festival è la mostra fotografica “All That Eye Can See“, dal 16 al 30 giugno e prodotta da Piano B in partnership con IF!: una raccolta di foto di Guido Morozzi, Graphic Designer e Art Director, che racconta l’interazione tra le persone che si muovono attraverso la città, seguendo ognuna il proprio quotidiano percorso personale, e la creatività urbana.
Nata come una sorta di ‘diario quotidiano di appunti visivi’ e diventato col tempo un progetto fotografico autonomo di indagine su Milano, sulle sue strade e le persone che la popolano, la mostra è un obiettivo puntato sul rapporto che si crea tra i messaggi che la città invia continuamente, siano essi cartelloni pubblicitari o semplici quinte urbane, e chi entra nel loro raggio d’azione. Quella di Guido Morozzi è fotografia di strada, istintiva e diretta, che non è a caccia dell’inquadratura perfetta, ma di piccole storie, istanti in cui si stabilisce una relazione, spesso inaspettata, ironica e dissacrante tra le persone e il paesaggio urbano.
Le foto d’autore saranno messe in vendita durante tutto il periodo espositivo della mostra e il 50% del ricavato della vendita sarà devoluto alla Onlus Emergency.


Formazione, ispirazione, innovazione e entertainment le parole chiave dell’edizione 2016 di IF! Italians Festival che riaccenderà i riflettori al teatro Parenti a ottobre con un ricco palinsesto di tre giorni con l’obiettivo di far incontrare e aggiornare il mondo delle aziende e dei professionisti della pubblicità in Italia, ma anche di intrattenere un pubblico allargato di studenti, curiosi e appassionati della creatività multidisciplinare.


Numerose le novità di quest’anno: dai nuovi format “IF! Learning Lunch”, una serie di incontri e conversazioni informali alla presenza di ospiti d’eccezione e esperti di comunicazione, “IF! Short List Party”, il party che nella serata inaugurale celebrerà la migliore creatività italiana con l’esposizione delle short list degli ADCI Awards 2016, e “IF! From Profit to Non Profit”, che darà ampio spazio al tema del sociale all’interno del Festival.Electo Shock
Anche quest’anno viene confermato il Seven Day Brief, la competition promossa da ADCI in collaborazione con Google e riservata ai giovani creativi tra i 18 e i 28 anni, che si propone di stimolare e valorizzare la creatività dei giovani e premiare la migliore campagna pubblicitaria realizzata per YouTube. Sette giorni di tempo per creare un video per promuovere una ONG, caricarlo sul canalewww.youtube.com/italiansfestival e partecipare al concorso realizzando ‘una campagna video che nessuno avrà mai il coraggio di skippare’.


Alla rinnovata partnership con la Berlin School of Creative Leadership (https://www.berlin-school.com/), vera eccellenza mondiale nel campo della formazione, che – dopo l’ottimo riscontro della passata edizione – oltre a curare una nuova Masterclass di 2 giorni (16 ore) riservata profili di alto livello, proporrà il suo nuovo format innovativo “90’ of Creative Leadership”, cinque mini-master alcuni dei quali creati specificatamente per profili del marketing aziendale, che nei prossimi giorni debutterà al Cannes Lions Festival.


Mentre torneranno al Teatro Franco Parenti alcuni dei format collaudati e vincenti come la “Director’s Battle”“Nella Gabbia dei Leoni”“10 domande scomode a…” che nell’edizione passata ha visto la partecipazione del fotografo Oliviero Toscani.
Tra i primi ospiti che hanno confermato la loro presenza: il pluripremiato creativo brasiliano Jamie Mandelbaum, Chief Creative Officer di Young&Rubicam Europe; il compositore pubblicitario e cinematografico Philip Abussi; il direttore artistico e produttore olimpico Marco Balich e la costumista Silvia Aynomino, che saranno di ritorno dalle Olimpiadi di Rio; lo stand-up comedian di Comedy Central Saverio Raimondo che sarà protagonista di uno speech sull’umorismo in coppia con Sergio Spaccavento, autore radiotelevisivo e direttore creativo esecutivo di Conversion; il sound designer, produttore musicale e dj Painè Cuadrelli, figura di riferimento nella scena della musica elettronica italiana; e la belga Katrien Bottez, Executive Creative Director dell’agenzia Famous, che quest’anno presiederà la giuria dell’edizione 2016 degli ADCI Awards.


