21 Maggio 2021 di Redazione Redazione

Fotografia macro: dopo aver parlato di attrezzatura, oggi vogliamo condividere con voi 4 trucchi. Per scatti davvero sensazionali.

Trucco 1 – Diffondere la luce solare

La luce solare diretta è spesso problematica. Come mostrato nell’immagine “LUCE DIRETTA”, può provocare un contrasto elevato, con alte luci eccessivamente brillanti e ombre troppo profonde. Un’illuminazione più morbida è quindi sempre da preferire. Infatti, fa emergere il soggetto e i colori in modo delicato.

fotografia macro

In fotografia macro non è necessario aspettare una nuvola che copra il cielo. Possiamo creare facilmente una zona d’ombra adatta alle nostre esigenze. Per l’occasione, un semplice diffusore 5-in-1 è ideale. Sbloccando la guaina e tenendo il pannello di diffusione interno tra il sole e il soggetto, diffondiamo la luce senza bloccarla completamente, ottenendo così un’illuminazione morbida, uniforme e piacevole.

Kit usato: obiettivo macro, diffusore o un ombrello bianco.

Fotografia macro: trucco 2 – Flash “off-camera”

Un flash può rivelarsi indispensabile quando realizziamo delle macro. Per massimizzare la profondità di campo, spesso è necessario utilizzare aperture di diaframma chiuse, di solito tra f/11 e f/22. Avremo bisogno quindi di luce extra che può essere, appunto, quella generata da un flash.

Ottenere buoni risultati, tuttavia, non è solo questione di lampo, ma anche della direzione da cui questo proviene. Per esempio, sfruttando un trigger remoto (o un cavo sync), possiamo collocare il flash dietro al soggetto, schermandolo con una foglia. In questo modo otterremo un elegante effetto di retroilluminazione. Facciamo però attenzione a non esagerare con la potenza del lampo. Bilanciamola con la luce ambientale per avere un’immagine più naturale e armoniosa.

Kit usato: flash, trigger, ottica macro, treppiede, stativo per il flash.

Trucco 3 – Gocce d’acqua

L’acqua è un grande extra per i nostri scatti macro. Le luci brillanti e le curve delicate che fa emergere possono elevare su un altro piano le foto dei fiori. Per ottenere l’aspetto tipico della pioggia o della rugiada, possiamo usare un semplice spruzzino nebulizzatore. Proviamo a diffondere l’acqua anche sulle piante sullo sfondo, così che le piccole gocce catturino e riflettano la luce, producendo splendidi cerchi con l’effetto bokeh.

Se l’acqua dovesse defluire troppo rapidamente, proviamo a mescolarla con un po’ di glicerina, senza esagerare. Questa sostanza rende il fluido più resistente e viscoso, lasciandolo comunque libero di gocciolare in modo naturale.

Kit usato: obiettivo macro, treppiede, flash, softbox, stativo per flash, spruzzino nebulizzatore, glicerina.

Fotografia macro: trucco 4 – Prospettive particolari

Gli obiettivi macro sono disponibili con svariate lunghezze focali. I più comuni sono quelli da 100mm. Ma se vogliamo sperimentare con prospettive particolari, consigliamo il Laowa 15mm F4 1:1 che abbiamo utilizzato per questa foto.

fotografia macro

È un macro grandangolare che richiede di avvicinarsi al soggetto fin quasi a toccare la lente. Questo approccio può non essere possibile con insetti reattivi come le farfalle. Ma non crea problemi con quelli più placidi come la nostra lumaca o le piante. L’obiettivo offre un campo visivo unico, mostrando sia il soggetto sia ciò che lo circonda.

Kit usato: obiettivo macro grandangolare.

Lascia un commento