Tag archive

polaroid - page 2

Il ritorno delle fotocamere istantanee, oggetti cult per gli under 35

Il ritorno delle fotocamere istantanee

E’ un mercato in crescita quello analizzato da idealo – il portale internazionale di comparazione prezzi per gli acquisti digitali – relativamente al settore delle macchine fotografiche: l’intero comparto registra un interesse del +35,3% nel 2018 rispetto all’anno precedente; idealo ha indagato tra le preferenze scoprendo che l’interesse principale per gli amanti della fotografia è rappresentato dalle reflex seguite dagli obiettivi fotografici e dalle fotocamere digitali mirrorless.
Ma c’è una sottocategoria che più delle altre segna un picco sorprendente:  quella delle macchine fotografiche istantanee, diventate dei veri e propri oggetti cult per nostalgici e per le nuove generazioni che non hanno mai potuto godere del fascino della foto stampata: i dati di idealo parlano chiaro, il settore ha fatto registrare una percentuale di crescita del 170,5%.

Il ritorno delle fotocamere istantanee: cresce la voglia di vintage

La voglia di vintage torna alla carica quindi ed è scontro aperto tra i due principali brand che si contendono il mercato nella produzione di questo oggetto del desiderio: Fujifilm e Polaroid, ormai diventati sinonimi di fotocamere istantanee. Secondo i dati di idealo il duello viene vinto da Fujifilm.
Nella top ten delle macchine fotografiche istantanee più desiderate, sul podio si trovano la Fujifilm Instax Mini 8 e la Instax Mini 9, tra le quali si posiziona la Polaroid SNAP Touch. Ma tutta la classifica è dominata dai due brand, rispettivamente presenti con i modelli OneStep2, Snap e POP per quanto riguarda Polaroid e Instax Mini 90 Neo Classic, Instax Mini 70 e Instax Wide 300 per quanto riguarda Fujifilm. Bisogna attendere il decimo posto per incontrare un brand differente, la Leica, presente in classifica con Leica Sofort

Il ritorno delle fotocamere istantanee: quale tipo di utente predilige questi cimeli?

A scegliere le fotocamere istantanee sono per il 59% le donne che battono nettamente la controparte maschile ferma al 41%. Interessante, inoltre, è notare come si tratti di un mercato appannaggio dei giovani, basti pensare che il 59.8% di chi cerca un’istantanea è un under 35 e addirittura un quarto dell’intero pubblico di riferimento ha tra i 18 e i 24 anni, una fascia d’età tendenzialmente poco vicina al mondo degli acquisti online.
Ulteriore fattore che ha sancito il successo del prodotto è legato a costi non eccessivamente esorbitanti. Infatti, la maggior parte delle fotocamere si colloca nella fascia di prezzo da 100€ fino a 150€.
Mentre l’innovazione corre sempre più veloce, continua a farsi strada un mercato parallelo che strizza l’occhio al passato ha commentato Fabio Plebani, Country Manager di idealo per l’ItaliaIl caso delle fotocamere istantanee è emblematico in questo senso e fa sorridere che il suo pubblico di riferimento sia quello dei più giovani, ossia di chi non ha mai vissuto quel momento di sana ansia legato allo sviluppo di una foto. Il mercato odierno offre svariate opzioni e macchine dotate di tante funzioni e optional che di passato hanno ben poco, ma il bello è anche questo: poter godere di uno strumento nostalgico, bello visivamente e dotato di una tecnologia innovativa e, se acquistato online, anche molto abbordabile.”

 
Ricerca condotta da Idealo: https://www.idealo.it/

Maurizio Galimberti: San Nicola reMade in mostra a Monza

MAURIZIO GALIMBERTI – San Nicola reMade
a cura di Denis Curti
dal 17 novembre 2017 al 28 gennaio 2018 @Villa Reale – Monza

© Maurizio Galimberti

La Villa Reale di Monza presenta la mostra fotografica “Maurizio Galimberti – San Nicola reMade”, a cura di Denis Curti. In esposizione circa 80 opere, tra mosaici di polaroid e big polaroid, realizzate nella Basilica di San Nicola di Tolentino, dal grande fotografo di fama mondiale Maurizio Galimberti, allestite al secondo piano nobile della Villa del Piermarini.

