Tag archive

tecnologia - page 3

Il momento dell’impatto: Nikon spinge oltre il limite la fotografia in frazioni di secondo

Image of MMA artist Tom ‘Fire Kid’ Duquesnoy crushing two eggs with his fists, showing the split-second moments of impact. Image taken by professional sports photographer Tom Miles using the Nikon D500, which shoots at 10 frames per second.

Il campione MMA Tom “Fire Kid” Duquesnoy e il fotografo Tom Miles uniscono le forze per presentare tutta la velocità e la potenza della Nikon D500.
Nikon ha collaborato con il campione BAMMA di arti marziali miste Tom “Fire Kid” Duquesnoy e il fotografo sportivo Tom Miles per catturare il momento dell’impatto e rivelare scene che sarebbero impossibili da cogliere a occhio nudo. Le velocissima stella della MMA (Arti Marziali Miste) è stata fotografata mentre colpisce angurie, torte e zucche per mostrare sia la rapida velocità di elaborazione che l’elevata sensibilità ISO della Nikon D500.


schermata-2016-11-21-alle-17-13-55


Per questa campagna, Nikon ha deciso di fotografare un campione di arti marziali miste perché, come la D500, l’atleta è sinonimo di velocità, forza, resilienza e precisione.
“Abbiamo utilizzato la Nikon D500 per catturare con precisione che cosa accade quando un esperto di arti marziali colpisce un oggetto con la massima forza,” spiega il fotografo Tom Miles. “Un fotografo sportivo è sempre pronto a scattare foto in una frazione di secondo, che si tratti di riprendere chi taglia il traguardo o il colpo vincente sul ring. Noi abbiamo portato all’estremo questa sfida che i fotografi affrontano ogni giorno e abbiamo esplorato il momento dell’impatto, quando un forza potente colpisce un oggetto in velocità.”
La serie di immagini segue Tom Duquesnoy mentre colpisce con pugni e calci, spacca e distrugge una serie di alimenti in condizioni di scarsa illuminazione. Le immagini sono state scattate in 1/8000° di secondo, mostrando la velocità e la competenza tecnica necessarie per distruggere questi avversari non convenzionali.


schermata-2016-11-21-alle-17-14-02


Tom Duquesnoy, campione del mondo MMA, spiega, “In Francia diciamo “non si gioca con il cibo” ma ho fatto un’eccezione per questi scatti. Per chi guarda le arti marziali miste può essere difficile rendersi conto di come gli atleti possano colpire con potenza e velocità, ma questi scatti aiutano a inserire in un contesto la mia potenza, agilità e precisione.”
La Nikon D500 assicura riprese in sequenza ad alta velocità a circa 10 fps per un massimo di 200 scatti in formato JPEG e 200 scatti in formato RAW senza compressione a 14 bit, senza alcun calo nella velocità di scatto, consentendo ai fotografi di catturare soggetti in rapido movimento. Per il fotografo sportivo che riprende una motocicletta da cross che sfreccia nell’aria o per il fotografo naturalista che riprende un ghepardo in corsa, la Nikon D500 fornisce tutta la tecnologia necessaria per catturare questi momenti precisi in alta definizione. Il processore di elaborazione delle immagini EXPEED 5 della D500 raggiunge una sensibilità ISO 51200, espandibile a Hi 5 (equivalente a ISO 1640000), per catturare le immagini in condizioni di scarsa illuminazione.


Image of MMA artist Tom ‘Fire Kid’ Duquesnoy crushing two eggs with his fists, showing the split-second moments of impact. Image taken by professional sports photographer Tom Miles using the Nikon D500, which shoots at 10 frames per second.


Guarda il video qui.


Il kit
Durante le riprese, Tom Miles ha utilizzato la seguente attrezzatura:

  • Fotocamera Nikon D500
  • AF-S NIKKOR 24mm f/1.4G
  • AF-S NIKKOR 35mm f/1.8G
  • AF-S NIKKOR 50mm f/1.4G
  • AF-S NIKKOR 85mm f/1.4G
  • AF-S MICRO-NIKKOR 105MM F/2.8D
  • AF-S NIKKOR 24-70mm f/2.8G ED
  • 6 lampeggiatori Nikon SB-5000

    nikon-d500_16_80e_front34l


Chi è Tom Miles
Tom Miles è un fotografo sportivo editoriale/commerciale e ritrattista fotografico che lavora a Londra. Le sue foto sono pubblicate su diverse riviste nazionali e da clienti commerciali. Con oltre 15 anni di esperienza nel settore, ha in passato lavorato con importanti atleti quali Paula Radcliffe, Rory Mcllroy e Mo Farah. Tom ha inoltre insegnato in oltre 30 università nel Regno Unito, tenendo corsi presso la Nikon School nel Regno Unito e l’Association of Photographers.