A fare gli onori di casa, i co-founders del Festival, composto da Emanuele Nenna (VP ASSOCOM/PR HUB), Nicola Lampugnani (VP ADCI), Alessandra Lanza e Davide Boscacci, affiancato da Dino Lupelli (Elita), responsabile Programmazione e Entertainment di IF! 2016.
Per partecipare a IF! Italians Festival, informazioni e biglietti acquistabili sul sito www.italiansfestival.it , con sconti per chi usufruirà della speciale promozione ‘early bird’ valida dal 16 giugno al 16 luglio.

Un ringraziamento particolare da parte degli organizzatori del Festival va ai primi partner confermati dell’edizione 2016 di IF! Italians Festival, insieme al main partner GoogleABC Production, Berlin School of Creative Leadership, Elita, Fuorifase, Indiana Production, Piano B, Sopa Design, STS Communications, Teatro Franco Parenti We Are Social.


Per seguire il Festival sui canali social:
 
Twitter: twitter.com/IFItaliansFest (hashtag ufficiale #ItaliansFestival)

Toscana Foto Festival si rinnova. Dal 3 al 20 luglio 2016 a Massa Marittima

Ivan Falardi, Le luci della pace ritrovata

Il Toscana Foto Festival si rinnova. Dal 3 al 20 luglio a Massa Marittima fotografia tra innovazione, luce, musica e riscoperta del territorio.

Una mostra fotografica site specific, workshop e una performance che mette insieme musica jazz e fotografia. Sono questi i fili conduttori del Toscana Foto Festival arrivato alla 24 esima edizione ma che rispetto al passato si rinnova radicalmente con una nuova formula e un interessante programma di eventi che si svolgeranno dal 3 al 20 luglio a Massa Marittima, nel cuore delle Colline Metallifere (Gr).

Ivan Falardi, la partenza del treno giallo.
Ivan Falardi, la partenza del treno giallo.

Si comincia il 3 luglio con la mostra dal regista e fotografo Ivan Falardi dal titolo “Let’s Light – La grammatica della luce”, che si svolgerà nel Palazzo dell’Abbondanza dal 3 al 20 luglio. Si tratta di un innovativo progetto fotografico site specific realizzato a Massa Marittima e in tutto il suo territorio dove l’autore ha scelto di cogliere e reinterpretare il fascino della città e delle sue frazioni: Niccioleta, Prata, Tatti, Ghirlanda e Valpiana con una serie di scatti realizzati appositamente con la tecnica fotografica del light painting.

Una tecnica fotografica che permette al fotografo di “dipingere con la luce” ovvero di disegnare tracce luminose controllando con maestria una sorgente luminosa proprio come se fosse un pennello, agendo in ambiente buio e servendosi di lunghi tempi di esposizione. In tal senso, la luce non è più strumentale alla realizzazione dell’immagine fotografica ma diventa un medium artistico attraverso il quale il fotografo esprime se stesso grazie alla possibilità di materializzare la luce che, al pari del colore sulla tela, si trasforma in materia da modellare, divenendo essa stessa il prodotto del processo creativo. Il progetto nasce da una un’idea di Riccardo Zipoli, docente di ideazione e produzione fotografia all’Università Ca’ Foscari di Venezia, che collabora dal 2013 col Comune alle attività rivolte ai giovani all’interno del Toscana Foto Festival e che ha proposto appunto per il TFF 2016 settore under 35 di trasformare un lavoro di ricerca universitario sulla tecnica fotografica del Light Painting di una giovane allieva neo laureata, Beatrice Audrito, in un evento artistico-culturale che coinvolge il regista, fotografo e light painter italiano Ivan Falardi, al cui lavoro nel gennaio 2015 la rivista Reflex ha dedicato otto pagine, presentandolo come uno dei fotografi di light painting più interessanti nel panorama italiano.