La mostra costituisce la prima tappa espositiva di un importante progetto artistico-documentario voluto dal mecenate e collezionista Alberto Marcelletti, e patrocinato dal Comune di Tolentino, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sui danni riportati dalla Basilica di San Nicola, a seguito dell’ultimo terremoto nelle Marche, e favorire altresì l’inizio dei restauri e la riapertura di tutto il complesso, quale testimonianza identitaria non solo di Tolentino ma di un ampio territorio di riferimento.

L’accorato appello è stato accolto da Villa Reale che ha voluto ospitare il progetto nelle sue meravigliose stanze per portare l’attenzione su quest’opera da salvare, anche al di fuori della sua terra, e, grazie al lavoro di Galimberti, favorirne la conoscenza oltre che stimolare una più ampia consapevolezza sulla necessità di preservare il nostro patrimonio, come la stessa dimora monzese, recentemente riportata al suo antico splendore dopo decenni di incuria e abbandono.


© Maurizio Galimberti

Galimberti ha scattato, nel corso di quattro anni, oltre 9.000 istantanee polaroid, sua personalissima tecnica, per raccontare in un mosaico assolutamente unico, lo splendore artistico e spirituale della Basilica di San Nicola e del Cappellone con l’importante ciclo di affreschi trecenteschi, recentemente attribuiti a Pietro da Rimini. Ritornato sul luogo a seguito del sisma del 2016, ha eccezionalmente utilizzato una polaroid di grandi dimensioni, una delle quattro al mondo ancora funzionanti, per scattare pezzi unici di 50×60 centimetri ad altissima definizione, a testimonianza del silenzio, del dolore, dell’abbandono in cui si trova oggi il monumento, tra polvere e macerie. Il progetto iniziale “San Nicola reMade” ossia “rifatto” si è così arricchito di una nuova valenza.

Da vedere a Monza i mosaici e le grandi polaroid realizzate dall’artista come due punti di vista complementari su una stessa realtà trasformata. La composizione di più tasselli, in cui si manifesta la ricerca del ritmo e di una nuova particolarissima prospettiva, nel mostrare le bellezza, i dettagli e i colori degli affreschi storici, e la scena intima da immortalare in un singolo scatto di grandi dimensioni, per portare l’attenzione sul dramma del terremoto, in maniera personale e innovativa, utilizzando una chiave estetica fortemente emozionale.


© Maurizio Galimberti

Spiega Denis Curti: “…le immagini di Maurizio Galimberti, le prime in assoluto ispirate a un soggetto religioso, non solo si inseriscono con grande coerenza nell’ampio corpus della sua produzione, ma ribadiscono il suo totale disinteresse nei confronti dei generi fotografici privilegiando, invece, la dimensione emotiva di un vedere empatico accompagnato da quella sua specifica qualità di mostrare agli altri ciò che spesso rischia di restare nascosto, in secondo piano. (…) In queste fotografie, ingrandimenti, mosaici di Polaroid, transfer ottenuti con la Polaroid Giant Camera, gli affreschi conservati nella basilica rimasta chiusa dopo gli eventi sismici tornano finalmente alla comunità di Tolentino, rinsaldandone il legame con la storia e le antiche radici culturali”.

L’intero lavoro di Galimberti a San Nicola di Tolentino prima del sisma si può ripercorrere grazie al docufilm “San Nicola reMade” che fa parte della mostra e del progetto prodotto da Alberto Marcelletti. Il regista Luca Giustozzi ha seguito l’artista e racconta in modo appassionante i momenti salienti della sua creazione, la nascita dell’idea nel 2013 e la sua evoluzione. Già andato in onda su Sky Arte, il cortometraggio di circa 30 minuti rivela l’unicità dell’opera nella storia della fotografia, anche per l’utilizzo di tutte le ultime 6000 pellicole Polaroid originali rimaste e di 4000 pellicole IMPOSSIBLE, quali tasselli dei mosaici.