Chi è Tom Duquesnoy
Tom Duquesnoy, soprannominato Fire Kid, è un atleta francese di arti marziali miste francese nato il 21 giugno 1993 a Lens, in Francia. Duquesnoy è il numero uno dei pesi piuma europei dal 2013. Ha conquistato i titoli europei Belgium Beatdown, Killacam e al momento detiene i titoli mondiali BAMMA pesi piuma e Bantamweight. Ha vinto i suoi primi due combattimenti in Killacam in soli 35 secondi e si è quindi iscritto alla British Association of Mixed Martial Arts (BAMMA), la più grande organizzazione di arti marziali miste d’Europa.


[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’nikon D 500′ unit=’list’]

Nikon Coolpix A900

Compatta digitale che sia adatta a ogni tipo di situazione dalle attività all’aperto al viaggio, dagli eventi sportivi al tempo libero.nikon_coolpix_compact_camera_a900_silver_hero-original


Con un corpo macchina compatto e ottiche qualità NIKKOR di alta potenza, la Coolpix A900 è dotata di uno zoom ottico 35x a elevata potenza, estendibile a Dynamic Fine Zoom 70x e può registrare filmati 4K UHD di alta qualità (3840×2160/30p) con audio stereo e video Time-Lapse.
Il monitor è inclinabile e la ghiera dispone di modi di esposizione manuale P/S/A/M.
Lo zoom ottico comprende angoli di campo da un grandangolo da 24 mm a super teleobiettivo da 840 mm (equivalente nel formato 35 mm), garantendo la facile copertura di ogni angolo dell’azione per realizzare fotografie macro per soggetti posti a una distanza di circa 1 cm dall’obiettivo.
Con un peso di circa 298 g (batteria e card di memoria incluse) è trasportabile ovunque e può sopportare temperature da 0 da 40 °C.
Il sistema tecnologico SnapBridge permette di mantenere la fotocamera sempre connessa con altri dispositivi come smartphone, tablet o computer portatile, per una condivisione semplice e immediata dei file.
Il sensore di immagine CMOS retroilluminato da 20,3 megapixel garantisce riprese chiare e nitide anche in condizioni di scarsa luminosità naturale.
Il sistema VR di Riduzione Vibrazioni fornisce un effetto equivalente a un incremento di 4,0 stop del tempo di posa, per immagini precise e libere dallo scomodo effetto mosso.



Il sitema VR (Vibration Reduction) è una tecnologia che consente di eliminare, o comunque di contenere, uno dei più grandi problemi di ripresa: l’effetto mosso.
L’effetto di riduzione vibrazioni a decentramento ottico è equivalente a un incremento di 4 stop del
tempo di posa. Il risultato sono delle immagini molto nitide e video stabili.
Grazie a questo sistema, le possibilità di ripresa si ampliano notevolmente e la questione relativa ai tempi di sicurezza minimi per evitare il mosso può essere finalmente dimenticata.


[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’nikon coolpix A900′ unit=’list’]

Lo speciale RAW con Photoshop in edicola dal 30/11

Dal 30/11 saremo in edicola con lo speciale RAW con Photoshop.
In allegato al giornale, composto da 132 pagine, ci sarà un DVD con 112 immagini da elaborare utilizzate all’interno dei tutorial.

Il prezzo? Solo 9,90 euro!

Lo speciale RAW è acquistabile anche su www.sprea.it/raw.


cop_001_cover_raw_simulata

5 segreti per fotografare la SuperLuna

superluna_sony_2016

Oggi si potrà ammirare lo spettacolo della Superluna, la più grande dell’ultimo secolo. In queste dimensioni non si potrà più vedere fino al 2034.
La superluna piena è un evento astronomico molto raro: nel 2016 si verificherà tre volte, ma generalmente avviene a distanza di uno o due anni, quando la luna raggiunge il punto di massimo avvicinamento alla Terra lungo la propria orbita mensile.

Si parla di Superluna quando la luna piena si trova al perigeo, ovvero nel punto più vicino alla terra sulla sua orbita ellittica: in questi casi, la luna appare molto più grande e luminosa rispetto a quella a cui siamo abituati ogni mese. Questo fenomeno cattura l’interesse dei fotografi professionisti e non di tutto il mondo, alla ricerca di immagini mozzafiato di quello che ai nostri occhi appare come uno dei fenomeni celesti più emozionanti.

