Tag archive

hasselblad

Prove sul campo insieme agli Ambassador al Workshop di Hasselblad

Ambassador Hasselblad Milano

Il 27 novembre arriva a Milano la sesta tappa del Workshop di Hasselblad. Insieme agli Ambassador potrai sperimentare le nuove uscite Hasselblad, passando dalla Food alla Street Photography, dal ritratto fino alla fotografia matrimonialista.

Prove sul campo con gli Ambassador

Durante l’Hasselblad Roadshow i partecipanti avranno l’occasione di provare e testare con mano la nuova fotocamera X1D II 50C e il rinnovato sistema Phocus Mobile 2 con iPad Pro di nuova generazione e tutto il corredo di ottiche Serie X e H di Hasselblad. Inoltre, sarà possibile visionare in anteprima l’esclusivo dorso CFV II 50C – 907X. Inoltre, saranno presenti i tecnici esperti Fowa che sapranno rispondere a tutte le vostre richieste sulle ultime novità della casa svedese.

Gli omaggi di Hasselblad ai partecipanti

Se porti la tua fotocamera Hasselblad riceverai i seguenti omaggi:

  • Un chech-up gratuito e pulizia sensore con tecnici specializzati LTR Service;
  • Una pellicola Kodak Professional Portra 120.

 Gli Ambassador di Milano

Per la sesta tappa saranno presenti gli Ambassador:

  • Roberto Savio, Ambassador Hasselblad, direttore creativo, fotografo e regista video.
  • Angelo Ferrillo, Ambassador Hasselblad nasce a Napoli nel 1974 dove intraprende gli studi di Ingegneria e mentre lavora, si appassiona alla fotografia, formandosi da autodidatta, come è regola che sia, fino ad approdare nel mondo fotografico professionistico.
  • Fernando Cerrone, Ambassador Hasselblad dal 2019, il mio stile fotografico è un giusto mix tra fotogiornalismo e ritratto creativo.
  • Max&Douglas, Ambassador Hasselblad, lavorano insieme dal 1998, anno in cui terminano l’ Istituto Europeo di Design di Milano. Una delle prime “coppie creative” nel mondo della fotografia, sicuramente la prima in Italia.

MILANO – 27 NOVEMBRE 2019 – H. 17-21
BASE MILANO – Via Bergognone 34

Per registrarti al workshop clicca qui

100 fotografie che hanno cambiato il mondo: Earthrise

“And behold / The blue planet steeped in its dream / Of reality, its calculated vision shaking with the only love”: la rivista LIFE, nel primo numero del 1969, scelse questi versi del poeta James Dickey per accompagnare la fotografia a doppia pagina della Terra, parzialmente in ombra, con in primo piano la superficie lunare. Una speciale “alba” immortalata il 24 dicembre del 1968 dall’astronauta William Anders nel corso della missione Apollo 8. Erano trascorse 75 ore, 48 minuti e 41 secondi da quando la navicella aveva lasciato la rampa di lancio di Cape Canaveral. Durante il quarto dei dieci giri intorno alla Luna previsti dalla missione, emergendo dal lato oscuro del nostro satellite, i tre astronauti Frank Borman, Jim Lovell e William Anders si trovarono di fronte a uno spettacolo da togliere il fiato: la Terra, un globo azzurro, sembrava sorgere dal nero circostante. Afferrata la sua Hasselblad, Anders scattò la prima fotografia a colori del nostro pianeta dallo spazio.Classificata dalla NASA come AS8- 14-2383HR, la fotografia cominciò a essere conosciuta con il titolo Sorgere della Terra (Earthrise in inglese). Ritenuta una delle immagini più influenti mai scattate, nel 2003 fu inclusa da LIFE nel novero delle “100 fotografie che hanno cambiato il mondo”, al fianco di scatti iconici quali Flag Raising on Iwo Jima di Joe Rosenthal e Migrant Mother di Dorothea Lange. Va proprio a questo scatto, così come ad altri filmati e immagini realizzati dagli astronauti della missione Apollo 8, il merito di aver mostrato il nostro pianeta come un “organismo” fragile ma in perfetto equilibrio, un organismo che tutti noi abbiamo il compito di preservare per le generazioni future. Scriveva Archibald MacLeish, il 25 dicembre del 1968, sulle colonne del New York Times: “Vedere la Terra come veramente è – piccola e blu e bella nell’eterno silenzio in cui fluttua – è vedere noi stessi, tutti insieme, come cavalieri sulla Terra, fratelli consapevoli di essere tali”.