Il materiale fotografico completo, comprese le big polaroid, opera di Galimberti è inoltre pubblicato nel nuovo pregiato libro di arte-fotografica “Maurizio Galimberti – San Nicola reMade” edito da Silvana Editoriale, a cura di Federico Mininni, con testi del curatore Denis Curti, di Maurizio Galimberti, Alberto Marcelletti e Giorgio Semmoloni. Il volume è disponibile presso il Bookshop di Villa Reale (140 pagine, 80 illustrazioni, edizione italiano, inglese e francese, 34€ prezzo speciale in mostra).


© Maurizio Galimberti

Laboratorio didattico – La sinopia
In occasione della mostra “San Nicola reMade”, Villa Reale propone un laboratorio per scoprire la sinopia, tecnica fondamentale per la realizzazione degli affreschi.
Si inizia con visita guidata alle fotografie di Galimberti, in particolare dove si vede la sinopia ovvero il disegno preparatorio, realizzato con un pigmento rosso proveniente dal Mar Nero, e si prosegue con la riproduzione di uno di questi dettagli su carta giapponese, utilizzando una terra minerale rossa ad acquerello. I lavori più validi saranno esposti uno accanto all’altro, formando un mosaico, come avviene con le tante polaroid dell’artista.
Per le scuole di ogni ordine e grado / per gruppi, massimo 25 persone > prenotazione obbligatoria al numero T 039 5783427 info@villarealedimonza.it


SCHEDA TECNICA

MAURIZIO GALIMBERTI – San Nicola reMade a cura di Denis Curti
17 novembre 2017 – 28 gennaio 2018
Villa Reale – Monza – Viale Brianza 1

Orari

Da martedì a domenica h 10-19 / venerdì h 10–22 / lunedì chiuso

Biglietti

12€ intero, 10€ ridotto, 5€ scuole e bambini/ragazzi dai 6 ai 18 anni
Il biglietto comprende anche la visita al Triennale Design Museum al piano Belvedere Biglietto cumulativo mostra + Triennale Design Museum + visita agli Appartamenti Reali > 19€ intero, 16€ ridotto, 6€ scuole e bambini/ragazzi dai 6 ai 18 anni

Info: 039 5783427 / info@villarealedimonza.it / www.villarealedimonza.it

www.silvanaeditoriale.it

Il bilancio di Wide Photo Fest 17

“Risposte positive per Wide Photo Fest 17: un nuovo inizio in una nuova era”.

La prima edizione di Wide Photo Fest, il nuovo evento dedicato al mondo Imaging promosso da AIF – Associazione Italiana Foto & Digital Imaging e svoltosi a Milano in Piazza Gae Aulenti, sì è chiusa con una valutazione sostanzialmente positiva da parte delle aziende partecipanti.
“Wide Photo Fest al suo “anno zero” è un evento totalmente innovativo e rivoluzionario per molti aspetti, ideato per mettere in contatto i nuovi mondi dell’ecosistema Imaging“ – afferma Giovanni Augusti, Presidente di AIF. “Si è trattato del debutto di un nuovo modello di manifestazione che AIF ha desiderato uscisse definitivamente dagli spazi fieristici per approdare per le strade di una grande città metropolitana – in questo caso Milano, offrendo agli utenti una nuova esperienza, un momento di nuovo coinvolgimento, di aggregazione e condivisione per vivere il mondo della fotografia a 360°.”
Il nuovo format “WIDE” è stato voluto da AIF come evoluzione concreta di un processo di profondo cambiamento che ha pervaso tutte le attività di AIF nel corso del biennio 2016-2017 e che probabilmente vedrà i migliori risultati nel prossimo.