Il noto astrofotografo Ivan Pedretti,  ambassador di Sony, spiega: “Per ottenere fotografie memorabili, è necessario tenere a mente 5 elementi importanti: pianificazione, equipaggiamento, scelta dell’esposizione, messa a fuoco e scatto. Inoltre è bene conoscere un “trucco” per poter mettere a fuoco anche quando la luna è alta nel cielo e il paesaggio è avvolto nel buio.”

La foto sopra è stata realizzata con fotocamera Sony Alpha 7R II e teleobiettivo Sony G Master FE 70-200 mm f/2,8 

 

[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’Sony Alpha 7′ unit=’list’]

 

1. Pianificazione dello scatto
Per poter pianificare lo scatto della luna in una determinata posizione e quindi composizione – come può essere una montagna o un edificio in città – occorre conoscere il percorso lunare in quello specifico giorno e ora; a questo scopo esistono varie applicazioni sia per pc che per smartphone: una di queste è il sito www.mooncalc.org oppure il sito app.photoephemeris.com, mentre per smartphone Android esistono, per esempio, le app The Photographer’s Ephemeris e Sun Surveyor. In questo modo si può conoscere in uno specifico momento – e posizione in cui ci troveremo – dove verrà a trovarsi la luna, così da poter creare la composizione migliore al momento dello scatto.

2. Equipaggiamento
Per prima cosa occorre il treppiede, sia per non avere vibrazioni, sia perché la fotocamera e il teleobiettivo hanno un certo peso (inoltre, quando si è a focali elevate, le immagini sono più suscettibili ai movimenti della fotocamera). Come lente occorrerà usare almeno un tele 70-200, ancora meglio un 400mm: in questo caso il Sony 70-200 f/2.8 G Master con moltiplicatore di focale 2x. Inoltre, per minimizzare le vibrazioni, oltre ad usare il treppiede è utile usare un telecomando remoto oppure semplicemente l’autoscatto a 2 secondi.

[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’Sony 70-200 f/2.8 G Master’ unit=’list’]

 

3. Scelta dell’esposizione
Personalmente preferisco fare scatti alla luna in modalità manuale, scegliendo tempi rapidi con ISO non troppo alti (nel caso di luna piena consiglio di non salire oltre i 400 ISO) e una apertura a f8, in modo da avere la nitidezza migliore. Ovviamente la luna piena è molto luminosa, perciò occorreranno tempi di esposizione rapidi. Una volta fatto un primo scatto, si può modificare l’esposizione qualora la luna sia poco o troppo luminosa, variando la ghiera di compensazione dell’esposizione. Può anche essere utile la misurazione esposimetrica spot o centro per una migliore lettura dell’esposizione, se utilizziamo una modalità diversa da quella manuale, come può essere quella a priorità di apertura. Consiglio inoltre di scattare in modalità bracketing con variazioni di +/-1EV, in modo da avere vari scatti a varie esposizioni tutte di fila. Un consiglio aggiuntivo è quello di scattare in modalità RAW non compresso con profilo neutro e bilanciamento del bianco automatico.

4. Fuoco
Un’altra caratteristica importante è il fuoco: si può usare l’autofocus automatico – in questo caso meglio utilizzare la modalità spot – o anche quello manuale. Nel caso della a7RII, meglio ancora usare la modalità di ingrandimento del fuoco manuale 10x con l’opzione di focus peaking, per capire meglio le zone maggiormente a fuoco. Una volta eseguito lo scatto è consigliabile rivedere la foto ingrandendo al massimo, in modo da capire se è effettivamente a fuoco.

5. Scatto della foto
Una volta trovata la posizione da cui scattare (punto 1) e posizionato il treppiede con montato un teleobiettivo adeguato, occorrerà spostarsi dal punto scelto o abbassarsi, in modo da avere la luna nel punto desiderato per la composizione scelta. Bisogna inoltre ricordare che il tempo a disposizione non è molto – dato che la luna si sposterà velocemente nel giro di due ore da quando sorge a quando sarà alta nel cielo – per cui l’ideale è scattare poco dopo che sorge, in quanto ci permetterà di averla in una posizione bassa e quindi mentre spunta dietro eventuali edifici o soggetti naturali che abbiamo scelto per lo scatto.