X1D II 50C: la nuova mirrorless medio formato di Hasselblad

X1D II 50C la nuova mirrorless medio formato di Hasselblad stupisce. Rivisitata internamente, con una nuova esperienza d’uso e migliorata nell’elettronica.
A distanza di 3 anni esatti dalla prima mirrorless medio formato, la X1D, arriva il secondo modello della casa svedese. Si chiama semplicemente Hasselblad X1D II 50C.  L’azienda ha scelto di rimanere fedele alla linea proposta nel 2016, pulita, essenziale e soprattutto funzionale. Con il nuovo modello Hasselblad si aspetta di migliore ulteriormente l’esperienza di uso, apportando migliorie li dove era necessario per mantenere elevata qualità e migliorare le prestazioni.
Sul corpo troviamo un display touch screen da 3,6 pollici di diagonale (2,36 milioni di punti di risoluzione) quindi più grande della X1D, così come è stato ingrandito anche il mirino elettronico EVF che ora offre un’ottima visualizzazione della scena viste ed è inoltre accessibile anche il menu da EVF, così da velocizzare le operazioni soprattutto nelle giornate molto soleggiate, quando guardare il display potrebbe non essere facilissimo. Grazie alle aumentate risoluzioni di display e EVF sarà un gioia rivedere le immagini direttamente in camera.

X1D II 50C: caratteristiche

Il peso del solo corpo macchina è di 650 grammi (diventano 1230g con l’obiettivo XCD 45mm). Al suo interno un sensore da 50 milioni di pixel, caratterizzato dall’ottima capacità di riprodurre tutte le sfumature di colore grazie alla tecnologia integrata Hasselblad Natural Colour Solution e ad una gamma dinamica di ben 14 stop.
La nuova X1D II 50C sarà in grado di produrre file RAW da 16bit e JPEG full resolution.
Tra le nuove funzioni aggiunte c’è la possibilità di selezionare e decidere le dimensioni del punto di fuoco toccando direttamente il display. Ma soprattutto tutti gli utenti del primo modello troveranno la nuova X1D II decisamente più reattiva: accensione più veloce, refresh rate in live view di 60 fotogrammi al secondo e shutter lag e black out time tra uno scatto e l’altro ridotti al minimo. Il software di gestione Phocus Mobile permetterà di lavorare su iPad Pro o iPad Air in tutta comodità. Grazie alle connettività Wi-Fi e USB-C integrati sarà possibile lavorare wireless che in tethering collegando direttamente la X1D II al dispositivo compatibile.  All’interno della X1D II troviamo anche un modulo GPS per sapere sempre dove abbiamo scattato le nostre fotografie. Non manca il doppio slot per schede di memoria SD (fino a UHS-II) per avere tanto spazio di archiviazione o per decidere di salvare contemporaneamente su entrambe le schede. Con la nuova Hasselblad X1D II saranno compatibili tutti i 9 obiettivi XCD, ma, con i rispettivi adattatori, anche le ottiche HC/HCD, H, Xpan e V.

Presentato uno zoom XCD 35-75mm f/3,5.4,5

Hasselblad, insieme alle nuova X1D II 50C, presenta anche uno zoom XCD 35-75mm f/3,5.4,5 ideale per chi è sempre in movimento, per chi in città vuole scattare uno dopo l’altro un ritratto e paesaggio urbano senza dover cambiare ottica, ma soprattutto per chi vuole muoversi con agilità.

La nuova mirrorless medio formato Hasselblad X1D II 50C sarà disponibile a partire dal prossimo luglio ad un prezzo suggerito al pubblico di 5.000 euro + IVA, mentre il nuovo obiettivo XCD 3,5-4,5/35-75 costerà 4.500 euro + IVA.

Presentata anche la Hasselblad 907X. Si tratta di un corpo medio formato compatto su cui sarà possibile montare le ottiche della serie X e allo stesso tempo il nuovo dorso CFV-II. Un sistema modulare che permetterà di rivivere l’esperienza di scatto tradizionale di Hasselblad ma in versione digitale. Prezzi e disponibilità ancora non sono stati resi noti dall’azienda.

Roberto Savio diventa Hasselblad Ambassador

Roberto Savio nuovo Hasselblad Ambassador

Questo nuovo riconoscimento si aggiunge all’ampia bacheca di titoli che da oltre quarant’anni testimoniano il talento e la professionalità di Roberto Savio. Il fotografo vanta infatti una lunga esperienza nel settore dell’imaging, in modo particolare nella fotografia di food nel quale ha acquisito un ruolo di riferimento nel panorama nazionale e internazionale.