Il format di WIDE nasce dalla voglia di trasformazione e apertura al futuro.

“La nuova manifestazione dedicata all’universo imaging è stata accolta con coraggio da un consiglio direttivo e una presidenza AIF totalmente nuovi, in continuità con il passato ma con nuove esperienze personali – prosegue Augusti – caratterizzati da una forte tensione al “fare sistema”, essere inclusivi e pensare e attivarsi in modo differente. Per la prima volta, AIF si è occupata direttamente di definire completamente un nuovo format affidato per la parte organizzativa a un’agenzia, con l’impegno di cambiamento al cento per cento rispetto a una fiera intesa anche come “fuorisalone”, con nuove regole di ingaggio e con l’obiettivo di diminuire e contenere ulteriormente l’impegno economico delle aziende partecipanti. Questo rappresenta in sé un profondo cambiamento di approccio, si passa da un Photoshow dove gli espositori “acquistavano spazi” e costruivano “un’offerta” localizzata presso uno stand proprio, con molti contenuti diretti in questo contesto e pochi condivisi nelle aree comuni, quindi centralità alle aziende come del resto le argomentazioni di ingaggio verso il proprio pubblico, invece a commissionare l’esecuzione di un progetto già definito nelle finalità e in alcuni punti chiave a un organizzatore specializzato nel costruire eventi con al centro l’appassionato, il nuovo utente, il nuovo user di imaging che vive la propria condivisione in rete.

I marchi più importanti del mercato imaging al lavoro insieme.

In tre giorni e due notti, le aziende leader che hanno sostenuto il progetto (Asus, Canon, Manfrotto, Nikon, Olympus, Polaroid, Epson, Adobe Stock, Wacom, Ascofoto e Cna con la partnership tecnica di Sprea Editori) hanno offerto un programma di appuntamenti (sono stati 96 in totale) pensato per rivolgersi a tutti, agli appassionati ai meno esperti, fino ai bambini. Sicuramente sono primi risultati di successo i workshop in sold-out, l’affluenza di nuovo pubblico, i nuovi target perseguiti, molto interesse espresso da nuovi operatori, provenienti dall’Imaging ma arrivando fino alla comunicazione.
In particolare i workshop tematici dedicati ai fotoamatori evoluti, svolti con il contributo di personalità di spicco del mondo della fotografia, hanno registrato l’affluenza di un pubblico numeroso e con un’età media sensibilmente più bassa rispetto al passato, con una partecipazione sempre più attiva e variegata.

“Anche se pienamente consapevoli di alcune difficoltà incontrate, e di aspetti da migliorare, siamo spiaciuti e rammaricati che il format da noi proposto sia stato recepito in una modalità a volte critica soprattutto da una parte degli addetti ai lavori” – conclude il Presidente Augusti. “Saremmo lieti di ricevere da tutti gli operatori presenti e nuovi, oltre che dal nostro pubblico, ogni suggerimento per il futuro e faremo il possibile negli anni a venire per dargli il valore che merita. Per quanto ci riguarda, siamo orgogliosi di aver provato a innescare il nuovo, creandolo dal nulla con slancio. Naturalmente il nostro preciso intento, che speriamo sia anche quello del prossimo consiglio direttivo per il biennio 2018-19, è quello di promuovere ed incrementare la partecipazione a Wide a portare a bordo di AIF anche le realtà dell’industria fotografica nazionale e internazionale rilevanti e moderne ancora assenti, evitando di disperdere energie sempre più difficili da generare nelle aziende.”