6. Doppia esposizione
Nel caso della luna piena, si possono verificare varie condizioni di luminosità: mentre sorge o tramonta, se è ancora presente o si affaccia la luce del giorno, avremo il primo piano ben illuminato, per cui sarà sufficiente una singola esposizione sulla luna (che oltretutto non sarà alla sua massima luminosità). Quando è già alta e luminosa e il soggetto in primo piano in condizione di scarsa luminosità, come avviene nelle ore notturne, non c’è invece luce sufficiente per avere una esposizione accettabile per il soggetto, sia esso un paesaggio o un edificio, poiché l’esposizione principale deve essere sulla luna. E, se operassimo una esposizione sul primo piano poco luminoso, la luna sarebbe completamente sovraesposta e, quindi, senza i dettagli e le tonalità chiare e scure visibili a occhio nudo. La soluzione a questo problema è la doppia esposizione, che consiste nel fare prima uno scatto con esposizione sulla luna che, essendo molto luminosa, ci porterà ad avere tempi di esposizione rapidi (supponiamo 1/200 sec), così che il nostro soggetto in primo piano, ad esempio un edificio, verrà sottoesposto. Immediatamente dopo, supponendo che per una corretta esposizione del soggetto occorrano tempi lenti (supponiamo 1/4 sec), faremo uno scatto operando l’esposizione corretta su di esso. L’importante è che i due scatti avvengano in un tempo ridottissimo, poiché la luna si sposta molto velocemente. Una volta ottenuti i due scatti, dovremo lavorare in post produzione per “fondere” le due foto, cercando di allineare perfettamente i due soggetti, ovvero luna e soggetto in primo piano. In questo modo si otterrà un’immagine unica, così come l’abbiamo vista a occhio nudo.

superluna_deserto

supeluna_milano

 

Nikon presenta la nuova reflex digitale D5600

Nikon D5600: spirito creativonikon-d5600_afp_18_55_vr_frt

La nuova reflex digitale di Nikon esalta il tuo estro e permette di condividere istantaneamente i risultati ottenuti grazie a SnapBridge.
Nital S.p.A. è lieta di annunciare la nuova Nikon D5600, reflex digitale in formato DX che estende la gamma di fotocamere dotate di SnapBridge, dedicata a chi desidera esplorare le infinite opportunità creative che la fotografia offre: dai giochi d’ombra sotto il sole ai filmati ripresi da prospettive insolite, nessuna scena sarà preclusa a chi utilizza questa nuova Nikon.

La qualità dell’immagine è tutto e l’ampio sensore d’immagine in formato DX da 24,2 megapixel della D5600 consente di catturare anche i dettagli più fini e di ottenere foto e filmati incredibilmente nitidi. La sensibilità ISO da 100 a 25.600, garantisce una facile gestione di tutte le scene, anche quelle caratterizzate da condizioni d’illuminazione scarsa o problematica. Grazie a Nikon SnapBridge, poi, gli utenti possono sincronizzare automaticamente la fotocamera con il proprio smart device e condividere istantaneamente gli scatti realizzati. SnapBridge, inoltre, consente di utilizzare lo smart device connesso per scattare in remoto grazie al modulo Wi-Fi® integrato nella fotocamera.


nikon-d5600_afp_18_55_vr_lcd_4


Durante le riprese con il mirino, la perfezionata funzione Fn touch rappresenta un’alternativa intuitiva all’utilizzo della ghiera di comando o del multi-selettore: con essa, infatti, i fotografi possono azionare il controllo Sensibilità automatica, nonché selezionare il punto AF o regolare altre importanti impostazioni dall’ampio schermo touchscreen. La barra di avanzamento dei fotogrammi, ereditata dalle fotocamere professionali Nikon D5 e D500, consente di scorrere rapidamente le immagini realizzate mentre, per chi riprende filmati, la nuova funzione Ripresa time-lapse (ereditata dalle Reflex digitali Nikon di fascia alta) trasforma con facilità le scene in lento movimento in sequenze ad alta velocità di forte impatto.


Nikon ha dichiarato: “La nuova D5600 è perfetta per chi scatta foto con gli smartphone e desidera sviluppare il proprio talento fotografico e quindi condividere la propria creatività con gli altri. Il reattivo monitor touchscreen ad angolazione variabile e il mirino ottico offrono tutta la libertà necessaria per catturare la visione del mondo di ogni fotografo. La tecnologia d’immagine Nikon induce a condividere ogni foto e SnapBridge facilita questa operazione.”


nikon-d5600_afp_70_300_vr_frt34l


Riepilogo delle funzioni principali


Qualità immagine delle Reflex digitali Nikon: l’ampio sensore in formato DX da 24,2 megapixel, l’ampia gamma ISO da 100-25.600 e il processore di elaborazione delle immagini EXPEED 4 si combinano per garantire immagini sorprendenti e dettagli incredibili, anche in condizioni di scarsa illuminazione.


SnapBridge: utilizza la tecnologia Bluetooth® low energy per mantenere una connessione costante e a risparmio energetico tra la D5600 ed uno smartphone o un tablet. Sincronizzate e condividete immagini di qualità reflex ovunque vi troviate con la connessione Bluetooth. Trasferite con facilità i filmati o utilizzate uno smart device per scattare in remoto grazie al modulo Wi-Fi integrato nella fotocamera.