Roberto Savio: docente della scuola di formazione Fowa Univesity

Roberto Savio, docente della scuola di formazione Fowa Univesity ha maturato una solida esperienza nell’ambito di progetti fotografici e multimediali a supporto di campagne di comunicazione strategica in diversi settori di mercato, dall’automotive al farmaceutico, dal manufacturing alle telecomunicazioni. Negli ultimi dieci anni si è concentrato sulla ristorazione, sulla fotografia food e in particolare sul rapporto tra materie prime, ambiente, industria alimentare e trasformazione del prodotto. Creativo, fotografo, fondatore di LINEAGOLOSA e docente anche della Food Genius Academy, Savio lavora con diversi formati e tecniche fotografiche, tra cui la fotografia 3D, realizzando scatti nelle cucine di chef stellati in Italia e nel mondo. Ora, in qualità di Hasselblad Ambassador, seguirà la sua attuale attività di fotografo food, con lo sviluppo di progetti still life che avranno la massima diffusione su tutti i media. Inoltre, grazie alla versatilità dell’apparecchiatura fotografica Hasselblad a sua disposizione, tra cui la mirrorless X1D, si cimenterà in altri percorsi affrontando tematiche riguardanti l’architettura e la fotografia industriale.  Le immagini di Roberto Savio sono state esposte in diversi e prestigiosi contesti internazionali ed è stato finalista in importanti concorsi quali il Festival International de la Photographie Culinaire a Parigi e il Pink Lady Food Photographer of the Year Award a Londra. Le fotografie di Savio sono state pubblicate su numerosi media anche oltre confine, tra cui Cook-ink, Gambero Rosso, Fine Dining Lovers, Evening Standard e molti altri. Inoltre, tra i progetti editoriali va ricordato anche il libro di ricette Barbecue Surprise (3° classificato al Gourmand World Cook Book Award 2017).

 

 

Fowa University: ritratto di un reportage, laboratorio di ritratto fotografico

Immagine tratta da http://www.fowa.it/index.php?module=university&method=main&id_product=46courses_thumb_FOWA_University_Corso-Anteprima_igers_5aafe17587591.jpg

Fowa University: laboratorio di ritratto fotografico

Fowa University e Hasselblad tornano di nuovo in prima linea con un corso interamente dedicato alla fotografia ritrattistica, nelle sue varie declinazioni.
Si può scegliere tra due appuntamenti: dal 10 al 13 maggio a Milano o dal 8 al 10 giugno a Napoli. In collaborazione con community IgersMilano e IgersNapoli, nei tre giorni di laboratorio, gli Hasselblad Ambassador Max&Douglas e Angelo Ferrillo seguiranno passo dopo passo i partecipanti che non si troveranno ad affrontare il solito workshop.
Il programma prevede un approccio alternativo. Niente modelle e set pre-allestiti, ma vita vera da immortalare.

Il venerdì sera si affronta il ritratto dal punto di vista teorico, con uno sguardo al linguaggio, alla semantica e alle tecniche e tipologie di questo genere fotografico. Il sabato i partecipanti entreranno nel vivo, mettendo in pratica ciò che è stato appreso il giorno precedente, passando dagli scatti in studio a quelli in strada. La domenica invece la formazione passa ad un livello successivo, vale a dire alle tecniche di editing e post produzione e alla composizione del proprio portfolio.

Milano, 10-13 maggio 2018 – Napoli, 08-10 giugno 2018

Fowa University: laboratorio di ritratto fotografico: il programma

Venerdì (dalle 19:00 alle 22:00) si affronterà il ritratto da un punto di vista teorico, analizzando autori, linguaggio, semantica, tecnica e tipologie.

Sabato (dalle 10:00 alle 18:00) si affronteranno le tipologie di ritratto mettendo in pratica i canoni teorici studiati il giorno prima. I partecipanti saranno divisi in due gruppi e si alterneranno passando dallo studio alla strada.

Domenica (dalle 10:00 alle 18:00) si dedicherà la giornata all’Editing, alla post produzione ed alla composizione del portfolio di ogni partecipante. Il tutto per arrivare ad una selezione di immagini che verranno stampate, in modo da far toccare con mano i risultati ottenuti durante il laboratorio. Chiudendo la giornata con un aperitivo conviviale di scambio. +

Il limite massimo di partecipanti è fissato per n. 20 (2 gruppi da 10 persone).

