Avatar Vincenzo Bello

Collection of My Beautiful Photography

ATTREZZATURAPentax K-70 + Sigma Art 18-35 1.8 Fujifilm X100V

Vincenzo Bello - Hebron, La città fantasma

Hebron, La città fantasma

Hebron, la città  dei Patriarchi, è una città  fantasma. Ed è una città  divisa da quando, nel 1994, un colono di estrema destra, Baruch Goldstein, ha ucciso 29 palestinesi che pregavano nella Moschea dei Patriarchi. Da allora la città  è stata divisa in due aree: H1 controllata dall’Autorità  Nazionale Palestinese e H2 dove vivono i coloni sotto la protezione dei soldati israeliani. Shuhada Street, la principale strada di Hebron, una volta ricca di botteghe, negozi, commerci dall’aria carica di odori e colori, nei quali si immergevano le persone, oggi è completamente chiusa e impedita al transito dei palestinesi. L’antica e vivace città  dei patriarchi oggi appare spezzata, desolata, spettrale; una prigione chiusa tra checkpoints, divieti di accesso e perquisizioni. Le finestre delle abitazioni palestinesi e ciò che resta del mercato e delle vie del centro storico sono coperte da reti metalliche a protezione dagli attacchi continui dei coloni e dell’esercito israeliano. Prigioni nella prigione. La questione Palestinese ha radici lontane nel tempo, ma i suoi effetti sono concreti e attuali ed Hebron è il simbolo di un conflitto e di un popolo dimenticati.

(attrezzatura: Pentax K70 + sigma Art 18-35)

Luogo non specificato

14/10/2020

Dati exif non disponibili

Foto 1 di 6

Lascia un commento