Touchscreen ad angolazione variabile: grande display LCD da 3,2” (8,1cm) con ampio angolo di visione e alta risoluzione a 1.037 k punti.


Mirino ottico: circa 95% di copertura dell’inquadratura con ingrandimento di circa 0,82x
Precisione AF: non perdetevi nulla con il sistema autofocus a 39 punti di eccezionale precisione dotato di nove sensori a croce al centro e velocità di ripresa in sequenza fino a 5 fps.


Filmati da condividere: filmati Full HD fluidi ed estremamente dettagliati a frequenze fotogrammi fino a 50p/60p.


Pronta a viaggiare: il corpo macchina pesa appena 415g (circa) ed è caratterizzato da una comoda impugnatura, per una presa stabile e confortevole.


Sistema espandibile: compatibile con un’ampia gamma di obiettivi NIKKOR e lampeggiatori Nikon, nonché con il microfono stereo Nikon ME-1 e il microfono wireless Nikon ME-W1.


Kit: la D5600 è disponibile in diversi kit, tra cui quello nuovo e versatile caratterizzato dal doppio obiettivo zoom VR, ideale per svariati tipi di utilizzi: da bellissime foto di viaggi a riprese di azioni a distanza. Include la fotocamera D5600, l’obiettivo zoom grandangolare AF-P DX NIKKOR 18-55mm VR e il teleobiettivo zoom AF-P DX NIKKOR 70-300mm VR. Gli obiettivi NIKKOR AF-P rappresentano la scelta perfetta anche per le riprese di filmati, poiché garantiscono una messa a fuoco rapida e discreta, per sequenze video contraddistinte dalla quasi totale assenza del disturbo meccanico.

Canon Irista: il posto giusto per conservare le tue foto

Irista: il posto giusto dove conservare le tue foto

Canon presenta Irista, una piattaforma cloud per la gestione delle immagini, che consente agli utenti di accedere, condividere e gestire le proprie librerie di immagini come mai prima

irista.jpg

Oggigiorno gli utenti scattano migliaia di fotografie digitali che sono immagazzinate pressoché casualmente su svariati dispositivi; Irista nasce proprio per facilitare la gestione di intere librerie di immagini in un unico spazio virtuale sul cloud. Precedentemente noto nel suo stadio beta come Project1709, Irista consente di gestire e ritrovare facilmente qualsiasi immagine, indipendentemente dal dispositivo con cui è stata catturata, fotocamera o smartphone.


Irista è stata creata attorno a quattro esigenze dei fotografi:

  • Semplice da usare: Rendere più semplice e veloce trovare qualsiasi immagine in una raccolta di foto
  • Connesso: Condividere foto direttamente con i più popolari social network e tenere traccia di like e commenti
  • Ispirato: Un unico luogo dove è possibile gestire le proprie immagini, migliorando le proprie abilità fotografiche attraverso suggerimenti e consigli, e all’autoapprendimento grazie all’analisi dei dati Exif di ciascuna foto
  • Sotto controllo: Tutte le immagini sono memorizzate in modo sicuro in un’area a cui si può accedere sempre e ovunque

Realizzata grazie al know-how e alla competenza di Canon nel mondo dell’imaging, Irista è stata progettata per chiunque voglia gestire i propri scatti. L’esperienza di utilizzo senza pari, unita al design, consente agli utenti di controllare e gestire le proprie collezioni di immagini senza il minimo sforzo.

Il servizio supporta una vasta gamma di tipi di file senza limiti di dimensioni mantenendo la risoluzione originale, e consente anche d’impostare il caricamento delle foto in modo automatico su album precedentemente creati. Il design pulito è dotato di una streamline personalizzabile, mentre l’elegante interfaccia utente è supportata da un potente motore di ricerca che permette di individuare semplicemente un’immagine grazie ad una vasta gamma di criteri come date, geolocalizzazione, tag personalizzati, tipo di obiettivo e molto altro ancora. L’integrazione con i social network Facebook® e Flickr permette inoltre di pubblicare le immagini su entrambe le piattaforme, così come monitorare i commenti, direttamente dall’interfaccia Irista.

“Gli utenti stanno scattando sempre più foto attraverso molteplici dispositivi, ma può essere difficile fruire delle immagini quando sono immagazzinate in luoghi diversi”, dichiara Marco di Lernia, Consumer Imaging Marketing Director di Canon Italia. “Con Irista abbiamo creato una piattaforma che risolve questo problema. Attualmente è l’unico servizio di questo tipo ed è interamente costruito intorno alle esigenze “fotografiche” degli utenti, avendo implementato i molti feedback ricevuti durante la fase beta del progetto. Irista è una preziosa risorsa per coloro che amano le loro immagini, e potrà solo migliorare man mano che aggiungeremo nuove caratteristiche.”