N.B. Per gli iscritti IgersItalia verrà applicato uno speciale codice promozionale, pagando solo 199,00€ IVA compresa.

I partecipanti al laboratorio, devono presentare il venerdì sera, un portfolio di ritratto (stampato, non necessariamente in alta qualità) composto da un minimo di 5 ad un massimo di 8 fotografie.

Inoltre, si fa presente che l’editing e la postproduzione ogni partecipante la effettuerà con il proprio laptop che porterà a lezione (solo la domenica). Le macchine fotografiche per realizzare le attività pratiche verranno fornite da Hasselblad.

 

Al via le tappe del “NWAC In Tour” 2018

Al via le tappe del “NWAC In Tour” 2018

Maggio sarà un mese intenso e ricco di appuntamenti dedicati alla formazione e all’aggiornamento professionale a marchio NWAC.

Anche quest’anno, il più importante e articolato percorso formativo italiano dedicato ai professionisti del wedding e non solo, riparte dal Tour in alcune delle principali città italiane. Cinque giornate di formazione in attesa del Nikon Wedding Advanced Campus Edizione 2018/2019. 

Come sempre supportato dai numerosi partners commerciali (Nital/Nikon, Profoto, Fowa/PrintHouse, Hasselblad, Impossible, Graphistudio, Manfrotto, Wacom, Epson) e dalle principali Associazioni di Categoria (Confartigianato, CNA, TAU Visual, AIFB), il Tour quest’anno cambia formula.

Cinque giornate di formazione dedicate alla fotografia di matrimonio, alla fotografia di newborn e ritratto familiare, con alcuni dei più affermati protagonisti di questi ambiti fotografici e non solo. Durante queste cinque tappe verranno affrontate tutte quelle tematiche fondamentali per essere oggi fotografi di successo: personal branding, strategie di vendita, comunicazione e web marketing, workflow e post produzione.

Al via le tappe del “NWAC In Tour” 2018: i master dell’edizione 2018

WEDDING

Anna Ambrosi, Maria Zavaglia e Riccardo Pieri i masters scelti in ambito wedding per questa edizione del Tour. Una fotografia di grande impatto e una straordinaria capacità di emozionare li accomuna, anche se nel solco di stili assolutamente personali. Sarà loro compito ispirare con la loro fotografia e condividere le personali scelte commerciali che li hanno portati a essere individuati quali punti di riferimento.

NEWBORN AND FAMILY

Gabriele Zani e Michela Magnani ci condurranno alla scoperta di un ambito fotografico in rapida espansione. Ci aiuteranno a comprendere le specificità di questo genere; l’approccio umano prima che fotografico; le tecniche di ripresa; le strategie commerciali.

…E TANTO ALTRO!

A completamento dell’esperienza formativa con il master scelto per la tappa, seguirete interventi dedicati al personal branding, al web-marketing, alle strategie commerciali, al workflow e post produzione e alla fotografia di viaggio. Ad accompagnarci anche quest’anno nella comprensione di questi importanti argomenti saranno Emanuele Carpenzano, Gianni Russo, Lorenzo Colloreta e Roberto Cristaudo.

Al via le tappe del “NWAC In Tour” 2018: il calendario

14/05 Vicenza (con Anna Ambrosi) wedding

15/05 Torino (con Maria Zavaglia) wedding

21/05 Firenze (con Gabriele Zani) newborn and family

22/05 Roma (con Michela Magnani) newborn and family

29/05 Napoli (con Riccardo Pieri) wedding

NitalProfotoGraphistudio, alcuni tra i principali partners commerciali del NWAC completeranno il programma con argomenti tecnici di grande utilità per i professionisti della fotografia.

Il programma del NWAC in Tour è disponibile su https://www.nwac.it/tour/

Iscriviti a una delle tappe del tour al costo di € 50,00 + iva

E se non puoi partecipare a nessuna delle tappe del NWAC IN TOUR iscriviti al Webinar di presentazione.

09 maggio pv ore 15:00 – Webinar di presentazione NWAC 2018-2019

REGISTRATI GRATIS AL SEGUENTE LINK:

https://attendee.gotowebinar.com/register/3749458186374765315

 

Hasselblad e FIAF a Castelnuovo di Garfagnana

Dal 22 luglio al 6 agosto: Garfagnana Fotografia

Prosegue l’emozionante esperienza di Portfolio Italia – Gran Premio Hasselblad, la prestigiosa rassegna annuale ideata nel 2004 dalla FIAF – Federazione Italiana Associazioni Fotografiche. Il 5 e il 6 agosto Portfolio Italia farà tappa a Castelnuovo di Garfagnana in provincia di Lucca con il 16° Portfolio dell’Ariosto – Premio Fosco Maraini, rassegna appartenente alla più ampia manifestazione 18° Garfagnana Fotografia che si svolgerà dal 22 luglio al 6 agosto. Il pittoresco festival, ricco di contenuti e di iniziative culturali, ha in calendario numerose mostre, letture, workshop, presentazione di libri e di film.

