Tag archive

LuganoPhotoDays

Fotografia di Viaggio: un nuovo concorso rivolto a studenti e fotografi amatoriali

Elena Massarenti "Behind the glass", finalista concorso "Mobile photo - Travel 2017"

Dedicato alla Fotografia di viaggio è questo un nuovo concorso, organizzato in collaborazione con le filiali di Hotelplan in Ticino, che si va ad aggiungere a quelli già annunciati per la prossima edizione del festival internazionale di fotografia LuganoPhotoDays, ideato da Marco Cortesi e in programma dall’11 al 27 ottobre 2019, presso l’ex Macello a Lugano (Svizzera).
Oltre ai due concorsi Reportage e fotografia documentaria e Natura e fauna selvatica e al neonato “Premio Città di Lugano”, ci sarà dunque una nuova opportunità, questa volta rivolta esclusivamente a fotografi amatoriali e studenti che abbiano compiuto 18 anni di età.

Concorso Fotografia di Viaggio: modalità di partecipazione

Ciascun partecipante potrà inviare al massimo 25 fotografie singole entro il 15 settembre 2019. Gli scatti verranno valutati dal fotografo Didier Ruef, affiancato da Gaby Malacrida (portavoce Hotelplan per il Ticino) e da Claudio Visentin, presidente della Scuola del Viaggio. Non ci sono limitazioni e viene lasciata massima libertà espressiva e nella scelta del soggetto.
Il premio per la foto migliore consiste in un buono viaggio del valore di 1000 franchi offerto da Hotelplan Ticino; tre buoni viaggio del valore di 200 franchi ciascuno andranno ad altri tre vincitori selezionati dalla giuria. La premiazione pubblica avrà luogo durante LuganoPhotoDays presso l’ex Macello (viale Cassarate 8, Lugano). Dettagli e iscrizione sono disponibili sul sito www.fotoviaggio.ch

 

 

LuganoPhotoDays: workshop LA FOTOGRAFIA DI VIAGGIO E REPORTAGE

LuganoPhotoDays presenta: il workshop LA FOTOGRAFIA DI VIAGGIO E REPORTAGE e la conferenza L’OCCHIO DEL FOTOGRAFO con Marco Urso

LuganoPhotoDays, il festival internazionale che si è tenuto dal 12 al 21 ottobre scorso, presenta una giornata di grande fotografia con Marco Urso. Coerente con le tematiche ambientaliste e rivolte alla salvaguardia della natura protagoniste delle ultime edizioni, LuganoPhotoDays propone un appuntamento con un personaggio che fa della fotografia di wildlife il suo marchio distintivo. Al Canvetto Luganese, dalle 10:00 alle 17:00 si terrà il workshop dal titolo La fotografia di viaggio e reportage con Marco Urso: dai singoli scatti alla narrazione fotografica mentre nel pomeriggio dalle 17:30 alle 19:30 ci sarà L’Occhio del Fotografo, un incontro con l’artista.

LuganoPhotoDays: la fotografia di viaggio e reportage con Marco Urso: dai singoli scatti alla narrazione fotografica

Marco Urso, nominato “Fotografo dell’Anno italiano 2017”, ha vinto in 3 anni più di 150 concorsi a livello internazionale. È docente per i corsi riconosciuti FIAF e per Fujifilm. In questo workshop, rivolto a fotografi che, pur conoscendo le tecniche di base, vogliono definire un sistema di ripresa finalizzato alla narrazione di una storia, comprendendo i diversi strumenti offerti dalla tecnologia per ottenere questo fine, Urso, condividerà con i partecipanti la sua esperienza e aiuterà a comprendere meglio la gestione della luce e della composizione, declinata per le diverse tipologie di scatto della Fotografia di Viaggio. Nell’ultima ora di corso ogni partecipante potrà condividere un paio dei propri scatti. A tale proposito sarà necessario portare tre scatti sin formato Jpeg con base 1920 pixel su una chiavetta USB. Il docente commenterà in pubblico le fotografie con riferimenti a quanto spiegato. Il costo del workshop, che sarà in italiano, è di CHF 75.- e sconto del 33% (CHF 25.) per i possessori dell’abbonamento LuganoPhotoDays. Il numero massimo di partecipanti è 30 e l’evento è organizzato in collaborazione con FUJIFILM (Switzerland) AG.