Il nuovo servizio è a disposizione di tutti, con opzioni di storage a più livelli per soddisfare una serie di esigenze diverse. Il livello di ingresso offre 10GB di spazio cloud completamente gratuito e dona ai fotografi occasionali o principianti il pieno utilizzo e la funzionalità della piattaforma Irista, regalando loro un luogo ideale per gestire le librerie o specifici progetti fotografici. Gli appassionati evoluti che richiedono maggiori capacità, possono scegliere tra due opzioni di archiviazione, con spazi di memoria di 50GB e 100GB disponibili a un costo mensile o annuale.

I livelli di abbonamento a Irista sono i seguenti:

  • Fino a 10GB: nessun costo
  • Fino a 50 GB: € 4,99 al mese o € 49,00 all’anno
  • Fino a 100 GB: € 10,99 al mese o € 109,00 all’anno

Il servizio Irista completo è attivo; è possibile iscriversi visitando il sito: www.irista.com

XPRO Monopod+, la nuova collezione di monopiedi per foto e video professionali firmata Manfrotto

Nasce la nuova FLUIDTECH – Full Fluid Base: l’innovativa base a sfera in grado di garantire una fluidità 3D nelle riprese video.

  • Stabilità, compattezza e leggerezza grazie alle fibre di carbonio e alluminio
  • Set up facile e ultra rapido con il Quick Power Lock system
  • Flessibilità nel passare dalla modalità foto a quella video grazie alla base FLUIDTECH, disponibile in kit o come accessorio aggiuntivo

unnamedManfrotto, azienda leader nella progettazione, produzione e distribuzione di una vasta gamma di accessori per i mercati della fotografia, del video e dell’intrattenimento, presenta la nuova collezione XPRO Monopod+: una gamma completa di monopiedi e relativi accessori, flessibili e intercambiabili, in grado di offrire a fotografi e videomaker professionisti un supporto affidabile in qualsiasi situazione.

Per chi si trova a dover viaggiare con bagagli ridotti al minimo, a scattare in luoghi affollati dove non c’è spazio per un treppiedi o a fare riprese di concerti ed eventi evitando l’intralcio del pubblico, per chi deve lavorare in velocità e con tempi di set-up ridottissimi, il monopiede è la soluzione ideale. Dalle foto in movimento ai video shooting, i monopiedi consentono ai professionisti del settore di spostarsi rapidamente e con grande facilità da un punto all’altro, fornendo un supporto stabile e assicurando filmati incredibilmente fluidi, scatti ultra nitidi e prospettive di ripresa creative.

FLUIDTECH: LA BASE ALL’AVANGUARDIA PER UNA FLUIDITÀ 3D

unnamed2Questa nuova generazione di monopiedi è caratterizzata da un’estrema leggerezza e compattezza, oltre che dall’innovativo sistema FLUIDTECH della base, che permette una notevole fluidità su tutti e tre gli assi e consente di convertire facilmente il proprio monopiede da foto a video.

La base FLUIDTECH, infatti, è disponibile sia nel kit di tutti gli XPRO Video Monopod+, ma anche come accessorio per convertire la nuova linea XPRO Foto Monopod+ in monopiedi video.

COLLEZIONE VIDEO

La gamma XPRO Video Monopod+ comprende sei nuovi modelli ad alte prestazioni, i primi sul mercato a sfruttare la fluidità 3D – su pan, tilt e swivel – per video shooting estremamente fluidi e avanzati, grazie all’innovativa base FLUIDTECH.

I nuovi XPRO Video Monopods+ sono inoltre disponibili con diverse tipologie di attaccoadattatore videoper un aiuto aggiuntivo nel bilanciamento della fotocamera, testa a due vie utilizzabile sia per i video che per il birdwatching, testa video fluida 500 per video shooting dai risultati eccezionali.

COLLEZIONE FOTO

La collezione XPRO Foto Monopod+ è appositamente progettata per massimizzare le performance in alcuni particolari settori della fotografia, come quella sportiva e naturalistica, il bird watching e la travel photography.

Disponibile in sei versioni, tra cui una a elevato carico in grado di sostenere l’attrezzatura più pesante e i teleobiettivi (fino a 10 kg), la gamma Foto offre una filettatura flessibile 1/4” – 3/8”, consentendo quindi di connettere la fotocamera direttamente al monopiede o tramite una testa. Grazie poi alla base FLUIDTECH, acquistabile separatamente, questi monopiedi possono anche essere utilizzati per riprese video perfette.