Partecipa alla lettura portfolio

Fulvio Merlak

Il 16° Portfolio dell’Ariosto – Premio Fosco Maraini è la quarta tappa del prestigioso Circuito FIAF “Portfolio Italia – Gran Premio Hasselblad. Gli incontri di lettura di portfolio si terranno sabato 5 e domenica 6 agosto nella Fortezza di Mont’Alfonso. I lettori saranno Giovanna Calvenzi, phoeditor, Lorenzo Cicconi Massi, fotografo, Daniele Cinciripini, fotografo e photo editor, Roberto Evangelisti, insegnante di fotografia, Enrico Genovesi, fotografo, Martino Marangoni, della Fondazione Studio Marangoni di Firenze e Fulvio Merlak, Direttore di Portfolio Italia. Il lavoro vincitore sarà pubblicato sulla rivista “FotoIt” e l’autore potrà partecipare al Workshop Masterclass Hasselblad, comprensivo di soggiorno di una settimana presso il CIFA, Centro Italiano della Fotografia d’Autore di Bibbiena (AR). All’opera di reportage ritenuta migliore dalla giuria sarà assegnato il Premio Fosco Maraini per il Reportage.

FIAF è partner ufficiale di Hasselblad che parteciperà a Garfagnana Fotografia con un desk tecnico e con il Workshop Street Photography a cura di Angelo Ferrillo.

Per maggiori info www.fiaf.net

www.centrofotografia.org

[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’hasselblad’ unit=’list’]

Inaugura oggi il primo Hasselbald Store

A Stoccolma apre il primo Hasselblad Store

Hasselblad inaugura oggi il suo primo negozio monomarca all’interno del centro dedicato alla fotografia contemporanea Fotografiska di Stoccolma. Lo store Hasselblad metterà a disposizione dei visitatori tutto il catalogo dei propri prodotti, dalle fotocamere agli obiettivi e accessori, e offrirà l’opportunità di esplorare e conoscere il brand svedese.

Il centro Fotografiska a Stoccolma.

“Hasselblad e Fotografiska rappresentano e contribuiscono a diffondere quanto di meglio esiste nel mondo della fotografia. Questa nuova collaborazione- dichiarano i manager dell’azienda – consentirà a entrambi  i  marchi  di  espandere  la  conoscenza comune delle  fotocamere Hasselblad associate al know-how e all’arte fotografica. Le due aziende collaboreranno, inoltre, per organizzare workshop tematici per aiutare ad accrescere la conoscenza e la passione per la fotografia sia dei professionisti che di tutte le persone amanti di questa forma d’arte”.

Uno spazio di 2.500 metri quadri dedicato alla fotografia

Lo store sarà collocato all’ingresso della location che comprende una parte museale di 2.500 metri quadrati in grado di ospitare ogni anno 4 mostre principali e circa 20 esposizioni minori. Alcune delle mostre di maggior successo organizzat di recente hanno avuto come protagonisti veri big della fotografia fra i quali: Annie Leibovitz, David LaChapelle, Anton Corbijn oltre agli Ambassador Hasselblad Erik Johansson, Hans Strand   e Cooper & Gorfer.

[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’hasselblad’ unit=’list’]