Stasera la fotografia… balla

Wide Photo Fest è il nuovo evento dedicato al mondo Imaging promosso da AIF – Associazione Italiana Foto & Digital Imaging dedicato a chi desidera vivere un’esperienza unica, un’immersione nel mondo della fotografia. Lo storico Photoshow è uscito dagli spazi fieristici ed è approdato in Piazza Gae Aulenti. la tre giorni dedicata alla fotografi, anche oggi, oltre ai moltissimi eventi, workshop, seminari, dà modo di scoprire i prodotti di aziende leder del mondo Imaging come Asus, Canon, Manfrotto, Nikon, Olympus, Polaroid, Epson, Adobe Stock, Wacom.  L’intensa giornata si concluderà nella maniera migliore per vivere un sabato notte a tutto divertimento: dalle 20, la piazza diventa uno straordinario palco musicale con dj set lounge per l’ora dell’aperitivo per poi scatenarsi dalle 22.30 con DJ Shorty, direttamente da Radio Deejay, che farà ballare tutti con la sua musica. Fotografia e musica, connubio perfetto!

 

Wide Photo Fest: 22 premi per la fotocaccia al tesoro

Successo di pubblico superiore a tutte le aspettative per la prima giornata di Wide Photo Fest 17, il nuovo evento dedicato al mondo Imaging che si sta svolgendo a Milano nella straordinaria Piazza Gae Aulenti. Anche oggi numerosissime le attività in programma nelle diverse aree allestite sul Palco centrale e nell’Arena. Tra queste da non perdere oggi la Wide Photo Hunt, una vera e propria caccia al tesoro fotografica dedicata a Smartphone Passionate e Photocamera Lovers, che mette in gioco la creatività e l’intraprendenza dei partecipanti che dovranno andare alla ricerca degli scatti più spettacolari. Per partecipare è necessario consultare il regolamento sul sito e accedere alla web-app dedicata dove verranno via via comunicati i vari indizi per completare il percorso. Dalle ore 10,00 è possibile iscriversi  tramite webapp cliccando qui. È possibile partecipare utilizzando una macchina fotografica o uno smartphone, da solo o in gruppo.

Il meccanismo è semplice. Basta rispondere a tutti i challenge utilizzando gli indizi che riceverai sulla webapp e caricare le tue foto. Dovrai affrontare 3 step di gioco, ma potranno superare il terzo step solo coloro che caricheranno per primi le foto più belle. Infatti solo gli scatti dei primi 50 Photocamera Lovers e dei primi 50 Smartphone Passionate saranno valutate dalla giuria. Se arriverai tra i primi 10 finalisti potrai partecipare allo step 4 e accedere a un luogo esclusivo per scattare la foto che potrebbe permetterti di salire sul podio e vincere uno dei 22 premi messi in palio. I più appassionati avranno anche la possibilità di iscriversi a un’altra iniziativa dedicata alla fotografia, Italia Photo Marathon, la cui tappa milanese è prevista proprio in Piazza Gae Aulenti il 18 giugno.

L’intensa giornata si concluderà nella maniera migliore per vivere un sabato notte assolutamente divertente con DJ Shorty, direttamente da Radio Deejay, che farà ballare tutti con la sua musica
Anche oggi, oltre ai moltissimi eventi, workshop, seminari, sarà possibile scoprire i prodotti di aziende leder del mondo Imaging come Asus, Canon, Manfrotto, Nikon, Olympus, Polaroid, Epson, Adobe Stock, Wacom. 

Programma Sabato 10 Giugno

Palco Centrale
10.00 – partenza Wide Photo Hunt – Caccia Al Tesoro Fotografica
11.00/12.00 – Ritratto – Monica Silva – Manfrotto
12.00/13.00 – Io Non Ci Sto! – Alfredo Sabbatini – Nikon
14.00/15.00 – Fotografia E Social Responsibility con Marco Scippa E Paolo Tedeschi, Modera Mauro Fabbri (Sprea Editori)
15.00 – Chiusura Wide Photo Hunt – Caccia Al Tesoro Fotografica
16.00/17.00 – Smart Photography: Istruzioni Per L’uso – Andrea Sartori – Asus
17.00/18.00 – Scatta La Notizia – Enrico Stefanelli – Canon
18.00 – Annuncio Finalisti Wide Photo Hunt – Caccia Al Tesoro Fotografica
19.00/20.00 – Incontro Con Stefano Unterthiner, Fotografo Del National Geographic – Epson
20.00/22.00 – Lounge Music
22.00/22.30 – Dj Set
22.30/24.00 – Dj Shorty From Radio Deejay