COMPATTEZZA, RAPIDITÀ E STABILITÀ

unnamed3All’interno di entrambe le collezioni Video e Foto, sono presenti soluzioni estremamente agili, ideali per viaggiare leggeri. In particolare i modelli a 5 sezioni, disponibili sia in carbonio che in alluminio, sono ultracompatti e facilmente riponibili in uno zaino.

Tutti gli XPRO Monopod+ hanno inoltre gambe dotate dell’esclusivo Quick Power Lock system, in grado di garantire un set up veloce e sicuro. I ganci Quick Power Lock possono essere aperti anche con una sola mano, attraverso un singolo e semplice movimento, garantendo poi un bloccaggio totale e sicuro una volta richiusi.

La nuova impugnatura in gomma aumenta notevolmente il confort e la facilità di presa, mentre i tubi in alluminio D-shaped garantiscono una migliorata resistenza anti-rotazione dei monopiedi, assicurando rigidità e stabilità.

Grazie all’ampia gamma di XPRO Monopod+, fotografi e video maker potranno contare su prodotti affidabili anche nelle situazioni più impegnative: dai matrimoni ai video aziendali, dalle interviste e documentari, ai concerti ed eventi sportivi.

Per ulteriori informazioni visitare il sito www.manfrotto.it

Il ritorno di Kodak con un nuovo smartphone

Il marchio Kodak ritorna sul mercato, presentando un nuovo smartphone (Kodak Ektra) che nell’estetica ricorda le vecchie macchine della storica azienda statutinense.

Continua dunque il connubio tra telefonia e fotografia, vero e proprio cavallo di battaglia per molti prodotti (vedi la campagna del nuovo iPhone 7 Plus).


kodak_ektra_hr-720x400-k7bh-u10901270277272e9c-1024x576lastampa-it


Dotato di una buonissima funzione fotografica, è costituito da un sensore Sony da 21 megapixel con apertura f/2.0, che garantisce di catturare immagini di altissima qualità.

Kodak Ektra arriverà in Europa a fine 2016 con un prezzo suggerito al pubblico di 499 €.

Nikon Coolpix W100: la compatta super resistente e sempre connessa per tutta la famiglia

Divertente e colorata, la Nikon Coolpix W100 è la fotocamera perfetta non solo per i bambini curiosi e tecnologici ma anche per tutta la famiglia!
Ultra-robusta e semplice da utilizzare, è impermeabile e resistente agli urti da un’altezza massima di 1,8 m e al freddo fino a -10°C.

Riprende filmati in Full HD e, grazie all’obiettivo centrale, può essere impugnata facilmente anche dai più piccoli. Con SnapBridge, poi, è possibile condividere immediatamente i propri scatti su smartphone e tablet!


nikon-coolpix-w100_bl_hero_shot


La Nikon Coolpix W100 da 13,2 MP ha SnapBridge integrato, per condividere immediatamente i propri scatti. È ultra-robusta e semplice da utilizzare. È subacquea fino a 10m e la funzione Reticolo volto subacqueo realizza primi piani sott’acqua senza nemmeno doversi immergere. È resistente agli urti da un’altezza massima di 1,8m, al freddo fino a -10°C e antipolvere. Riprende filmati in Full HD ed è possibile scegliere tra un menu per adulti ed uno per bambini.


Caratteristiche principali:
– Antipolvere, impermeabile fino a 10m, resistente al freddo fino a -10°C e agli urti da un’altezza max di 1,8m
– Nuovo sistema di connessione senza fili SnapBridge di Nikon, per una sincronizzazione e condivisione immediata sempre attiva
– Sensore CMOS da 13,2 MP
– Menu per adulti e bambini e impugnatura facilitata per i più piccoli
– Obiettivo zoom ottico NIKKOR 3x estendibile a Dynamic Fine Zoom 6x
– Filmati Full HD 1080p con audio stereo e sistema di stabilizzazione VR elettronica
– Reticolo volto subacqueo: rileva i visi e rilascia l’otturatore per scattare ritratti subacquei restando asciutti
– Disponibile nei colori blue, yellow, white e pink


Prezzo suggerito al pubblico: 169,00 Euro

[amz-related-products search_index=’All’ keywords=’Nikon Coolpix W100′ unit=’list’]