DJI e Hasselblad: un drone da 50 Megapixel

Hasselblad, la storica, quasi leggendaria, azienda produttrice delle medio formato più famose del mondo, ha recentemente vissuto un passaggio epocale che l’ha vista diventare proprietà di DJI. Il noto produttore di droni cinese, che aveva già fatto un primo investito nell’azienda svedese nel 2015, ha celebrato l’acquisizione con l’annuncio del primo quadricottero professionale dotato di fotocamera medio formato da 50 Megapixel. Ma, a distanza di poche settimane, quasi per fugare i timori dei moltissimi appassionati utenti delle celeberrime macchine, il management Hasselblad ha voluto riaffermare il retaggio prettamente fotografico dell’azienda presentando in questi giorni Experience 2017, una serie di workshop organizzati in tutto il mondo che offrono una speciale esperienza formativa a tutti gli appassionati della fotografia a livello amatoriale e non.
Durante i viaggi accompagnati da fotografi top, i partecipanti potranno utilizzare tutte le attrezzature professionali Hasselblad, inclusa la fotocamera X1D (e chissà… il drone) oltre a tutti gli obiettivi esistenti. Indipendentemente dal livello di preparazione dei fotografi, questi avranno la possibilità di imparare un’ampia gamma di tecniche per sviluppare le loro capacità, perfezionare i loro scatti e ritrarre alcuni dei più spettacolari paesaggi del modo. Durante ogni Hasselblad Experience gli esperti dei prodotti saranno presenti per garantire che i partecipanti possono utilizzare le fotocamere senza problemi e migliorare così il loro stile fotografico.
“Hasselblad Experience rappresenta un’ulteriore forma del nostro impegno nei confronti di una fotografia di livello. I viaggi rappresentano il modo migliore per provare in concreto le fotocamere ed avere il prezioso supporto di fotografi ed esperti rinomati – sottolinea Johan Åhlén, Chief Marketing Officer di Hasselblad. Le esperienze avranno luogo in alcuni dei più belli ed emozionanti palcoscenici naturali mondiali che sono ideali per scattare fotografie mozzafiato.”

Il programma Hasselblad Experience 2017 prevede:

Marzo/ giugno Studio Workshop a Lisbona e Amburgo. Sessione portrait con Ivo von Renner.
2 maggio – 12 maggio 2017Fotografare la bellezze della Slovenia in primavera
con Andy Williams.
30 settembre – 7 ottobre 2017Islanda e la bellezza dell’aurora boreale con Hans Strand. 
14 ottobre – 21 ottobre 2017Skye in ScoziaNell’aria sottile con Tom D. Jones.

Il calendario completo, in costante aggiornamento, delle esperienze può essere consultato su www.hasselblad.com

[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’hasselblad’ unit=’list’]

Il Calendario Epson 2017 “Senza Confini” è firmato da Andrea Pistolesi

Lo sguardo si allarga sino a comprendere gli spazi infiniti degli orizzonti: questo raccontano i 12 scatti del Calendario Epson 2017, dove la scelta del formato panoramico permette di condividere con Andrea Pistolesi, “un viaggiatore che fotografa” come lui stesso si definisce, la stessa curiosità ed emozione di chi sceglie il viaggio come esperienza del mondo.


“Senza Confini” è il titolo del Calendario Epson 2017: firmato da Andrea Pistolesi, fotografo specializzato in reportage geografici e sociali, è composto da 12 fotografie di paesaggio scattate spesso in aree geografiche estreme dove i luoghi sono esposti alla forza degli elementi e nei quali l’uomo, seppure non protagonista, riveste anch’esso un ruolo.


unnamed


Il titolo sintetizza in maniera eccellente il modo di leggere il paesaggio di Pistolesi che non cerca l’estetica fine a se stessa ma, come un moderno esploratore che si muove in un mondo ormai già conosciuto, cerca nuovi confini dove i territori da esplorare sono altri, quelli della natura che si esprime in maniera dirompente o quelli in cui l’uomo, quando appare, non è mai una presenza incoerente, anzi diventa un elemento necessario per definire un nuovo e diverso equilibrio.

Il Calendario è il risultato di un lavoro di attenta selezione delle immagini sino a definire in modo sempre più accurato il concept, nato da un’idea che Pistolesi coltivava già da anni: le “ultime frontiere”. A questo si è aggiunta la scelta del formato panoramico, prima creato su pellicola nel formato della Hasselblad XPan e poi in digitale con la tecnica di fusione di più immagini. La scelta, partita da oltre 120 scatti, è giunta alle 12 immagini finali, dopo una complessa selezione che ha tenuto conto di numerosi criteri formali come contenuto, coerenza, taglio sino, non ultimo, al gusto personale.


unnamed2


La storia della creazione del Calendario, dalla scelta delle fotografie al risultato finale, quest’anno, per la prima volta, sarà protagonista di un libro “Calendario Epson 2017”, voluto e realizzato da Andrea Pistolesi, in collaborazione con Epson, che ne racconta il processo di creazione, dalla scelta delle immagini alla produzione artigianale. Il libro è disponibile in versione elettronica e stampa on demand.

