Tag archive

incontro

“Identità dell’immagine e relazioni necessarie” – Incontro con Pino Musi

”IDENTITÀ DELLE IMMAGINI E RELAZIONI NECESSARIE”:

INCONTRO CON PINO MUSI



Mercoledì 13 dicembre con Pino Musi si terrà presso La Triennale il quarto appuntamento che chiude il ciclo autunnale di Lectiones Magistrales di Fotografia e dintorni, organizzate da AFIP International – Associazione Fotografi Italiani Professionisti in collaborazione con CNA Professioni.

“Identità dell’immagine e relazioni necessarie” è il titolo scelto dal fotografo salernitano per l’incontro, che verterà su due cardini del suo modo di pensare, vivere e leggere la fotografia: la necessità di rendere “identificabili” le immagini attraverso le intuizioni e gli sviluppi di un metodo pregnante, più che attraverso la sola riconoscibilità formale, e l’urgenza di attivare relazioni esterne con altri linguaggi della comunicazione e dell’arte per far si che la fotografia non si isoli in un recinto autocompiacente.

Il lavoro di Musi, che fin dagli inizi incrocia teatro, architettura, archeologia ed antropologia, è contraddistinto da una sapienza progettuale e tecnica, frutto di un’insistente ricerca e sperimentazione finalizzata alla comprensione e messa in discussione degli strumenti necessari a raggiungere obiettivi chiari e definiti nei contenuti: non soltanto, quindi, l’acquisizione di nuovi bagagli meramente tecnologici e operativi, ma soprattutto, da una prospettiva concettuale, l’acquisizione di un grado di comprensione delle metodologie da applicare alle intuizioni originarie, che permettano alle immagini di darsi “corpo”. Perseguendo questo processo è possibile, per Musi, restituire il vigore di un progetto in una forma sostanziale sia sulla superficie della fotografia, sia anche su altre superfici, come le pagine di un libro, “luogo” privilegiato dall’autore per far interagire le opere fotografiche con altre scritture.

Musi auspica, inoltre, che la fotografia possa porsi in un costante contraddittorio con altre discipline, in modo da permetterle di aprirsi “altrove”, provando ad uscire da comportamenti e convenzioni solamente interne a se stessa.


“Identità dell’immagine e relazioni necessarie” – Incontro con Pino Musi

Triennale di Milano (viale Alemagna 6)

Mercoledì 13 dicembre 2017 ore 19.00

Ingresso gratuito (fino esaurimento dei posti)

Per ulteriori informazioni, interviste ai fotografi e materiali clicca qui

 

Ufficio stampa

Guardans-Cambó, Via Caradosso, 6, 20123 Milano

tel. 02 43990159 segreteria@guardanscambo.com

Una storia al mese: La storia della fotografia raccontata da Walter Guadagnini

Jacob A. Riis. Bandits' Roost, 1887

Per il ciclo I GIOVEDI’ IN CAMERA, il 21 settembre alle ore 19.00, si terrà il primo appuntamento della serie “UNA STORIA AL MESE – La storia della fotografia raccontata da Walter Guadagnini”.


Jacob A. Riis. Bandits’ Roost, 1887

Il tema del primo appuntamento della stagione autunnale è la fotografia documentaria: alla fine dell’Ottocento la fotografia esplora nuovi campi di ricerca.  In piena rivoluzione industriale e movimenti migratori, la fotografia contribuisce alla presa di coscienza delle nuove realtà sociali del tempo documentando le misere condizioni di vita dei lavoratori e degli immigrati, lo sfruttamento del lavoro minorile. La fotografia diviene strumento di denuncia sociale e, al di là delle parole, racconta la reale condizione di vita delle classi più povere, dai quartieri operai della Londra di fine Ottocento, ai sobborghi degli immigrati di New York. Giornalisti, sociologi e scrittori corredano i loro articoli non più con i disegni degli illustratori, ma con fotografie che documentano la realtà.
A partire da questo binomio nasce una nuova era dell’informazione e una nuova figura di fotografo: il fotoreporter.

 

Ingresso incontro > 3 Euro
Ingresso incontro + mostra > 10 Euro intero | 6 Euro ridotto

E’ richiesta la prenotazione: prenotazioni@camera.to
(fino ad esaurimento posti)

I giovedì in CAMERA: Stefano Cerio e Walter Guadagnini

Mirabilandia Ravenna, 2017

In occasione della mostra “Stefano Cerio. Night Games”,  Stefano Cerio farà un excursus della suggestiva selezione di scatti notturni dei parchi divertimento in mostra a CAMERA e racconterà al pubblico la sua ricerca, apparentemente oggettiva, sui luoghi e sulle macchine del consumo del divertimento di massa, avviata con lavori quali Aqua Park (2010), Night Ski (2012) e Chinese Fun (2015).


