30 Dicembre 2020 di Elisabetta Agrati Elisabetta Agrati

Imagine Lennon è la mostra con cui la Wall Of Sound Gallery vuole omaggiare John Lennon nell’ottantesimo anniversario della sua nascita e a quarant’anni dalla sua tragica scomparsa, l’8 dicembre 1980. L’esposizione, che può essere ammirata in modalità virtuale, riunisce alcune immagini iconiche che ripercorrono la vita e la carriera dell’artista, dai primi passi con i Beatles ad Amburgo nel 1960 fino a pochi giorni prima della sua scomparsa, scattate da alcuni dei fotografi che lo hanno seguito più da vicino.

Imagine Lennon: i fotografi

Tra i primi fotografi a immortalare i Beatles c’è la tedesca Astrid Kirchherr che ha fotografato Lennon e i Fab Four durante i loro vari soggiorni ad Amburgo all’inizio degli anni Sessanta, seguendone la strabiliante ascesa al successo. Le sue immagini, raccolte in libri quali When We Was Fab, Golden Dreams e Hamburg Days, sono esposte in gallerie e musei di tutto il mondo. Robert Whitaker, uno dei fotografi della Swingin’ London degli anni Sessanta, ha potuto cogliere i Beatles all’apice della loro parabola tra il 1964 e il 1966, realizzando molte loro famose foto ufficiali e alcune copertine. Jim Marshall ha immortalato l’ultimo concerto dei Beatles, a San Francisco nel 1966, testimoniando con le sue immagini la fine di un’era. E ancora Bob Gruen, che poco dopo l’arrivo di Lennon a New York nel 1971 ne divenne il fotografo personale, e Allan Tannenbaum, che ha realizzato le foto più intime e poetiche di John e Yoko Ono, scattate solo pochi giorni prima della tragica scomparsa di Lennon.

La mostra Imagine Lennon si chiude con due poster leggendari: quello di John Lennon tratto dal portfolio dei Beatles “psichedelici” scattato da Richard Avedon nel 1967 per la rivista Look e il poster serigrafato There’s A Place dell’illustratore Alan Aldridge, tratto dal volume Beatles Illustrated Lyrics.

La mostra Imagine Lennon è visitabile qui. Cliccando su ogni fotografia è possibile visualizzare tutte le informazioni relative a formati, edizioni e prezzi.

Lascia un commento