Iscrizioni al seguente link: https://www.luganophotodays.ch/events/la-fotografia-di-viaggio-e-reportage/

LuganoPhotoDays: conferenza l’Occhio del fotografo

Dalle 17:30 alle 19:30 ci sarà la possibilità di incontrare e ascoltare Marco Urso.
La macchina fotografica come strumento per scoprire la natura ed il mondo. “Esplorate, sognate, Scoprite!!!” diceva Mark Twain.
La fotografia è un modo per rivalutare i valori essenziali, valorizzare un semplice sorriso, un pianto, una stretta di mano, ma anche osservare ed apprezzare il comportamento degli animali e le loro “regole di vita”.
Con la fotografia si può essere più solidali con tutti gli esseri viventi e con la natura, ripartire alla scoperta del mondo ed essere stimolati ad osservare gli altri e cercare di conoscerli.
Fotografia non più e non solo come espressione di tecnica, ma piuttosto come espressione della nostra cultura e del nostro stile.
Marco Urso, racconterà le sue esperienze e il suo metodo di approccio a persone e natura con la macchina fotografica, attraverso immagini ed audiovisivi. Durante la conferenza verranno presentati prodotti di FUJIFILM (Switzerland) AG. Ci sarà inoltre la possibilità di provare gratuitamente le macchine fotografiche; chi fosse interessato è invitato a portare la propria scheda di memoria SD. L’appuntamento è ad ingresso libero ma è consigliabile iscriversi sul sito: https://www.luganophotodays.ch/events/locchio-del-fotografo/

LA FOTOGRAFIA DI VIAGGIO E REPORTAGE e la conferenza L’OCCHIO DEL FOTOGRAFO con Marco Urso
1 dicembre 2018, Canvetto Luganese, Lugano

Immagine in evidenza Marco Urso

LuganoPhotoDays 2018: fotografi contro i crimini sugli animali

Blindfolded and partially drugged, a young white rhino (Ceratotherium simum) waits in a boma after a long journey from South Africa. The rhino will be kept in this boma and reunited with its mother before being released into the wild in Botswana as part of efforts to rebuild Botswana's lost rhino populations.

LuganoPhotoDays 2018

Manca poco alla settima edizione di LuganoPhotoDays, che avrà luogo dal 12 al 21 ottobre 2018 presso l’ex Macello di Lugano in viale Cassarate 8. La kermesse fotografica oltre ad ospitare il progetto Fotografi contro i crimini sugli animali con 78 immagini di un collettivo di 24 fotografi internazionali, vedrà le mostre dei vincitori dei 3 concorsi, un workshop dal titolo L’arte del libro fotografico con Britta Jaschinski e Keith Wilson, una lettura portfolio sempre con Britta Jaschinski e Keith Wilson ed un’altra con Daria Bonera. Da quest’anno sarà inoltre possibile acquistare un abbonamento per assistere agli appuntamenti del Festival e ottenere sconti su workshop e letture portfolio, questo sarà valido fino al 31 dicembre 2018.

LuganoPhotoDays 2018: Fotografi contro i crimini sugli animali

Dopo i cambiamenti climatici, l’attenzione si sposta sulla salvaguardia degli animali. Dal 13 al 21 ottobre a LuganoPhotoDays la mostra Fotografi contro i crimini sugli animali, un collettivo internazionale di 24 pluripremiati fotografi uniti per combattere i crimini contro gli animali e il traffico illegale di animali usando le proprie fotografie iconiche. 78 immagini che cercheranno si sensibilizzare il pubblico sull’argomento. L’arte è espressione, e una forte espressione può influire sul cambiamento. La fotografia in particolare ha questo potere. Infatti, senza alcune fotografie di questo progetto, molte storie di crimini contro gli animali non avrebbero ricevuto visibilità. La maggior parte delle persone non dimentica un’immagine veramente potente, indipendentemente se sono colpiti da un momento scioccante di pura realtà o attirati da una composizione tenera e compassionevole. I fotogiornalisti tra di loro hanno deciso di mostrare i crimini internazionali sugli animali attraverso una narrazione visiva, proprio come farebbe un giornalista di guerra, con una serie di immagini emotivamente potenti, ognuna accuratamente ripresa e pianificata, ciascuna incapsulando una diversa prospettiva della storia.
L’intenzione di altri fotografi naturalisti è semplicemente quella di trasmettere l’empatia che hanno per i loro soggetti e a farcene preoccupare allo stesso modo, così che proviamo una profonda rabbia per le cose crudeli che possono essere inflitte su creature senzienti.
Per realizzare immagini di questa qualità, scattando fotografie che sono più che casuali e che rimarranno potenti anche dopo averle guardate più volte, serve conoscenza, abilità e maestria. Questo normalmente succede dopo anni sul campo e acquisendo un’alfabetizzazione visiva. Queste immagini richiedono sia tempo per essere realizzate sia l’occhio di un artista. Sono immagini di spicco di grande valore. Non sorprende che molte abbiano vinto importanti premi.Tutte le fotografie coinvolgono persone in qualche modo. Magari non mostrano crimini in un senso strettamente legale, ma rivelano la crudeltà e l’ignoranza o le tragedie dell’estinzione degli animali che, a lungo andare, influenzerà anche il nostro stesso benessere. In contrapposizione alle immagini di crudele indifferenza, molti ritraggono i teneri momenti di umanità. Ma tutto è collegato con noi. Colpiscono la nostra compassione e ci spingono a protestare contro l’inazione o al rifiuto politico. Questa è la forza della fotografia. E creando una galleria con questo progetto, lo scopo dei fotografi è di amplificare la potenza con il grido “Fotografi contro i crimini sugli animali!” (Roz Kidman Cox)