Mirabilandia Ravenna, 2017

Cosa succede in un parco dei divertimenti quando si spengono le luci? Cosa succede di notte nei parchi per bambini? Nel suo lavoro, Stefano Cerio offre alcune risposte a tali interrogativi e suggestive testimonianze visive, esplorando il tema dell’intrattenimento, del divertimento, della distrazione e lasciando che sia la realtà da lui immortalata a parlare, a raccontarsi.

Intervengono:
Stefano Cerio, fotografo
Walter Guadagnini, direttore CAMERA

Ingresso incontro: 3 €
Ingresso incontro + mostra: 10 €
È richiesta la prenotazione: camera@camera.to


[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’stefano cerio’ unit=’list’]

I giovedì in CAMERA: Ritratti per tutti | 11 maggio 2017

André-Adolphe-Eugène Disdéri 1819 - 1889

Nella seconda metà dell’Ottocento, grazie all’invenzione della carte de visite ad opera di André Disdéri, il ritratto diviene una pratica accessibile a tutti e le piccole stampe in serie montate su cartoncino un oggetto di culto e collezionismo famigliare. Mentre lo straordinario successo della pratica di Disdéri favorisce il sorgere di studi di professionisti, l’album fotografico diventa un ‘must’ in Europa e negli Stati Uniti. Qualche decennio più tardi, grazie allo sviluppo tecnico firmato Kodak, la fotografia diventa ‘istantanea’ e passa nelle mani dei dilettanti, che scattano immagini informali ad amici, parenti e conoscenti, diffondendo per la prima volta la pratica dell’autorappresentazione e della narrazione personale. Con quale impatto sulla storia e il futuro della fotografia fino ad oggi?


Andre-Adolphe-Eugene Disderi 1819 – 1889

Ingresso: 3 €
Ingresso incontro + mostra: 10 € intero | 6 € ridotto

E’ richiesta la prenotazione: camera@camera.to
(fino ad esaurimento posti)

Clicca qui per maggiori informazioni


[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’giovanni gastel’ unit=’list’]

I giovedì in Camera: Susan Meiselas. Fotografia e impegno civile

© Susan Meiselas/Magnum Photos. Sandinista National Liberation Front, Masaya, Nicaragua 1978

Il mese di maggio a CAMERA inizia con un appuntamento imperdibile del ciclo “I giovedì in CAMERA”: l’incontro pubblico con la fotografa Magnum SUSAN MEISELAS.


© Susan Meiselas/Magnum Photos. Sandinista National Liberation Front, Masaya, Nicaragua 1978

Accompagnandosi con una proiezione di immagini tratte da numerosi progetti, Susan Meiselas racconta la sua carriera di fotografa, fondata sull’impegno civile e una costante necessità di approfondimento. Nata nel 1948 a Baltimora, dopo un master all’Università di Harvard, Susan Meiselas realizza un lungo lavoro sulle spogliarelliste che si esibiscono in occasioni di alcuni piccoli festival nel nordest degli Stati Uniti, grazie al quale entra a fare parte dell’agenzia Magnum nel 1976 e, successivamente, espone al Whitney Museum di New York. I suoi straordinari lavori sulla guerra civile in Nicaragua, la drammatica storia del Kurdistan e un club di sadomasochismo a Manhattan, insieme a saggi visivi e preziose raccolte di informazioni, sono solo alcuni tra quelli che verranno presentati in questa imperdibile occasione.


4 maggio 2017, ore 19.00

CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia – Via delle Rosine 18, Torino

Intervengono:
Susan Meiselas, fotografa Magnum Photos
Francesco Zanot, curatore CAMERAIngresso: 3 €
Ingresso incontro + mostra: 10 € intero | 6 € ridottoÈ richiesta la prenotazione: camera@camera.to (fino a esaurimento posti)


[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’susan meiselas’ unit=’list’]

I giovedì in CAMERA: Ferdinando Scianna e Walter Guadagnini | 13 aprile 2017

Il secondo giovedì di aprile degli incontri a Camera vede come protagonista Ferdinando Scianna, fotografo della scuderia Magnum di fama mondiale che viene così descritto dal conterraneo Leonardo Sciascia: “È il suo fotografare, quasi una rapida, fulminea organizzazione della realtà, una catalizzazione della realtà oggettiva in realtà fotografica: quasi che tutto quello su cui il suo occhio si posa e il suo obiettivo si leva obbedisce proprio in quel momento, né prima né dopo, per istantaneo magnetismo, al suo sentimento, alla sua volontà e – in definitiva – al suo stile”.