“Per arrivare alla creazione del Calendario Epson 2017 ci sono voluti mesi – ha dichiarato Massimo Pizzocri, amministratore delegato di Epson Italia – e la partecipazione di molte persone, ma siamo estremamente soddisfatti e orgogliosi del risultato ottenuto. Questo lavoro ci ha posto anche una sfida tecnica, quella del formato panoramico che Andrea ha fortemente voluto e che ci è sembrata l’unica visione possibile per queste meravigliose immagini. Una prospettiva ampia, per offrire a tutti noi una sorprendente visione sui confini del nostro mondo, dove Andrea ha voluto condurci con il suo viaggio.”

Con Epson ogni anno è un capolavoro.

Anche quest’anno il Calendario Epson è un vero e proprio pezzo da collezione: la tiratura è limitata a sole 800 copie numerate, realizzate a mano con pazienza, sapienza ed elevata precisione, incollando le singole immagini prodotte con stampanti, carte fine art ed inchiostri Epson.

Prima di Andrea Pistolesi, diversi grandi fotografi hanno firmato le edizioni precedenti del Calendario Epson. Dal 2001: Giorgio Lotti, Franco Fontana, Mario De Biasi, Giovanni Gastel, Mimmo Jodice, Ferdinando Scianna, Gian Paolo Barbieri, Gianni Berengo Gardin, Massimo Vitali, Vittorio Storaro, Gabriele Basilico, Maurizio Galimberti, Stefano Unterthiner, Luca Campigotto, Renato Marcialis e Francesco Radino.

Andrea Pistolesi, un viaggiatore che fotografa.

Andrea Pistolesi ama definirsi un viaggiatore che fotografa piuttosto che un fotografo che viaggia, anche se il tempo ha cambiato molto questa idea originale. Dopo gli studi di geografia ha pubblicato reportage sulle più importanti riviste italiane e internazionali e numerosi libri monografici. Un lavoro di oltre dieci anni sulle maggiori religioni del mondo ha avuto come frutto oltre sei libri. Il suo stile compositivo, fortemente influenzato dalle origini fiorentine, è coniugato con una scrittura personale delle luci naturali. Uno dei primi utilizzatori delle tecnologie digitali (già nel 1998 pubblicò il libro “Back In Town” dedicato alle prime sperimentazioni) fa dell’uso del colore uno dei suoi caratteri più personali. È un entusiasta sostenitore della stampa fine art digitale (è stato uno dei primi autori Digigraphie®) che ha definito, insieme alla nuova tecnica in generale, la “riconquista della camera oscura per il fotografo del colore”.

www.epson.it

Il 26 novembre la premiazione di “Portfolio Italia 2016 – Gran Premio Hasselblad”

LA FIAF ANNUNCIA LA CERIMONIA DI PROCLAMAZIONE DI “PORTFOLIO ITALIA 2016 – GRAN PREMIO HASSELBLAD”

Nel corso dell’evento verrà proclamato il vincitore di Portfolio Italia 2016 che riceverà in premio una prestigiosa fotocamera Hasselblad del valore di 15.000 euro e un biglietto per andare a ritirarla direttamente nella sede dell’azienda in Svezia

A questa edizione hanno partecipato più di 610 Autori con 767 Portfolio

Sabato 26 novembre – CIFA, Via delle Monache 2, Bibbiena (Arezzo)


La FIAF – Federazione Italiana Associazioni Fotografiche, associazione senza fini di lucro che si prefigge lo scopo di divulgare e sostenere la fotografia amatoriale su tutto il territorio nazionale, annuncia la cerimonia di proclamazione della tredicesima edizione di “Portfolio Italia 2016 – Gran Premio Hasselblad” che si terrà sabato 26 novembre 2016 alle ore 18.00 presso la sede del CIFA – Centro Italiano della Fotografia d’Autore di Bibbiena, in Via delle Monache 2.

Portfolio Italia, ideata nel 2004, è l’unica rassegna itinerante a livello mondiale che tocca le più importanti manifestazioni nazionali di fotografia caratterizzate da incontri di lettura di portfolio. La manifestazione è occasione per fotografi professionisti e non di esporre i propri portfolio durante le 10 tappe che si susseguono ogni anno in tutta Italia da Nord a Sud e durante le quali è possibile partecipare anche ad esclusivi workshop, seminari, seguire autori di rilevanza nazionale e internazionale e ammirare mostre.