LuganoPhotoDays 2018: il workshop

Come da tradizione, anche quest’anno LuganoPhotoDays nella giornata di sabato 13 ottobre, dalle 15 alle 19 (in inglese), ospiterà un workshop dal titolo L’arte del libro fotografico con Britta Jaschinski e Keith Wilson.  I due ospiti sono i co-fondatori del progetto di PHOTOGRAPHERS AGAINST WILDLIFE CRIME™, un gruppo internazionale di fotografi pluripremiati che hanno unito le forze per utilizzare le loro immagini potenti e iconiche per contribuire a porre fine al commercio illegale di specie selvatiche. A maggio, Jaschinski e Wilson hanno pubblicato un libro unico e potente con lo stesso nome, che è stato ampiamente acclamato e venduto in oltre 40 paesi. Alcuni dei fotolibri più creativi e stimolanti stampati oggi sono auto-pubblicati (self-published). Molti altri fotografi naturalisti vogliono seguire questa strada per realizzare la loro visione. Questo workshop riguarda l’auto-pubblicazione e come farlo.

In questo workshop, l’editore e scrittore Keith Wilson e la fotografa Britta Jaschinski esamineranno la creazione di Photographers Against Wildlife Crime™ e altri libri fotografici auto-pubblicati di successo, per conoscere il ruolo vitale del fotoritocco, del design e della produzione, dei social media e marketing per consegnare il libro che si vuole produrre.
D
ettagli e iscrizione sul sito https://www.luganophotodays.ch/events/larte-del-libro-fotografico/

LuganoPhotoDays 2018: letture portfolio

Sabato 13 ottobre dalle 9 alle 12 (in inglese) si terrà la lettura portfolio con Britta Jaschinski e Keith Wilson (15+15 minuti). Quella di LuganoPhotoDays sarà una rara opportunità per discutere le proprie idee e foto con due dei professionisti della fotografia più esperti dei nostri giorni. Britta Jaschinski è uno dei fotogiornalisti più ammirati d’Europa, documentando l’esistenza fratturata della fauna selvatica. È stata nominata due volte GDT European Wildlife Photographer of the Year, ed è una vincitrice nella categoria nella competizione Wildlife Photographer of the Year. Keith Wilson è il fondatore ed ex redattore delle riviste Wild Planet e Outdoor Photography e un ricercatissimo editor di foto di libri di fotografia di natura artistica.Con la loro ricca esperienza di ogni aspetto della fotografia e del processo di pubblicazione, potranno fornire ai partecipanti una preziosa visione di come sviluppare un progetto personale o la propria direzione come fotografo.
Dettagli e iscrizione sul sito https://www.luganophotodays.ch/events/letture-portfolio-con-britta-e-keith/

Domenica 14 ottobre dalle 14 (in italiano e inglese) ci sarà la lettura portfolio della durata di 20 minuti con Daria Bonera, photo editor della rivista di viaggio Touring Magazine. Daria, milanese si nascita dopo il Master in Fashion Marketing alla St Martins School di Londra, ha iniziato a lavorare per l’agenzia Contrasto a Milano e nel 2004 con l’Agenzia Fotogiornalistica Grazia Neri per la quale ha rappresentato diverse agenzie internazionali e fotografi e si è occupata della ricerca di nuovi talenti.
Dettagli e iscrizione sul sito https://www.luganophotodays.ch/events/lettura-portfolio-con-daria-bonera/