Ivan Falardi, Le luci della pace ritrovata
Ivan Falardi, Le luci della pace ritrovata

Oltre alla mostra il Toscana Foto Festival ha in programma anche altri eventi. Il 10 luglio alle ore 21 nel suggestivo Giardino d’arte Norma Parenti si svolgerà una performance che mette insieme le fotografie di Ivan Falardi e la musica del sassofonista jazz Stefano Cocco Cantini. Poi sono previsti alcuni interessanti workshop gratuiti destinati in particolare ai giovani ( per iscrizionibiblioteca@comune.massamarittima.gr.it). Nel Palazzo dell’Abbondanza lunedì 4 luglio sarà lo stesso Ivan Falardi ha tenere un workshop sul light painting dalle ore 9 alle 13 con l’introduzione di Beatrice Audrito e la partecipazione del sassofonista Stefano Cocco Cantini.  Venerdì 8 luglio dalle 9 alle 17 all’ex Convento delle Clarisse,  il Gruppo Fotografico Massa Marittima BFI terrà un workshop di fotografia stenopeica con il patrocinio della FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche). Il workshop prevede una introduzione teorica a questa antica tecnica fotografica, la realizzazione della macchina per fotografia stenopeica, l’effettuazione ripresa e sviluppo immagini.

Al  termine  del  workshop,  si  prevede  di  realizzare  una mostra delle immagini prodotte dagli allievi. Infine sempre alle Clarisse mercoledì 6 e giovedì 7 luglio dalle 9 alle 17 è previsto un  workshop di Wikimedia Italia con wikigita e safari fotografico a Massa Marittima in preparazione della quinta edizione del concorso gratuito e aperto a tutti Wiki Loves Monuments, il concorso fotografico gratuito e aperto a tutti che ha come obiettivo la classificazione del patrimonio culturale e artistico italiano ma anche la sensibilizzazione delle istituzioni verso temi importanti come l’uso delle licenze libere e l’introduzione della libertà di panorama.

“Questa edizione del Toscana Foto Festival – spiega Marco Paperini assessore alla cultura del Comune di Massa Marittima – rappresenta un punto di partenza per il rinnovamento di questa manifestazione che, anche se negli anni passati ha avuto indubbi meriti, oggi però necessità di un cambiamento radicale. Per questo motivo abbiamo pensato di allargare la partecipazione degli artisti al territorio con il coinvolgimento diretto delle frazioni e dei loro abitanti e ad organizzare workshop che privilegino la partecipazione dei giovani, o per meglio dire dei nuovi artisti. Il nostro obiettivo infatti – prosegue l’assessore alla cultura – è quello di volgere l’attenzione alla formazione di professionalità non ancora emerse e non solo all’esibizione di opere di fotografi già affermati. Una linea che caratterizzerà le prossime edizioni della rassegna per fare in modo che  il Toscana Foto Festival diventi, non solo una manifestazione ancora più importante a livello nazionale e internazionale, ma parte integrante dell’identità di Massa Marittima, un centro di formazione e promozione dell’arte fotografica  – conclude Marco Paperini – non solo in luglio ma nel corso di tutto l’anno”.

Il Toscana Foto Festival è organizzato dal Comune di Massa Marittima in collaborazione con il Gruppo Fotografico Massa Marittima.

Per informazioni Comune di Massa Marittima, tel. 0566906290, Facebook: ToscanaFotoFestival2016

DIECIXDIECI, il festival di fotografia contemporanea arriva a Mantova

Il chiostro, le stanze e il cortile dell’ex Convento di S. Maria fanno da location alla seconda edizione del Festival di Fotografia Contemporanea ”Diecixdieci”, tre giorni di incontri, workshop, film, letture portfolio e mostre di alcuni tra i più giovani e interessanti autori del panorama italiano.


