Esplora il tema delle periferie FOTOGRAFICA, festival di fotografia in scena a Bergamo dal 2 ottobre al 1° novembre.

22 Settembre 2021 di Elisabetta Agrati Elisabetta Agrati

Esplora il tema delle periferie FOTOGRAFICA, festival di fotografia in scena a Bergamo dal 2 ottobre al 1° novembre. Dieci le mostre di grandi autori internazionali, affiancate da un ricco calendario di workshop, eventi speciali, conferenze e proiezioni.

Spiega Daniela Sonzogni, direttrice del Festival: «FOTOGRAFICA intende focalizzarsi su un grande tema di attualità, attraverso gli scatti di fotografi che lavorano per restituirci un approfondimento puntuale. Si sporcano le mani, vanno oltre i confini, oltre il filo spinato, affinché il loro obiettivo diventi per noi la chiave per comprendere e per non dire “non lo sapevo”. La fotografia non chiede permessi e non lascia spazio a scuse. Ci fa riflettere sulla necessità di assumerci nuove responsabilità. È testimonianza preziosa».

«Le incertezze del 2020 ci hanno imposto uno stop temporaneo, ma abbiamo continuato a lavorare con il desiderio di dare continuità al progetto della nostra associazione: raccontare la contemporaneità e il mondo che ci circonda attraverso il linguaggio universale della fotografia».

Un festival di fotografia dedicato alle periferie

A esplorare le periferie, “i luoghi non luoghi” spesso non solo urbani, sono fotografi del calibro di Gabriele Basilico, Monica Bulaj, Francesco Faraci, Sergio Ramazzotti, Giovanni Diffidenti, Silvia Alessi, Fausto Podavini, Valerio Bispuri, Emile Ducke e Christian Rota.

Mostra di punta del festival è Bergamo di Gabriele Basilico, un viaggio nella città minuziosamente documentato, che mette in relazione architetture e spazi, contraddizioni e assonanze grazie a uno studio capillare e un occhio meticoloso.

Ne rimangono preziose foto, risultato di una verifica ottenuta in seguito al “gesto fondamentale del fotografo: il ‘guardare’”, come aveva lui stesso dichiarato in un’intervista del 1998. Gli scatti di Basilico sono ospitati da Daste, l’ex-centrale elettrica Daste e Spalenga divenuta sede di prestigio per lo sviluppo culturale e ricreativo.

Le mostre al Monastero del Carmine

Nove le mostre ospitate presso il Monastero del Carmine. A partire da Broken Songlines di Monika Bulaj – in collaborazione con FUJIFILM –, un lavoro toccante che nasce dall’incontro con l’altro, dal dialogo, dal cammino percorso al fianco «delle persone, dei pellegrini, dei nomadi, delle persone che fuggono» (guarda la videointervista all’autrice).

E ancora Malacarne: Kids Come First di Francesco Faraci, che ci porta nelle viscere del capoluogo siciliano. Baraccopolis di Sergio Ramazzotti, che con lo sguardo potente del reportage indaga il popolo italiano nascosto tra cantine, roulotte, automobili e baracche. Giovanni Diffidenti, in “L’altra faccia” tra Verdellino, Zingonia e Ciserano, documenta il percorso del territorio estremo a cavallo tra Verdellino, Zingonia e Ciserano, in provincia di Bergamo.

festival di fotografia

Kids Come First © Francesco Faraci

In mostra anche Il Piccolo Pamir afghano, periferia del mondo a 4mila metri sul mare, una lunga striscia di terra larga pochi chilometri nell’Afghanistan nord-orientale divenuta vicolo cieco in seguito alla chiusura di tutte le frontiere, superbamente raccontata dallo sguardo di Silvia Alessi.

festival di fotografia

Fausto Podavini @ progetto MiRelLa

È, invece, la periferia dell’anima che colpisce le persone affette da Alzheimer quella raccontata da Fausto Podavini nel progetto MiRelLa. In Prigionieri, Valerio Bispuri posa il suo sguardo sull’invisibilità dei detenuti delle carceri italiane.

festival di fotografia

Diagnosis @ Emile Ducke

In Diagnosis di Emile Ducke segue il convoglio ospedaliero che passa attraverso le più sperdute città della Siberia offrendo assistenza sanitaria a popolazioni che vivono in terre remote. Christian Rota, in Physis, ci mostra luoghi salvifici che riportano la natura alla sua potenza creatrice e distruttrice.

Workshop e incontri

Molto ricco il programma di questa terza edizione del festival di fotografia di Bergamo. Molti gli spunti di riflessione offerti dagli incontri con i fotografi ma anche con giornalisti e scrittori. Segnaliamo, il 5 ottobre, Mondi e storie dietro le immagini con Mario Calabresi. E Broken Songlines, spettacolo teatrale con Monika Bulaj, il 27 ottobre.

Tra i workshop, Raccontare per immagini con Fausto Podavini è dedicato a tutti coloro che intendono migliorare la fase realizzativa e progettuale di lavori fotografici a medio-lungo termine.

Info

FOTOGRAFICA Festival di Fotografia Bergamo è organizzato dall’Associazione di promozione culturale Fotografica in collaborazione con il Comune di Bergamo e grazie al sostegno di BCC Bergamo, FUJIFILM e al partner istituzionale Istituto per il Credito Sportivo.

Orari: venerdì, sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 20. Apertura speciale lunedì 1 novembre, ultimo giorno del festival.

Maggiori informazioni e prenotazioni: www.fotograficafestival.it

Lascia un commento