LuganoPhotoDays 2018
12-21 ottobre 2018, Ex Macello, Lugano

LuganoPhotoDays, il Festival internazionale di fotografia ideato da Marco Cortesi

LuganoPhotoDays, il Festival internazionale di fotografia

Manca un mese all’inizio della settima edizione di LuganoPhotoDays, il Festival internazionale di fotografia ideato da Marco Cortesi che avrà luogo dal 12 al 21 ottobre 2018, presso l’ex Macello a Lugano (Svizzera). Un tema particolarmente forte e sentito per la mostra principale Fotografi contro i crimini sugli animali, guiderà questa edizione accanto alle tre mostre dei vincitori dei concorsi, i cui focus sono Reportage, Fotografi emergenti, Wildlife.

LuganoPhotoDays: i vincitori dei concorsi

Dopo una lunga e attenta selezione sono stati designati i vincitori dei tre concorsi che esporranno le proprie opere al Festival: Per il Concorso reportage: Mattia Vacca – The forgotten war of Nagorno-Karabakh Per il Concorso emergenti: Francesco Cilli – There is the sun outside Per il Concorso wildlife: Marco Fabbri – Il popolo alato.
CONCORSO FOTOGRAFICO: REPORTAGE: Mattia Vacca, con The forgotten war of Nagorno-Karabakh, che racconta la guerra dimenticata della Repubblica del Nagorno-Karabakh dove uomini e donne fanno parte dell’esercito, si è aggiudicato un premio in contanti di CHF 2500.- offerto dalla Fondazione Vincenzo Vicari di Caslano. Il suo lavoro è stato premiato dalla giuria composta da: Nicole Aeby (NZZ, Svizzera), Daria Bonera (Touring Club Italia, Italia), Clement Saccomani (NOOR, Paesi Bassi).
CONCORSO FOTOGRAFICO: FOTOGRAFI EMERGENTI (18-29 anni): Francesco Cilli con There is the sun outside ha vinto la competizione dedicata ai fotografi emergenti tra i 18 e i 29 anni, conquistando una Olympus OM-D E-M1 Mark II 12-40mm Kit (valore CHF 2999.-) offerta da OLYMPUS SCHWEIZ AG. Hanno scelto il progetto di Cilli: Roberto Borioli (CSIA, Svizzera), Michela Carmazzi (vincitrice 2017, Italia), Marco Cortesi (LuganoPhotoDays, Svizzera).
CONCORSO FOTOGRAFICO: WILDLIFE: Marco Fabbri con Il popolo alato è il primo vincitore della novità di quest’anno, il concorso di fotografia naturalistica. La giuria rappresentata da Giovanni Frescura (fotonaturalista Efiaps), Britta Jaschinski e Keith Wilson (fondatori di Photographers Against Wildlife Crime) ha preferito il lavoro di Fabbri che si porta a casa una Olympus OM-D E-M1 Mark II Double Zoom Kit PRO (valore CHF 4399.-) offerta da OLYMPUS SCHWEIZ AG.
FOTOGRAFI CONTRO I CRIMINI SUGLI ANIMALI: Dopo i cambiamenti climatici, l’attenzione si sposta sulla salvaguardia degli animali. Dal 13 al 21 ottobre a LuganoPhotoDays la mostra Fotografi contro i crimini sugli animali, un collettivo internazionale di 24 pluripremiati fotografi uniti per combattere i crimini contro gli animali e il traffico illegale di animali usando le proprie fotografie iconiche. L’arte è espressione, e una forte espressione può influire sul cambiamento. La fotografia in particolare ha questo potere. Infatti, senza alcune fotografie di questo progetto, molte storie di crimini contro gli animali non avrebbero ricevuto visibilità. La maggior parte delle persone non dimentica un’immagine veramente potente, indipendentemente se sono colpiti da un momento scioccante di pura realtà o attirati da una composizione tenera e compassionevole. I fotogiornalisti tra di loro hanno deciso di mostrare i crimini internazionali sugli animali attraverso una narrazione visiva, proprio come farebbe un giornalista di guerra, con una serie di immagini emotivamente potenti, ognuna accuratamente ripresa e pianificata, ciascuna incapsulando una diversa prospettiva della storia
Per maggiori informazioni https://www.luganophotodays.ch
Immagine in evidenza Marco Fabbri Il Popolo Alato

0 0,00
Go to Top