Arena
10.00/11.00 – Incontro Autori Italiani Bestseller Stock – Valentina Marinai, Giorgia Millena – Adobe Stock
11.00/12.00 – Scatto Dunque Sono – Mariano Bevilacqua – Canon
12.00/13.00 – Social, Moda e Fotografia – Alessandro Calascibetta – Canon
15.00/16.00 – L’innovazione Del Sistema Om-D/Pen – Gianni Trevisani – Olympus
16.00/17.00 – Colore, Ahi Ahi Che Dolore – Gaetano Biraghi – Epson
17.00/18.00 – Il Meraviglioso Mondo Della Fotografia Bambini – Prisca Caroli – Nikon
18.00/19.00 – Smart Workflow: Dall’acquisizione Allo Sviluppo – Andrea Sartori – Asus
19.00/20.00 – Photo Retouch e Video Manipulation – Paolo Baccolo – Wacom

Piazza
Durante tutto l’arco della giornata: Scatta E Stampa – Canon. Street Photography – Canon
10.00/13.00 – Catch The Moment Con Zenfone Zoom S – Asus
11.00/11.15 – Urban Flash Floor – Breakdance Performance
11.00/12.00 – Ritocca E Personalizza Le Tue Foto Con Wacom
11.00/13.00 – Trainer: Architettura – S. Vallauri – Nikon
13.00/13.30 – Nikon Touch & Try
14.00/16.00 – Trainer: Glamour – F.Francia – Nikon
15.00/15.15 – Urban Flash Floor – Breakdance Performance
15.00/20.00 – Catch The Moment Con Zenfone Zoom S – Asus
15.15/18.00 – Attività per bambini
16.00/16.30 – Nikon Touch & Try
16.00/17.00 – Ritocca E Personalizza Le Tue Foto Con Wacom
17.30/19.00 – Trainer: Architettura – S. Vallauri – Nikon
19.00/19.15 – Urban Flash Floor – Breakdance Performance
19.00/19.30 – Nikon Touch & Try
20.00/20.30 – Street Parade/Flash Mob In Piazza con le 50 compagnie di Mi Off
20.00/22.30 – Golden Hour/Notte Della Fotografia
20.00/22.00 – Trainer: Glamour – F.Francia – Nikon

 

