17 Giugno 2021 di Redazione Redazione

Per la rubrica dedicata alle foto più famose, oggi vi proponiamo uno scatto di Nick Ut. Un’immagine che ha aperto gli occhi dell’opinione pubblica mondiale sul dramma della guerra in Vietnam.

Le foto più famose #26

Bambini terrorizzati scappano dalle bombe al napalm sganciate sul loro villaggio.

Nick Ut è un fotografo vietnamita di ventuno anni che scatta l’orrore della guerra. Realizza la fotografia-simbolo della guerra del Vietnam che condurrà alla ritirata definitiva dell’esercito americano.

Ut supera l’ostacolo del codice etico dell’AP, il divieto della diffusione di fotografie di nudo. La fotografia sarà pubblicata suscitando sdegno in tutto il mondo. Vincerà nel 1972 il World Press Photo e il Pulitzer nel 1973.

La bambina è Phan Thj Kim Phùc, nove anni. Sopravviverà e subirà diciassette interventi chirurgici. Diverrà il simbolo della guerra, sfruttato dai vietnamiti come esempio della brutalità americana e della vittoria dei Vietcong. Nel 1992, a vent’anni dall’accaduto, con il corpo e lo spirito ancora coperti di cicatrici, con un visto per motivi di studio, Kim lascia il Vietnam e chiede asilo in Canada. Non tornerà più in patria, fonderà la Kim Foundation che opera a sostegno dei bambini vittime di guerra.

Anche se è diventata una delle immagini più memorabili del XX secolo, il presidente Nixon mise in dubbio l’autenticità della mia fotografia  quando la vide sui giornali il 12 giugno 1972.

L’autore

foto più famose

Nick Ut (1951) pseudonimo di Huynh Cong Ut. Vietnamita, naturalizzato americano, vincitore del premio Pulitzer. Inizia a lavorare per l’Associated Press a sedici anni, dopo la morte del fratello, anch’egli fotografo AP e ucciso durante la guerra del Vietnam.

Ancora oggi è un fotografo AP ed è membro della Leica Hall of fame per il suo contributo al fotogiornalismo. Vive a Los Angeles.

Leggi anche Le foto più famose #25: Neil Armstrong

Lascia un commento