Particolare successo ha avuto questa edizione, alla quale hanno partecipato 616 Autori (71 in più rispetto al 2015) con 767 Portfolio. Sono state effettuate complessivamente 1.988 letture da 75 Lettori differenti (per un totale di 108 partecipazioni ai tavoli). Globalmente sono state fatte 663 ore di lettura e sono stati premiati 20 Autori provenienti da 13 regioni differenti. Durante le 13 edizioni hanno aderito a “Portfolio Italia” 115 Festival e hanno altresì partecipato complessivamente 8.500 Autori con 10.512 Portfolio. In questi tredici anni sono state effettuate 22.898 Letture da parte di 356 Lettori differenti (per un totale di 1.072 partecipazioni ai tavoli) e globalmente sono state fatte più di 7.890 ore di lettura.

A conclusione dei dieci incontri di Portfolio Italia, che si sono svolti da maggio a ottobre 2016, verrà inaugurata la mostra con i venti portfolio finalisti (due per ogni singola tappa) e, nella stessa giornata, verrà anche proclamato il Vincitore dell’edizione 2016. La mostra rimarrà poi aperta al pubblico fino a domenica 12 febbraio 2017.

Prima della proclamazione, alle ore 16.00, presso il CIFA si terrà l’incontro dal titolo “LA SELEZIONE FINALE: verifica di un anno di portfolio” con Giovanna Calvenzi e Francesco Radino, componenti della commissione selezionatrice.

Di seguito i venti finalisti delle dieci tappe, tra i quali si cela il vincitore di Portfolio Italia 2016:

Tappa 16° Spazio Portfolio: Alessandro FRUZZETTI con “Memoria a breve termine” e Nazzareno BERTON e Sergio CARLESSO con “RE (nel set della Natura)”
Tappa 13° FotoArte in Portfolio: Giuseppe TORCASIO con “Post.it” e Sara MASELLA con “Articolo 27”
Tappa 7° Portfolio dello Strega: Giulio BREGA con “Habana vieja” e Simona BERTARELLI con “Invase”
Tappa 10° Portfolio al mare: Matteo SIGNANINI con “Via Rebocco” e Maurizio FANTONE  “The Vanity Fair”
Tappa 9° Portfolio Jonico: Paolo PISANI con “Marco” e Roberta BASILE con “Noi vivi”
Tappa 15° Portfolio dell’Ariosto: Gabriele DUCHI con “Working Holiday Visa” e Sara MUSOLINO con “Ami(t)anto”
Tappa 14° Portfolio Trieste: Giancarlo RUPOLO con “Presenze di non presenze” e Giulio BONIVENTO con “Cerro Rico de Potosi”
Tappa 25° Premio SI Fest: Graziano PANFILI con “Di padre in figlio” e Silvano BACCIARDI con “1:1”
Tappa 17° FotoConfronti: Teresa VISCEGLIA con “Chapiteau” e Valentina RUGGIERO con “Sacra bellezza”
Tappa 5° Premio AVIS Rosignano: Francesco COMELLO con “L’isola della salvezza” e Luigi GRASSI con “Il mondo che non vedo”

Grazie alla partnership tra FIAF e Fowa, che ha visto Hasselblad come sponsor unico della manifestazione, il vincitore finale del Circuito, nominato “Hasselblad Ambassador”, riceve in premio una macchina fotografica Hasselblad del valore di 15.000 euro, nonché il viaggio e il soggiorno per due persone a Göteborg (Svezia) per andare a ritirarla direttamente nella sede dell’Azienda. Tutti i 10 finalisti delle tappe vincono inoltre la partecipazione al “Workshop Masterclass Hasselblad” comprensivo di soggiorno di una settimana presso il CIFA di Bibbiena.

“Come ogni anno, anche questa tredicesima edizione ha riscosso un grandissimo successo e ci ha permesso di far conoscere ancora di più la manifestazione; man mano che la sua notorietà cresce, aumenta anche la nostra soddisfazione nel vedere sempre più partecipazioni e adesioni – ha commentato Fulvio Merlak, Presidente d’Onore della FIAF e Direttore del Dipartimento Manifestazioni – Con Portfolio Italia abbiamo viaggiato da Nord a Sud alla ricerca di tutti quei fotografi desiderosi di mettersi in gioco e di far conoscere al mondo i propri portfolio. Dai lavori più sofisticati a quelli più semplici, dai portfolio in bianco e nero a quelli a colori, seppur così diversi, tutti sono accumunati dalla stessa caratteristica, quella di essere progetti di persone che hanno ancora il coraggio di credere nella propria passione e che non hanno paura a mostrare le proprie fotografie, rivelando a volte un po’ anche se stessi…”

Per maggiori informazioni su Portfolio Italia: www.fiaf.net/portfolioitalia

0 0,00
Go to Top