Festival Gonzaga
Organizzato dal collettivo fotografico Diecixdieci e dall’associazione culturale L’Officina dell’Immaginazione con il patrocinio del Comune di Gonzaga, il festival riflette sul tema CONTRONATURA, prendendo in esame diversi aspetti della convivenza non sempre equilibrata tra l’uomo e l’ambiente che lo circonda: dalla distruzione del paesaggio al tentativo di modellarlo artificialmente, fino alla “ribellione” della natura come conseguenza dell’eccessivo sfruttamento umano.


Espongono:

  • Andrea Alessio (Un_natural bestiary)
  • Giulia Flavia Baczynski (Wunder-Land)
  • Giulia Bianchi (Quaderno nero, 2011)
  • Sergio Camplone (Anagrafe del danno – L’Aquila)
  • Marco Fava (Tracce di una geografia veloce)
  • Ettore Moni (An Empty Valley)

Le opere rimarranno esposte fino al 10 luglio.

Orario d’apertura: da martedì a venerdì 9.00-13.00; sabato e domenica 10.00-12.30 e 16.00-19.00.

Segreteria organizzativa e contatti: www.diecixdieci.it – info@diecixdieci.it

Facebook: Collettivo diecixdieci

PROGRAMMA

VENERDI 24 GIUGNO

21.00 Inaugurazione. Aperitivo con buffet e Dj Set

SABATO 25 GIUGNO

15.00/19.00 Letture Portfolio con: Steve Bisson, Francesca Orsi, Andrea Alessio (Prenotazioni sul sito www.diecixdieci.it)

11.00 William Guerrieri

Presentazione del libro “The Dairy – Images for the Italian Countryside” Linea di Confine Editore, Rubiera 2015.

16.00 Fulvio Bortolozzo

Dal West al New West. L’epopea dei paesaggisti americani dal moto del West ai New Topographics – incontro in collaborazione con Frammenti di Fotografia, a cura di Marco Brioni e Ruggero Ughetti.

18.00 Tavola rotonda con gli autori

19.30 Aperitivo con Dj Set

21.30 Proiezione del film: “Il Deserto Rosa / Luigi Ghirri” di Elisabetta Sgarbi, 2009.

DOMENICA 26 GIUGNO

10.00/13.00 Letture Portfolio con: Steve Bisson, Francesca Orsi, Andrea Alessio (Prenotazioni sul sito www.diecixdieci.it)

10.00: Davide Palmisano e Manuela Marchetti

Presentazione dei due libri fotografici TIMELESS PERSIA e SOKUT.

11.00 Maurizio Guerri e Andrea Pinotti

“Immagini contro natura” Dialogo sulla fotografia contemporanea.

16.00 Tavola rotonda con editori indipendenti

a cura di Luca Panaro, con la partecipazione di Stiperei, Skinnerboox, Witty Kiwi.

18.00 Luca Panaro

Presentazione del libro “Photo Ad Hoc” Apm Edizioni, Carpi 2016.

19.30 Dummy Photohook

Mostra itinerante dei libri prodotti in occasione dei workshop a cura di Luca Panaro.

Le giornate della luce | 11-19 GIUGNO 2016 | Spilimbergo

Il festival che rende omaggio agli autori e ai maestri della fotografia del cinema italiano va in scena a Spilimbergo, in Friuli Venezia-Giulia.

Una settimana di eventi, incontri e proiezioni dedicati all’immagine cinematografica.

La manifestazione, curata da Gloria De Antoni con Donato Guerra, festeggia idealmente le giornate più luminose dell’anno, quelle del solstizio d’estate, all’interno di una cornice d’eccellenza: Spilimbergo, città del mosaico e di viva tradizione fotografica.

