16 Febbraio 2021 di Redazione Redazione

Fotografare d’inverno: inauguriamo una nuova rubrica in cui vi sveleremo tutti i segreti per immortalare la stagione più fredda dell’anno. In inverno, il sole basso crea una luce soffusa e incantevole, perfetta per la fotografia di paesaggio. E ghiaccio e neve accendono di magia le nostre fotografie. Siete pronti? Si parte… dall’attrezzatura.

Fotografare d’inverno: l’attrezzatura

Mettiamo insieme un kit essenziale per semplificare la fotografia invernale. Senza dimenticare una bevanda calda e degli scaldamani, preziosissimi per combattere il freddo. Grazie a loro potremo restare più a lungo sul campo e assicurarci di non mancare l’istante prezioso in cui l’ultimo raggio di sole illumina lo scorcio perfetto.

1 – Treppiede

Un robusto supporto aiuta a eliminare il mosso allo scatto e a realizzare lunghe esposizioni. Se dobbiamo acquistarlo, cerchiamo un modello con rivestimento in gomma o gommapiuma intorno alla parte superiore delle gambe. Così, non ci congeleremo le mani quando dobbiamo trasportarlo, aprirlo, chiuderlo, spostarlo e così via…

2 – Ottiche grandangolari

Un obiettivo con focale inferiore ai 50 mm standard crea un angolo di campo molto ampio. Questo ci permette di includere nell’inquadratura porzioni più estese delle vedute che abbiamo di fronte.

3 – Teleobiettivi

Un’ottica con focale superiore ai 50 mm, come il tuttofare 70-200 mm, è invece ideale per isolare dettagli distanti oppure per comprimere la prospettiva di una scena. Inoltre, può sempre capitare un incontro casuale con un animale selvatico e il tele permette di riempire l’inquadratura anche con soggetti di questo tipo.

4 – Corpo macchina

Fotografare d’inverno

È possibile realizzare ottimi paesaggi con quasi qualsiasi reflex o mirrorless. APS-C o full-frame, tutte hanno sensori in grado di garantire una qualità di immagine fantastica! Un numero più alto di megapixel è utile per realizzare stampe più grandi. Inoltre, permette di avere maggiore libertà di manovra nella post-produzione, in particolare nel ritaglio delle immagini.

5 – Zaino

Per portare tutto, serve anche una borsa fotografica comoda. Lo zaino Manfrotto Pro Light RedBee-310, per esempio, ha spazio in abbondanza e una marea di imbottitura spessa a proteggere tutto dagli urti. È efficace anche per isolare l’attrezzatura dall’aria fredda.

6 – Filtri

I filtri indicati per il paesaggio sono moltissimi, ma tra i più utili spiccano quelli a densità neutra (ND) che limitano la luce e facilitano le lunghe esposizioni. Esistono anche in versione graduata, per ridurre il contrasto tra cielo luminoso e primo piano in ombra. Il terzo tipo di filtro indispensabile è il polarizzatore, che accentua l’azzurro dei cieli e rimuove i riflessi, dando più profondità ai colori.

7 – Custodia per schede di memoria

È una buona idea usare una custodia protettiva (una scatolina o delle bustine) per tenere organizzate tutte le schede. In questo modo sapremo sempre quali sono piene e quali fresche di formattazione.

Lascia un commento