Pixartprinting lancia ‘Your Vital Signs’ Il progetto che promuove i valori del business associati a quelli di sport estremi

image001


C’è più di un fil rouge che lega il linguaggio dei segni a quello dello sport: uno è l’universalità delle due discipline, l’altro è Pixartprinting. Per rafforzare il proprio percorso di brand building, il leader europeo dell’Upload&Print ha dato vita a Your Vital Signs. Il progetto trasmette attraverso l’esperienza di 8 atleti i valori intrinseci del business aziendale associandoli a quelli di sport estremi come trail running, downhill, kitesurf freestyle, speed skiing, freeski e wingsuit skydiving. Il parallelismo tra il W2P veneziano e le storie dei campioni sportivi tocca una serie di leve emotive come la curiosità, il coraggio e la tenacia, rivelando un’affinità di strumenti e comportamenti come la determinazione, la precisione, la velocità e il controllo.


collage-atleti-1“Gli atleti scelti per Your Vital Signs rappresentano un’eccellenza nella propria disciplina, un punto di riferimento, proprio come Pixartprinting lo è nella stampa online in Europa.  commenta Andrea Pizzola, Sales & Marketing Director Pixartprinting  Il messaggio principale di questo progetto è il superamento del limite attraverso un costante esercizio di autodisciplina come via per la crescita e il miglioramento continui, approccio che contraddistingue la nostra strategia operativa”. 


Il progetto ha origine con la costituzione del team che vede schierati Veronika Widmann (downhill), Nuria Picas (trail running), Gianmaria Coccoluto e Francesca Bagnoli (kitesurf freestyle), Markus Eder (freeski), Marco Pistolesi (wingsuit skydiving) e i fratelli Simone e Ivan Origone (speed skiing). Gli atleti diventano testimonial del poliedrico brand Pixartprinting attraverso un inedito storytelling di cui sono protagonisti. Per raccontare la loro storia, un pull di fotografi guidati dal team Pixartprinting sarà letteralmente sulle loro tracce, immortalandone le attività pre e post gara. Durante la fatica degli allenamenti e delle competizioni, verranno raccolti materiale fotografico, video e contenuti originali finalizzati alla realizzazione di campagne web, stampa, social e di direct mailing. Inoltre, è stato ingaggiato il regista Simone Manetti che svilupperà le linee narrative, costruendo brevi clip dedicate a ciascun atleta. Il traguardo ambizioso di questa avventura sportiva prevede la realizzazione di un film documentario by Pixartprinting.


collage-atleti-2


“Il cuore della narrazione non è strettamente la spettacolarizzazione delle imprese sportive quanto l’aspetto esperienziale dell’uomo e della donna che si misurano con se stessi, indagando sul loro passato per cercare nello sguardo del bambino gli occhi del campione. – spiega Carlo Migotto, Art Director Pixartprinting – In linea con questo concept, per presentare ciascun atleta, abbiamo fotografato il viso in primo piano, usando luci che evidenziano le espressioni del volto. Il primo step di un progetto multichannel basato sull’assunto che il massimodell’empatia e dell’immedesimazione tra i fruitori e i protagonisti di Your Vital Signs si raggiunge scoprendo il lato più intimo delle persone”.


Il nome yourvitalsigns sottolinea i concetti di segno, dinamismo e suono, evocandoli in una doppia accezione. Da un lato quella tangibile, come il battito cardiaco, la frequenza respiratoria, la pressione sanguigna; dall’altro quella letterale dei segni vitali della traccia che uno sportivo lascia dietro di sé e che un creativo imprime stampando attraverso Pixartprinting.


image006


Anche la creazione dell’identità visiva di Your Vital Signs si ispira ai concetti di impronta, corpo e ambiente naturale, la cui sintesi è la parola segno. I segni impressi, nella loro forma materiale (impronte sul suolo) e immateriale (emozioni e sentimenti), sono stati il punto di partenza per lo sviluppo del logo e del suo significato. La sintesi dei cinque segni descritti dal movimento associato a ognuno degli sport protagonisti del progetto crea un sistema grafico che dà forma alla visul identity di Your Vital Signs.


collage-atleti-3


Così come l’atleta con coraggio, tenacia e determinazione trasforma una vocazione in talento, allo stesso modo Pixartprinting, con passione e dedizione, perfeziona le proprie best practise per mettere a punto prodotti sempre nuovi. – spiega Andrea Pizzola – Ciò che è visibile è il risultato finale, ma dietro ad esempio a un catalogo di qualità e a un customer service efficiente, ci sono training, allenamento e tanta fatica. Il traguardo di ogni sforzo è per noi la soddisfazione dei nostri clienti”.

Gali Tibbon racconta la sua esperienza con Canon EOS M5

Quali sono le sensazioni che si provano mentre si scatta una fotografia? Canon lo ha chiesto a Gali Tibbon, che in questo video, con la nuova EOS M5, racconta la sua esperienza con la fotografia documentaristica all’interno di un parco divertimenti.


0 0,00
Go to Top