Informazioni e programma su www.legiornatedellaluce.it

Invito Inaugurazione

Foto di Note | 18-19 giugno 2016 | Ascoltare la fotografia, vedere la musica

Nox - foto Jacopo Baboni Schilingi

Testo a cura di Alessandro Curti


Cernusco sul Naviglio, graziosa cittadina alle porte di Milano, si veste d’arte e accoglie la nuova estate con un grande evento culturale: due giorni di esposizioni, concerti, performance live, incontri con fotografi, workshop e molto altro. Il festival Foto di Note, curato da Leonello Bertolucci e organizzato dall’associazione Talenti in Circolo, ha come obiettivo principale quello di scandagliare a fondo gli intrecci che esistoFOTO_DI_NOTE_presentazioneno tra fotografia e musica per valorizzare i punti in comune e scoprire nuove forme di partecipazione. Ascoltare la fotografia e vedere la musica: queste le parole chiave di un evento itinerante che si svilupperà all’interno di affascinanti location, come le antiche ville Alari Visconti e Biancani Greppi, il teatro, la vecchia filanda, la biblioteca e le piazze della città. Varie sono le mostre in programma, accompagnate da interventi e conferenze di esperti di fotografia, tra i quali il nostro direttore Denis Curti.
Durante il festival, l’Istituto Italiano di Fotografia organizzerà un set fotografico all’interno del quale saranno ritratti tutti coloro che si presenteranno con uno strumento musicale.


Schede mostre
Dear Mister Fantasy di Carlo Massarini. Lo storico conduttore televisivo e giornalista, noto al grande pubblico per aver creato dagli anni Sttanta in poi format indimenticabili (Per voi giovani, Mister Fantasy, MediaMente e Cool Tour), ha sviluppato un percorso fotografico ricco di volti e di protagonisti della musica italiana e internazionale: sono immagini che documentano eventi e che ritraggono le star della storia della musica, dal concerto dei Rolling Stones a Hyde Park (1969) all’epopea di Mister Fantasy.

Lucio Dalla - Carlo Massarini
Lucio Dalla – Carlo Massarini

Nox, di Jacopo Baboni Schilingi. Il noto compositore italiano – residente a Parigi – ha sviluppato un progetto fotografando gli spartiti musicali delle sue grandi composizioni che poi dirige in teatro con un azzeccato mix di musica lirica ed elettronica. Una particolarità: il pentagramma, le note e la musica sono scritti direttamente sui corpi e sulla pelle dei soggetti ritratti.

Nox - foto Jacopo Baboni Schilingi
Nox – foto Jacopo Baboni Schilingi

Vanishing Cover di Pierpaolo Pitacco. È un progetto concettuale giocato con toni onirici in cui l’autore, attuale art director di Rolling Stone e in passato di Elle Italia e IODonna, utilizza la fotografia in Digital Polaroid per rubare immagini nel tempo e nei ricordi, affetti intimi legati al suo personale percorso di ascolti musicali. Pitacco immortala le copertine di vecchi e memorabili vinili per ricordare l’importanza fisica e tattile della nostra arte.

Negramaro, il calendario di Daniele Coricciati. I Negramaro decidono di isolarsi per un mese all’interno di una masseria salentina, escludendosi dal mondo in un ritiro creativo dedicato al nuovo materiale musicale. In questa esperienza sono osservati dal loro amico e fotografo di fiducia Daniele Coricciati. A emergere sono una serie di ritratti in bianco e nero colti durante momenti di gioco, di attività in cucina e di ideazione dei nuovi pezzi.
Esposti, una serie di scatti che conducono lo spettatore a vivere questo singolare esperimento fatto di ermetismo e creatività.

