20 Maggio 2021 di Elisabetta Agrati Elisabetta Agrati

Al via il 21 maggio Roma Fotografia 2021. Intitolata FREEDOM, questa edizione è dedicata al tema della libertà. Libertà che attraversa tutta la programmazione pensata dalla direzione artistica di Maria Cristina Valeri, Alex Mezzenga e Gilberto Maltinti. E che si snoda nei tre punti focali del festival: le call fotografiche, gli eventi espositivi, il premio dedicato allo sguardo femminile.

Il risultato è una kermesse che vuole proporre un nuovo modo di concepire la fotografia e la cultura in generale. Coniugando ambiti, i grandi del passato con giovani talenti e professionisti emergenti. Non tralasciando momenti di approfondimento e di riflessione, con un’attenzione particolare allo studio delle tecniche, delle maestranze e della tradizione che costituiscono il nostro patrimonio culturale. Il tutto nell’ottica dell’apertura ai grandi cambiamenti e alle sfide del futuro che sono già attuali.

Roma Fotografia: la speranza di una rinascita

«Siamo felici ed emozionati per l’inizio del festival», sottolinea il presidente di Roma Fotografia, Maria Cristina Valeri. «Perché rappresenta un forte segnale di speranza avvalorato anche dal tema scelto, la libertà, che rimette al centro della vita di ognuno sogni e priorità che, a causa di un evento mondiale straordinario, sono rimasti sospesi per un lungo periodo».

Roma Fotografia

© Luciano Del Castillo

«È stato un lavoro incredibile e faticoso, portato avanti nonostante le difficoltà insieme a tutti i partner e gli artisti coinvolti. Siamo convinti, come anche sottolineato dal sostegno del presidente Zingaretti e l’assessore Fruci del Comune di Roma, che tutti insieme, operatori e istituzioni, possiamo dare respiro a una rinascita, a un nuovo modo di concepire le proposte culturali e artistiche, riportando Roma al centro dell’attenzione nazionale e internazionale, anche attraverso il potente linguaggio della fotografia».

Life in the time of Coronavirus

Roma Fotografia inaugura il 21 maggio a Palazzo Merulana con la proiezione delle videoinstallazioni realizzate grazie alla call internazionale Life in the time of Coronavirus. Per tutto il giorno, durante gli orari di apertura del museo, si alterneranno le immagini di tre progetti audiovisivi.

Shutdown, prodotto e realizzato dall’Istituto Luce – Cinecittà. Audiovideo della regista Serenella Scuri che narra lo sguardo e la realtà femminile durante la pandemia attraverso una selezione del materiale dell’archivio Storico dell’Istituto Luce – Cinecittà e una selezione delle immagini della call Life in the time of Coronavirus provenienti da tutto il mondo.

After 11/03, audiovideo realizzato dal regista under 35 Roberto Palattella per la Festa della Diplomazia di Roma in collaborazione con l’Unità di Crisi della Farnesina che narra i giorni in cui nel mondo si dichiara ufficialmente la pandemia.

Roma Fotografia, videoinstallazione realizzata attraverso la selezione del Comitato Scientifico della call Life in the time of Coronavirus tra le oltre 10.000 immagini ricevute da tutto il mondo.

Tre racconti unici ed emozionanti che dialogano fino al 30 giugno con le splendide opere d’arte della Collezione Cerasi.

La nuova call di Roma Fotografia

FREEDOM – Life after in the time of Coronavirus è la nuova call promossa da Roma Fotografia in collaborazione con IL FOTOGRAFO, TWM Factory, Bresciani Visual Art, Camera Service Centro Autorizzato Canon Roma e The Walkman Magazine, con il supporto del Festival della Fotografia Etica e della Biennale della Fotografia Femminile di Mantova. Si rivolge a fotografi professionisti, fotoamatori e cittadini di tutto il mondo, invitandoli a esplorare il concetto di libertà. E a interpretarlo secondo i propri sogni, le proprie esigenze, le privazioni vissute durante la pandemia.