13 aprile 2017, ore 19.00

© Ferdinando Scianna/Magnum Photos ITALY, Milano -Arcore: Italian politician Silvio Berlusconi

Intervengono
Ferdinando Scianna, fotografo Magnum Photos
Walter Guadagnini, Direttore di CAMERA

Ingresso: 3 €.
Omaggio per i visitatori delle mostre nella data dell’incontro.

È richiesta la prenotazione: camera@camera.to
(fino ad esaurimento posti)

Clicca qui per maggiori informazioni


[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’ferdinando scianna’ unit=’list’]

 

TRIENNALE, MILANO | Fotografia: Lectio magistralis di Luca Babini | Lunedì 23 maggio

AFIP INTERNATIONAL

LUNEDÍ 23 MAGGIO, ORE 19.00
LUCA BABINI
IN CONVERSAZIONE CON CHIARA OLTOLINI ALLA TRIENNALE DI MILANO

PER LE LECTIO MAGISTALIS DEI PIÙ IMPORTANTI FOTOGRAFI ITALIANI

Una serie di eventi organizzati dall’AFIP International – Associazione Fotografi Italiani Professionisti in collaborazione con CNA Professioni


Un grande maestro del ritratto svela i segreti del mestiere. È Luca Babini il protagonista del nuovo appuntamento con le Lectio Magistralis di fotografia e dintorni promosse da AFIP International e CNA Professioni, in calendario alla Triennale di Milano lunedì 23 maggio alle 19.00. Insieme alla giornalista Chiara Oltolini (Glamour), Babini riassume nel titolo Portrait of Change un dialogo che passa in rassegna quasi trent’anni di carriera internazionale, con servizi e reportage per riviste come Vogue Italia, Casa Vogue, Esquire, Vanity Fair.

unnamed

Sono decine i grandi volti dello spettacolo, della musica e della moda immortalati nel corso degli anni da Babini, che riesce con innata eleganza a restituire la personalità dei diversi soggetti che incontra, spegnendo le luci della ribalta e accendendo uno sguardo più intimo e profondo. Memorabili gli scatti che ha dedicato a Sting, Samuel L. Jackson, Roberto Bolle, Ben Harper; indimenticabile il servizio su Sharon Stone con cui ha vinto, nel 2005, l’International Fashion Award of Beauty Photography a Los Angeles (Lucie’s Awards – Oscars della Fotografia).
Diretta streaming su: http://www.afipinternational.com/diretta-video-streaming.html

BIO

Luca Babini nasce a Genova. Dalla fine degli Anni Ottanta avvia la sua carriera come Fashion Photographer, lavorando per riviste come Vogue Italia, Casa Vogue, Esquire, Vanity Fair. Contemporaneamente dirige numerosi video musicali e spot televisivi, guadagnandosi vari riconoscimenti: è del 1987 il premio per il best Tv commercial dell’Associazione Italiana Pubblicità. Il suo impegno nel cinema e nella tv prosegue negli Anni Novanta, quando gira e produce diversi documentari in 16mm. Uno di questi diventa l’ispirazione per uno show sulla CBS New York condotto dall’attrice e modella Lauren Hutton: Babini ne è ideatore e produttore esecutivo. Va in onda dal ’94 al ’96 ed entra nelle collezioni del Museum of TV and Broadcasting. Dal 2003 collabora continuativamente con la rivista Vanity Fair per cui realizza molte copertine di celebrities italiane e internazionali, ritratti e servizi di moda. La sua serie su Sharon Stone (2005) vince l’International Fashion Award of Beauty Photography a Los Angeles (Lucie’s Awards – Oscars della Fotografia). Dal 2008 collabora con UNICEF, realizzando importanti progetti documentari dalla Sierra Leone, Haiti, Libano.


Lectio Magistralis di Fotografia e dintorni

Triennale di Milano (viale Alemagna 6), Salone d’Onore

Lunedì 23 maggio, ore 19.00

Ingresso gratuito (fino esaurimento dei posti)

Per informazioni: info@afipinternational.com

Sito internet: www.afipinternational.com

0 0,00
Go to Top