Negramaro, il calendario - foto Daniele Coricciati
Negramaro, il calendario – foto Daniele Coricciati

Max Casacci e i Subsonica, di Rossano Ronci. L’autore ha seguito a lungo Max Casacci e la sua band in tournée all’interno dello studio di registrazione e per le strade di una Torino affascinante e densa di stimoli artistici. Il lavoro di Rossano Ronci, sviluppato in bianco e nero, è un ritratto a 360 gradi di un grande personaggio non solo dello scenario musicale italiano, ma anche della poesia e dell’arte in tutte le sue espressioni.

Scratches, di Mattia Zoppellaro. Al pubblico è proposta una selezione dei suoi ritratti più celebri, realizzati per note testate musicali in giro per il mondo. Dalle immagini traspare una particolarissima intesa tra fotografo e soggetto che nasce dall’invidiabile capacità di entrare in sintonia con il soggetto che si pone dinnanzi all’obiettivo. I suoi scatti appaiono il risultato di una ricerca intima tra i protagonisti del racconto.

Damon Albarn
Damon Albarn

Info:
Foto di Note | 18-19 giugno 2016
Cernusco sul Naviglio
Web: www.fotodinote.it
Email: info@talentiincircolo.it

Aperte le iscrizioni al Premio Internazionale ONTHEMOVE Happiness On The Move

Quinta edizione del Premio Internazionale Happiness On The Move. Anche quest’anno insieme al Consorzio Vino Chianti

Lunedì 18 aprile si aprono le iscrizioni alla quinta edizione del premio fotografico internazionale Happiness On The Move, organizzato dal festival Cortona On The Move insieme al Consorzio Vino Chianti.

Anche nel 2016 i temi del concorso sono la felicità e il viaggio inteso come movimento, scoperta e cambiamento interiore. Il vincitore sarà premiato nella settimana inaugurale del Festival dal Presidente del Consorzio Vino Chianti Giovanni Busi.

Il lavoro vincitore sarà una delle mostre dell’anno successivo al festival internazionale di fotografia Cortona On The Move. Quest’anno infatti a partire dal 14 luglio, giorno di inaugurazione del festival, sarà possibile visitare Futuristic Archaeology di Daesung Lee, autore coreano vincitore dell’edizione 2015.

Happiness On The Move è riservato ai fotografi professionisti, i lavori dovranno essere inviati entro il 22 maggio (qui il regolamento). Sono ammessi al premio anche i fotografi che hanno partecipato alle selezioni del circuito OFF purché partecipino con un lavoro diverso. Lo scorso anno sono arrivati 2100 lavori da tutto il mondo.

Per il terzo anno il Premio Happiness on the Move è organizzato insieme al Consorzio Vino Chianti. Tra le denominazioni più conosciute al mondo, il Chianti si racconta attraverso la lente d’ingrandimento dei fotografi la felicità in movimento. L’importanza di riuscire a comunicare il vino attraverso la cultura rende l’iniziativa ancor più stimolante e di ampio respiro. In tal senso, vino e territorio, diventano il binomio perfetto di narrazioni che continuano a suscitare emozioni regalando esperienze e forti emozioni.

«Siamo soddisfatti della collaborazione, del premio e dell’opportunità di poter colloquiare con un pubblico al di fuori del nostro settore – Dichiara Giovanni Busi, Presidente del Consorzio Vino Chianti –. Cortona è una cornice affascinante dentro la quale si diffonde una forte identità di territorio e grazie alla passione di un progetto internazionale attira addetti ai lavori da ogni parte del mondo. La felicità in movimento del premio è il nostro leit motiv, un filo rosso, come il Chianti, da esprimere e raccontare».

Fanno parte della giuria:

  • Daphne Angles – The New York Times in Paris
  • Simon Bainbridge – British Journal of Photography
  • Elena Boille – Internazionale
  • Tim Clark – 1000words Magazine
  • Renata Ferri – Io Donna, Amica
  • Veronica Nicolardi – Cortona On The Move
  • Irene Opezzo – La Stampa
  • Arianna Rinaldo – Cortona On The Move
  • Fiona Rogers – Magnum
  • James Wellford – Screen
1 3 4 5
0 0,00
Go to Top