Inaugura oggi Wide Photo Fest 17

Si inaugura oggi alle ore 14.00 nella bellissima Piazza Gae Aulenti, Wide Photo Fest 17, il nuovo evento dedicato al mondo Imaging  in programma a Milano fino all’11 giugno a coronamento degli eventi della prima Milano PhotoWeek, l’iniziativa diffusa voluta dal Comune di Milano per valorizzare e promuovere la fotografia in tutte le sue espressioni e forme. Lo storico Photoshow si rivoluziona, esce dagli spazi fieristici e approda per le strade di Milano. L’evento si arricchisce di contenuti, moltiplica il suo target e si trasforma in un festival ricco di appuntamenti, aperto alla città, alle famiglie, alla musica, allo spettacolo, si rinnova nel programma e nel palinsesto. La sua inquadratura si allarga e diventa appunto “Wide”, per accogliere un pubblico molto più ampio. Le attività, strutturate nelle tre giornate di venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 giugno, si svolgono in diverse aree allestite all’interno di Piazza Gae Aulenti come il Palco e l’Arena, che accoglieranno performance artistiche e attività fotografiche e spettacoli e culmineranno alla sera con la musica di DJ Aladin e DJ Shorty direttamente da Radio Deejay.
Durante le giornate della manifestazione, della quale noi di Sprea Fotografia siamo felici di essere partner tecnici, che riempirà di eventi, musica e tantissima fotografia la piazza più moderna del capoluogo lombardo, sarà possibile scoprire i prodotti e le tecnologie più nuove e divertente di aziende leder del mondo Imaging come Asus, Canon, Manfrotto, Nikon, Olympus, Polaroid, Epson, Adobe Stock, Wacom che, insieme all’associazioni di categoria Ascofoto e CNA, hanno reso possibile la realizzazione di questo grande evento.
“Siamo di fronte a una trasformazione epocale che interagisce profondamente con tutto il mondo dell’imaging” – afferma Giovanni Augusti, Presidente di AIF. “Anche il nostro Paese è caratterizzato da una nuova rivoluzione legata al ruolo della fotografia e pervasa da un utilizzo sempre più friendly e social della comunicazione per immagini, che consentono un’espressione immediata, spontanea, estremamente rapida e istintiva e capace di cogliere attimi della nostra vita, costituendo un nuovo linguaggio diretto e senza filtri. Questo è l’anno zero dove l’Imaging sta vivendo una nuova fase. Sicuramente tutti gli attori del mondo dell’immagine saranno maggiormente coinvolti, liberamente appassionati e consapevoli”.

 

Programma Venerdi 9 Giugno

Palco Centrale

14.00/15.00 – Taglio Del Nastro
15.00/16.00 – Cooking Photography
Giovanni Malgarini – Manfrotto
16.00/17.00 – Alinari E La Fotografia. Comunicazione Per Immagini
Paola De Polo – Epson
17.00/18.00 – Diventa Un Fotografo Per Adobe Stock
Valentina Marinai – Adobe Stock
18.00/19.00 – Video A 360°, Realtà Virtuale E Realtà Aumentata. Cosa Sono, Come Si Creano, Come Si Fruiscono – Andrea Galeazzi – Nikon
19.00/20.00 – Concerto Band Little Rock
20.00/21.00 – Lounge Music
21.00/22.30 – Milano Off Incontra Wide Photo Fest
22.30/24.00 – Dj Aladyn From Radio Deejay

Arena
15.00/16.00 – Street Photography -Alessandro Vargiu – Nikon
17.00/18.00 – Smart Workflow: Dall’acquisizione Allo Sviluppo – Andrea Sartori – Asus
18.00/19.00 – Fotografia Dei Bambini Per Le Mamme – Camilla Parolin – Manfrotto
19.00/20.00 – Dalla Cameretta Alla Societa’ Di Produzione Video, Quando La Passione Diventa Lavoro- Matteo Bruno – Canon.

Piazza
Street Photography – durante tutta la giornata “Scatta e Stampa” – Canon
15.00/15.30 – Nikon Touch & Try Nikon
16.00/17.00 – Ritocca E Personalizza Le Tue Foto Con Wacom
15.00/20.00 – Catch The Moment Con Zenfone Zoom S Asus
15.00/15.30 – Raoul Gomiero – Menu Completo Pizza Comedy (Giocoleria)
16.00/17.30 – Trainer: Street Photography – Alessandro Vargiu – Nikon
17.00/17.30 – Raoul Gomiero – Menu Completo Pizza Comedy (Giocoleria)
18.30/19.00 – Nikon Touch & Try Nikon
19.00/19.30 – Raoul Gomiero – Menu Completo Pizza Comedy (Giocoleria)
19.00/21.00 – Trainer: Ritratto G. Carena – Nikon
20.00/22.30 – Golden Hour/Notte Della Fotografia
21.00/21.30 – Nikon Touch & Try Nikon
22.00/24.00 – Trainer: Photo Notturna – Alessandro Vargiu – Nikon

Il palinsesto completo di Wide Photo Fest 17 è consultabile cliccando qui.