Roma Fotografia

© Alessandro Giannini

Ogni autore può partecipare alla call fino al 30 giugno 2021 inviando una o più immagini singole, anche in tempi diversi. Oppure presentando uno o più progetti con un minimo di cinque fino a un massimo di dieci fotografie. Le opere saranno selezionate da un comitato scientifico presieduto da Luciano Del Castillo, picture editor ANSA, e composto da fotografi professionisti ed esperti del settore. Le immagini parteciperanno a mostre fotografiche collettive, allestite e proiettate in alcuni luoghi di Roma nell’ambito del programma. I lavori selezionati saranno, inoltre, pubblicati sulla rivista IL FOTOGRAFO.

Le mostre

Da luglio a novembre, diverse mostre si alterneranno in alcuni luoghi della città. Presso lo Stadio di Domiziano, dal 16 luglio al 1 agosto, Luciano Del Castillo presenta Hotel Habana Libre, con immagini realizzate a Cuba negli anni precedenti per raccontare la leggerezza della libertà. Si prosegue dal 3 agosto al 2 settembre con Viaggi nel quotidiano – dal cinema alla realtà 1966-2005, mostra dedicata a Pino Settanni a cura di Gabriele D’Autilia, Enrico Menduni, Monique Gregory Settanni, in collaborazione con Istituto Luce – Cinecittà. Dal 4 al 30 settembre è la volta di Il tempo sospeso: la Nord Corea attraverso le immagini inedite di Umberto Stefanelli.

Roma Fotografia

© Pino Settanni

Dal 21 ottobre al 28 novembre Palazzo Merulana ospita un progetto inedito in collaborazione con Istituto Luce – Cinecittà. A cura di Emiliano Guidi e Stefano Mirabella, la mostra Caio Mario Garrubba – freelance sulla strada ripercorre la vita e le opere dell’artista attraverso un focus sulla sua natura di fotografo libero. Una libertà che lo portava a improvvisare e a vagabondare per le strade, alla ricerca di frammenti di vita, con lo scopo di raccontare la vita di ogni giorno, i momenti ordinari, in un complesso racconto del quotidiano.

Roma Fotografia

© Caio Mario Garrubba

Gli altri appuntamenti di Roma Fotografia

Molto ricco, in questa lunga edizione (fino al 21 dicembre), il programma di Roma Fotografia. Tra le iniziative la Masterclass CONTATTO in collaborazione con TWM Factory. Dieci fotografi under 35 avranno la possibilità di scoprire alcune delle attività svolte da Istituto Luce – Cinecittà. Si affiancheranno, infatti, ai professionisti che quotidianamente si occupano di restauro fotografico digitale, digitalizzazione, catalogazione e riuso dei materiali, conservazione e lavorazione su pellicola, organizzazione e realizzazione di mostre fotografiche. E al termine della masterclass saranno protagonisti di una grande mostra presso l’hub culturale WeGIL in collaborazione con la Regione Lazio.

Tornano anche le letture portfolio grazie alla VI edizione di Italy Photo Award. Nato per la valorizzazione e diffusione della cultura fotografica italiana, il premio ha come obiettivo far emergere giovani talenti a fianco di fotografi affermati, offrendo loro un panorama internazionale di visibilità e opportunità in centri d’arte, gallerie, redazioni, le migliori agenzie di fotografi.

La call FREEDOM – Life after in the time of Coronavirus prevede l’assegnazione del premio Fotografia al femminile Bresciani Visual Art dedicato alle donne. L’obiettivo è valorizzare lo sguardo femminile. Far emergere l’interpretazione fotografica che le fotografe hanno saputo dare di un tema così complesso e denso di sfumature. Le opere selezionate parteciperanno a una mostra in programma dal 1° al 31 ottobre presso la galleria Bresciani Visual Art.

Info

Roma Fotografia 2021 FREEDOM è organizzato dall’associazione Roma Fotografia in collaborazione con Regione Lazio, Palazzo Merulana, Coopculture, Istituto Luce – Cinecittà, Stadio di Domiziano, Comitato Mura Latine, Bresciani Visual Art, e il patrocinio di Roma Capitale che ha deciso di inserire e promuovere l’evento nell’ambito della programmazione culturale capitolina.

Tutte le informazioni sono disponibili su www.roma-fotografia.it

Lascia un commento