 

 

 

Maurizio Galimberti: Ritratti | Milano, 15-30 settembre

Maurizio Galimberti (Lucio Dalla) | Lucio Dalla, 2007, 85x68,6cm

MAURIZIO GALIMBERTI – RITRATTI

Spazio Kryptos | Milano | dal 15 al 30 settembre


Dal 15 al 30 settembre 2016
Spazio Kryptos, via Panfilo Castaldi 26, Milano (lunedì – venerdì, 15.00 – 19.30) Vernissage mercoledì 14 settembre, dalle 18.30.

In contemporanea, dal 14 al 17 settembre, Aperitivo d’Autore da Kilburn Cocktail Bar (via Panfilo Castaldi 25),
con una ulteriore selezione di ritratti di Maurizio Galimberti.

La fotografia di Maurizio Galimberti è nota e riconosciuta. I tratti distintivi delle sue scomposizioni e ricomposizioni a mosaico, con pellicola a sviluppo immediato, sono evidenti: sia nella visione di città, sia nella realizzazione di ritratti. L’attuale monografia Maurizio Galimberti. Portraits, in distribuzione da settembre, non si propone soltanto come raccolta di ritratti (peraltro, di personaggi celebri del costume dei nostri giorni), ma si offre come rivelazione di una affascinante personalità d’autore: nessuna fotografia è significativa in quanto tale, se non considerata e inclusa in un discorso complessivo e concluso. Ognuna è il verso di una poesia, che si svolge istante dopo istante davanti ai nostri occhi.

Maurizio Galimberti (Lady Gaga) | Lady Gaga, 2010, 85x58,8cm
Maurizio Galimberti (Lady Gaga) | Lady Gaga, 2010, 85×58,8cm

Interprete del proprio tempo e acclamato autore dei nostri giorni, per mille e mille svolgimenti professionali, Maurizio Galimberti è stato spes- so convocato in occasioni chiassose, per definire alla propria maniera la socialità dei nostri giorni, per la quale -pur declinando uno stilema inconfondibile, oltre che richiesto- ha sempre anteposto l’interpretazione dei soggetti all’eventuale ripetizione di schematizzazioni standardizzate.

Infatti, oltre l’apparenza a tutti visibile dei suoi mosaici, ognuno è singolo nella propria realizzazione, ognuno è a misura di una scomposizione del volto, in relazione alla personalità del soggetto. Dunque, e a conseguenza, uno dei valori principali dell’attuale, prestigiosa monografia Maurizio Galimberti. Portraits sta proprio nel suo ordine, nella sua classificazione, nella sua messa in riga, nel suo casellario… se vogliamo intenderla anche così. Accostati gli uni agli altri, nell’incessante sequenza delle pagine, dove le tavole si susseguono con affascinante ritmo, tutti questi ritratti percorrono un doppio binario: da una parte, esprimono l’essenza visiva dei soggetti; dall’altra, palesano molto dell’autore.

Fotografia dell’anima. Maurizio Rebuzzini

Maurizio Galimberti (Como, 1956) è considerato tra i più significativi autori della fotografia d’arte italiana, in proiezione internazionale.

Per legittima autodefinizione Instant Artist, interpreta e applica la fotografia a sviluppo immediato con un piglio e una espressività che ne hanno definita una personalità assoluta e inviolabile.

Maurizio Galimberti (Lucio Dalla) | Lucio Dalla, 2007, 85x68,6cm
Maurizio Galimberti (Lucio Dalla) | Lucio Dalla, 2007, 85×68,6cm

Maurizio Galimberti. Ritratti

Spazio Kryptos, via Panfilo Castaldi 26, 20124 Milano

02 91705085 | 338 2733248 www.kryptosmateria.it | spazio@kryptosmateria.it

Dal 15 al 30 settembre 2016 | lunedì – venerdì, 15.00 – 19.30 Vernissage mercoledì 14 settembre, dalle 18.30

www.mauriziogalimberti.it

0 0,00
Go to Top